PDA

View Full Version : Film che vi hanno realmente spaventato



Venticello
23-06-2005, 14:49
Volevo sapere se quando guardate questo genere di film, sentite quel sottile disagio che può trasformarsi in paura o spavento o vi vedete il film con occhio smaliziato e professionale ? Quando spegnete il dvd poi fate il giro della casa a controllare che nessuna presenza si annidi in qualche anfratto, o passata la festa gabbato lu santo e la cosa non vi fa più effetto ?
Ve lo chiedo perchè ieri solo a casa ero tentato da un "Non aprite quella porta", ma poi ho desistito per paura di avere poi paura....non so se mi sono spiegato...sarò babbo io ???
Grazie anticipatamente a chi vorrà partecipare con il proprio pensiero.

agentespeciale
23-06-2005, 20:07
La tristissima verità caro Venticello è che io SEMPRE quando guardo i film di paura poi sento un disagio mostruoso, tipo che ne so quando vado al bagno e tiro lo sciaquone il rumore mi fa immaginare che una faccia diabolica spunti dallo stipite della porta o che non riesco a dormire con un braccio o un piede fuori dal letto perchè immagino che nottetempo una gelida mano mi tocchi e cose cosi, l'altra sera tanto per dirtene una guardavo White Noise e neanche a farlo apposta di sfuggita con la coda dell'occhio ero convinto di vedere qualcosa che si muovesse nel buio della sala, pensa te come sto messo!

MILANOODIA
23-06-2005, 20:21
Sul momento niente paura, niente disagio... ma se il film non l ho visto a casa mia, e quindi devo tornarci, quando faccio al buio quel pezzetto di viale che porta dal posto macchina alla porta di casa mi guardo attorno con fare circospetto e spesso accelero il passo.

Tuchulcha
24-06-2005, 00:17
Non mi capita spesso,ma qualche volta succede.L'ultima è stata un anno fa,dopo aver visionato il DVD de Gli Invasati.

SWAT
24-06-2005, 00:36
o che non riesco a dormire con un braccio o un piede fuori dal letto perchè immagino che nottetempo una gelida mano mi tocchi e cose cosi,

A me ogni tanto capita, tengo il piedi e mani sempre sul letto di proposito ;)

eraserhead
24-06-2005, 10:57
... io c'ho quella bambolina di ceramica che mi fissa in cima alle scale...

Venticello
24-06-2005, 14:24
Che poi effettivamente se uno non si spaventasse che cacchio li guarda a fare questi film....
Ho deciso da Lunedì un horror alla settimana, costi quel che costi... :yikes:

john trent
24-06-2005, 15:02
L'unico film horror che mi crea disagio è "Suspiria". Forse perchè è ancora vivo dentro di me il terrore puro che mi agguantò quando lo vidi per la prima volta in Super 8 nel lontano 1981 all'età di 11 anni...
Da allora l'ho visto un sacco di altre volte in vhs prima e in dvd poi. Ma non lo rivedrei mai di notte e solo in casa. E non vi nego che per anni ho provato un discreto fastidio nell'avvicinarmi alla finestra in quelle terribili e temporalesche serate d'inverno... :shock:

SWAT
24-06-2005, 15:04
Io lo scago più grossso con Zelda di cimitero vivente.. ancora non ho avuto il coraggio di riguardarlo.

Ricordo che il giorno dopo avevo fatto finta di aver dimenticato le chiavi di casa aspettando un intero pomeriggio fuori che tornassero i miei.

Io le chiavi le avevo... ma metti che c'era Zelda in casa.

Adesso faccio del masochismo e mi cerco la foto.

SWAT
24-06-2005, 15:08
Io lo scago più grossso con Zelda di cimitero vivente.. ancora non ho avuto il coraggio di riguardarlo.

Ricordo che il giorno dopo avevo fatto finta di aver dimenticato le chiavi di casa aspettando un intero pomeriggio fuori che tornassero i miei.

Io le chiavi le avevo... ma metti che c'era Zelda in casa.

Adesso faccio del masochismo e mi cerco la foto.

Sto cercando quella foto e mi sto cacando sotto sperando di non trovarla... mi son già guardato le spalle un paio di volte.

SWAT
24-06-2005, 15:09
Cmq mi consolo sapendo che dentro c'era lui...

http://www.bte.org/images/people/a_hubatsek.jpg

john trent
24-06-2005, 15:13
http://home.att.net/~thehorrorhaven/xpet10.jpg http://home.att.net/~thehorrorhaven/pet13.jpg
:smt057

SWAT
24-06-2005, 15:15
http://home.att.net/~thehorrorhaven/xpet10.jpg http://home.att.net/~thehorrorhaven/pet13.jpg
:smt057

Ma era tutto qui?

:oops:

SWAT
24-06-2005, 15:15
Mi ero anche coperto gli occhi con le mani...

Pollanet
24-06-2005, 15:38
io per i film de paura non ci ho mai fatto una malattia, ne ho visti un pò anzi molti, però non ho proprio questa passione

però.... torniamo sempre al punto di partenza.... stai a vedere se un film de paura è bello perchè è bella la sceneggiatura o la fotografia o la musica... un film de paura è bello se ti fa cacare sotto, se non lo fa allora o non è bello o non è de paura

comunque la prima e unica volta che ho visto profondo rosso dall'inizio alla fine ero giovane stavo in casa da solo e sapevo pure come doveva andare a finire perchè avevo l'LP dove si spoilerava ma mi ha preso una paranoia ma una paranoia... ho aspettato che tornasse in casa qualcuno senza riuscire a muovere un muscolo, senza riuscire a cambiare canale, con la paura che si aprisse un cassetto e uscisse fuori quel cazzo di carillon di merda che iniziasse a suonare... non ho mai più rivisto profondo rosso e non penso che lo farò

Shanghai Joe
24-06-2005, 17:53
Idem "Profondo Rosso", esorcizzato poi successivamente con l'età e una massiccia infatuazione dei Goblin, però la prima volta che lo vidi, a 8 anni grazie a mia sorella, diventò il mio incubo ricorrente due volte a settimana fino ai diciotto anni...ora faccio lo sgaggio, ma se lo rivedo da solo in fase down, mi cago addosso tanto quanto...

SWAT
24-06-2005, 18:31
Profondo rosso lo vidi per la prima volta a 4 anni... non mi fece ne caldo ne freddo, ANZI mio babbo me lo raccontava spesso come fiaba.

Ma, a 14 lo rividi a una serata a tema in un teatrino di provincia (il Massari di s. giovanni)
A fine visione dovetti aspettare da solo mezz'ora che mi venissero a prendere davanti alla biblioteca comunale (abbandonata) ...ogni rumore un infarto :lol:

Tuchulcha
24-06-2005, 19:06
Da appassionato di cinema dell'orrore quale sono,devo dire che non condivido l'opinione secondo cui se un film non ti mette strizza vuol dire che è brutto.L'Esorcista,L'Occhio nel triangolo,Zeder non mi hanno fatto paura(ma dell'Occhio...devo dire che la locandina e le fotobuste esposte al cine quad'ero piccino una certa inquietudine me la trasmettevano),ma non mi stancherei mai di riguardarli.Paradossalmente,m'è capitato di provare fifa guardando pellicole "minori" come Il Ritorno dei morti viventi.Lo so che è una stronzata,ma così è:avevo 14 anni,ero al cinema e arriva 'sta scena coi punk che s'intrufolano nell'obitorio.Memore del cadavere rinchiuso nel bidone del prologo,pensavo:"cazzo!Adesso salta fuori e azzanna uno di 'sti balordi.Uscite finchè siete in tempo,deficienti!SCAPPATE!!".Lo ammetto,m'è preso il panico. :shock:

SWAT
24-06-2005, 19:08
Da appassionato di cinema dell'orrore quale sono,devo dire che non condivido l'opinione secondo cui se un film non ti mette strizza vuol dire che è brutto.L'Esorcista,L'Occhio nel triangolo,Zeder non mi hanno fatto paura(ma dell'Occhio...devo dire che la locandina e le fotobuste esposte al cine quad'ero piccino una certa inquietudine me la trasmettevano),ma non mi stancherei mai di riguardarli.Paradossalmente,m'è capitato di provare fifa guardando pellicole "minori" come Il Ritorno dei morti viventi.Lo so che è una stronzata,ma così è:avevo 14 anni,ero al cinema e arriva 'sta scena coi punk che s'intrufolano nell'obitorio.Memore del cadavere rinchiuso nel bidone del prologo,pensavo:"cazzo!Adesso salta fuori e azzanna uno di 'sti balordi.Uscite finchè siete in tempo,deficienti!SCAPPATE!!".Lo ammetto,m'è preso il panico. :shock:

Questo spiega la diversa mentalità e l' approcio con le paure ancestrali delle singole persone, io con l'esorcista mi cacai sotto, con Zeder pure, ha dei momenti altissimi, vabbeh l' occhio nel triangolo.
Mentre invece col ritorno dei morti viventi mi sono esaltato.

Tuchulcha
24-06-2005, 19:14
Infatti lo dico sempre,che la paura è un fatto soggettivo.Per me la morte di Giuliana Calandra in Profondo rosso è da brividi,da non visionare quando si è soli in casa;invece una mia amica(notoriamente fifona)lo ha visto col fidanzato e mi ha confessato che non l'aveva turbata più di tanto.E ci sono quelli che quando guardano L'Esorcista sghignazzano,per dirne un'altra.

Shanghai Joe
24-06-2005, 19:16
Capita anche a me di rimanere molto suggestionato da pellicole tipo Zeder (senza parlare di quando ascoltano il nastro del pittore ne "la casa dalle finestre che ridono"...) mentre al contrario mi esalto con i vari morti viventi o gli Evil Dead...mi viene voglia di mitragliare tutto ciò che si muove con un colorito in volto che cangia dal verde all'azzurro...
Riflettendoci, ho molta più paura dell'ambientazione provinciale, del pazzo scatenato che uccide per il gusto di farlo (mi dico...cazzo potrei essere ucciso anch'io!) e di tutta una serie di simbologie che mi riportano bambino o delle quali ignoro il significato ma le ritengo misteriosamente minacciose...

Tuchulcha
24-06-2005, 19:19
Anch'io mi esalto con zombacci e frattaglie.Infatti il film di O' Bannon è un caso unico,ancora adesso non mi spiego come sia riuscito a spaventarmi.

Venticello
24-06-2005, 19:22
L'Esorcista ho trovato il coraggio per vederlo ormai in maggiore età (sono del 69), mentre Profondo Rosso lo vidi in un cinema di seconda visione (quando ancora c'erano) popolato da tipi che apostrofavano in continuazione i protagonisti con battute d'avanspettacolo facendomelo diventare una specie di macchietta, solo in seguito, quando lo vidi da solo, realizzai che capolavoro del terrore è quel film. Inutile dire che ebbi sonni agitatissimi.
Ma il vero mio cruccio di quand'ero fanciullo era Lo Squalo, ne ero talmente terrorizzato che il solo vedere la locandina mi faceva scappare a gambe levate....sta cosa me la sono portata dietro per qualche anno e addirittura avevo smesso di fare il bagno in mare per un breve periodo. Da psicanalisi.

Tuchulcha
24-06-2005, 19:26
La visione di Jaws ha tolto a parecchi la voglia di tuffarsi.Spielberg è stato davvero abile a sfruttare la paura inconscia per tutto ciò che si nasconde sotto la superficie del mare.A me gli horror subacquei piacciono da matti,ma paura zero.

Venticello
24-06-2005, 19:31
Beh per dirti, de Lo Squalo ne ho rivisto un pezzo poche sere fa, e ne ho sorriso...
Straquoto il concetto di SJ, le ambientazioni più "normali" sono maggiormente inquietanti proprio per quella normalità che te le fa sentire più possibili...mamma mia la registrazione della casa dalle finestre che ridono....cosa mi hai fatto tornare in mente....bbbbbbrrrrrrrrr......

Emiliano Michelini
24-06-2005, 22:32
Confesso che questo è un post che avrei voluto aprire io, non riesco quasi più a guardare nessun film dell'orrore, o perchè non mi piacciono più o perchè me fanno veramente paura.
:oops: :oops: Per esempio "Non aprite quella porta" non credo riuscirei a guardarlo da solo, anzi ne sono sicuro.

Idem per il primo Nightmare, ovviamente in versione integrale, quello con la scena tremenda dove Kruger trascina la povera Tina per tutto il soffitto se non ricordo male, alla tv nei mitici anni '80 era stata tagliata, e quando la vidi a 15 anni la prima volta integrale mi fece veramente paura, non so se riuscirei a guardarla adesso. Sarebbe una bella sfida con me stesso.
Neanche la scena del film "La cosa " di Carpenter, quella dove gli esce dalla pancia(la cosa non Carpenter), riuscirei a sostenere, insomma ho paura !:oops:

Charlie Croker
25-06-2005, 04:51
Anch'io mi esalto con zombacci e frattaglie.Infatti il film di O' Bannon è un caso unico,ancora adesso non mi spiego come sia riuscito a spaventarmi.

Io ricordo abbastanza il fastidio che dava gli anni appena successivi alla sua uscita. Personalmente il lato ironico tendeva a spiccare poco, mentre fuoriusciva maggiormente il resto, dallo zombie legato sul tavolo allo zombie scuro nello scantinato. Tanto che mi fece più impressione di Zombi di Romero, che avevo visto più giovane e con meno impressione.

Charlie Croker
25-06-2005, 04:57
In generale non mi colpiscono più gli horror o i thriller liminanti quei territori. E' anche rara la sensazione nervosa, dovuta più ad uno scatto "fisico", ma è quella che più facilmente capita. Insomma, se compare qualcosa all'improvviso posso anche "scattare", ma tutto finisce lì nei due secondi. Difficile che rimanga una sensazione oltre la visione stessa. Da un certo punto di vista sono quindi un pessimo spettatore per gli horror, perchè riesco a godermi veramente solo quelli che nascondono idee che vanno al di là del semplice spettacolo. E la cosa mi sembra un piccolo tradimento nei confronti di questo genere.

Tuchulcha
25-06-2005, 13:28
In generale non mi colpiscono più gli horror o i thriller liminanti quei territori. E' anche rara la sensazione nervosa, dovuta più ad uno scatto "fisico", ma è quella che più facilmente capita. Insomma, se compare qualcosa all'improvviso posso anche "scattare", ma tutto finisce lì nei due secondi. Difficile che rimanga una sensazione oltre la visione stessa. Da un certo punto di vista sono quindi un pessimo spettatore per gli horror, perchè riesco a godermi veramente solo quelli che nascondono idee che vanno al di là del semplice spettacolo. E la cosa mi sembra un piccolo tradimento nei confronti di questo genere.
Al contrario:io trovo che il vero horror,quello genuino,sia l'unico capace di trasmettere impressioni e idee che esulano dalla semplice efficacia spettacolare.Film come The Grudge ti fanno spiccare un bel salto sulla sedia,ma finisce lì;Romero e Cronenberg magari non te la faranno far sotto dalla paura,ma quel che vogliono dire i loro copioni ti colpisce,ti lascia addosso un senso di disagio che va molto aldilà della pelle d'oca a buon mercato.Oppure ci sono le vie di mezzo,come Suspiria;è un film dove quel che ti rimane non è tanto la strizza(sebbene sia perfettamente in grado di trasmetterla)quanto l'incredibile talento visionario del regista,capace di riempire lo schermo con trovate che ti aggrediscono e deliziano,da quanto sono originali.

SWAT
25-06-2005, 15:39
Tanto che mi fece più impressione di Zombi di Romero, che avevo visto più giovane e con meno impressione.

Ricordo ancora la prima volta che vidi un pezzo di zombi di Romero, 11 anni, giravo i canali e c'era Ken Foree che giocava a tennis sul tetto del magazzino, e già lì ero terrorizzato, poi l' inquadratura cambiò su di un gruppetto di zombacci verdi.... cambio di canale ISTANTANEO... me lo feci raccontare il giorno dopo da una mia compagna di classe... :oops: :lol:
Ora è uno dei miei film preferiti in assoluto.

drugo
26-06-2005, 19:36
Dunque se devo essere onesto, l'ultimo film che mi ha spaventato (e costretto a dormire con la luce accesa) è stato The ring (quello ameregano).
In assoluto cmq la pellicola che mi ha più terrorizzato (perchè la vidi da piccolo) è il mulino delle donne di pietra...
Al secondo posto metto l'episodio di ... (non mi ricordo il titolo originale, al tempo fu presentato come "7 storie per non dormire"), dove a un pupazzetto africano viene tolta la collana e questo si anima cercando di uccidere la protagonista, che alla fine si sbarazza del mostriciattolo infilandolo nel forno, senonché...
Mi hanno disturbato parecchio anche Maniac di Lusting e Magic di Attenborough.
Visto il tema del secondo film, credo di avere una fobia dei pupazzi...

Venticello
26-06-2005, 20:01
A Drughè, mannaggia a te e ar pupazzo che m'hai fatto ricordà...tzè...tzè... Sembrava na cacata eppoi nun c'ho dormito...

Charlie Croker
27-06-2005, 14:50
In generale non mi colpiscono più gli horror o i thriller liminanti quei territori. E' anche rara la sensazione nervosa, dovuta più ad uno scatto "fisico", ma è quella che più facilmente capita. Insomma, se compare qualcosa all'improvviso posso anche "scattare", ma tutto finisce lì nei due secondi. Difficile che rimanga una sensazione oltre la visione stessa. Da un certo punto di vista sono quindi un pessimo spettatore per gli horror, perchè riesco a godermi veramente solo quelli che nascondono idee che vanno al di là del semplice spettacolo. E la cosa mi sembra un piccolo tradimento nei confronti di questo genere.
Al contrario:io trovo che il vero horror,quello genuino,sia l'unico capace di trasmettere impressioni e idee che esulano dalla semplice efficacia spettacolare.Film come The Grudge ti fanno spiccare un bel salto sulla sedia,ma finisce lì;Romero e Cronenberg magari non te la faranno far sotto dalla paura,ma quel che vogliono dire i loro copioni ti colpisce,ti lascia addosso un senso di disagio che va molto aldilà della pelle d'oca a buon mercato.Oppure ci sono le vie di mezzo,come Suspiria;è un film dove quel che ti rimane non è tanto la strizza(sebbene sia perfettamente in grado di trasmetterla)quanto l'incredibile talento visionario del regista,capace di riempire lo schermo con trovate che ti aggrediscono e deliziano,da quanto sono originali.

Non so. Suppongo che tu conosca come molti kinghiani e King stesso accolsero Shining di Kubrick, giudicandolo un tradimento dell'horror perchè troppo intelletuale, troppo pensato, ecc. Ecco, io considero eccessivo il loro punto di vista, ma allo stesso tempo quasi veritiero. L'idea per me, nell'horror, è un di più, che arricchisce la visione e da al film uno status superiore (se è una idea, estetica o concettuale, valida), ma appunto è un di più. L'horror dovrebbe riuscire ad essere il più delle volte un genere quasi istintuale, fatto di inconscio e di nervi, di strabuzzamenti e di digrignamenti.

Charlie Croker
27-06-2005, 14:56
Tanto che mi fece più impressione di Zombi di Romero, che avevo visto più giovane e con meno impressione.

Ricordo ancora la prima volta che vidi un pezzo di zombi di Romero, 11 anni, giravo i canali e c'era Ken Foree che giocava a tennis sul tetto del magazzino, e già lì ero terrorizzato, poi l' inquadratura cambiò su di un gruppetto di zombacci verdi.... cambio di canale ISTANTANEO... me lo feci raccontare il giorno dopo da una mia compagna di classe... :oops: :lol:
Ora è uno dei miei film preferiti in assoluto.

Questa è una di quelle cose curiose che capitano con i bambini: ognuno ha il proprio "punto sensibile". Io vidi Zombi a circa 7-8 anni e mi divertii. Lo vidi quasi come un film avventuroso, con tutta la parte degli zombie nel centro commerciale che mi fece ridere. Invece, come detto, il film di O'Bannon mi lasciò sempre, quand'ero ragazzino, un certo disagio.
Oggi, naturalmente, Zombi lo considero un capolavoro, mentre l'altro un buon film horror, simpatico e divertente, ma mi piace anche conservare il ricordo del modo in cui li consideravo allora.

Charlie Croker
27-06-2005, 14:58
L'episodio col feticcio africano appartiene al classico Trilogia del terrore,di Dan Curtis.

Assolutamente terrificante, nei ricordi di allora (e mi sa che è da allora che non lo rivedo), anche perchè avevo una antipatia propositata per la Black e la cosa non aiutava di certo.

almayer
27-06-2005, 16:55
o che non riesco a dormire con un braccio o un piede fuori dal letto perchè immagino che nottetempo una gelida mano mi tocchi e cose cosi,

A me ogni tanto capita, tengo il piedi e mani sempre sul letto di proposito ;)

Idem, un consiglio di Stephen King.

almayer
27-06-2005, 17:00
Riflettendoci, ho molta più paura dell'ambientazione provinciale, del pazzo scatenato che uccide per il gusto di farlo (mi dico...cazzo potrei essere ucciso anch'io!) e di tutta una serie di simbologie che mi riportano bambino o delle quali ignoro il significato ma le ritengo misteriosamente minacciose...

La scena di La Casa dalle Finestre... in cui il prete rivela la sua identità mi terrorizza tuttora.

almayer
27-06-2005, 17:04
Suppongo che tu conosca come molti kinghiani e King stesso accolsero Shining di Kubrick, giudicandolo un tradimento dell'horror perchè troppo intelletuale, troppo pensato, ecc.

Eppure le scene del bambino che gira per i corridoi col triciclo a mio avviso sono da antologia dell'horror.

SWAT
27-06-2005, 17:08
Eppure le scene del bambino che gira per i corridoi col triciclo a mio avviso sono da antologia dell'horror.

..cazzo le gemelline di shining! Altro trauma infantile :D

Caltiki
27-06-2005, 17:10
La scena di La Casa dalle Finestre... in cui il prete rivela la sua identità mi terrorizza tuttora.

semplicemente impressionante..Avati sul libro di Bruschini, Operazione paura, disse di essersi ispirato a un fatto realmente accadutogli da ragazzino al suo paese..quando dissotterrarono il parroco, scoprirono che era una donna..

le mie paure cinematografiche sono legate in modo particolare a Belfagor, lo sceneggiato con Juliette Greco..rivisto ora non mi fa nessun effetto, ma allora..

SWAT
27-06-2005, 17:15
Ve lo ricordate "la notte dei cartoni" io non dormii ed ebbi gli incubi per delle notti con l' episodio dell' arpia!

Drugo me ne ha passato una copia ma ancora non ho avuto il coraggio di visionare :oops:

almayer
27-06-2005, 17:23
La scena di La Casa dalle Finestre... in cui il prete rivela la sua identità mi terrorizza tuttora.

semplicemente impressionante..Avati sul libro di Bruschini, Operazione paura, disse di essersi ispirato a un fatto realmente accadutogli da ragazzino al suo paese..quando dissotterrarono il parroco, scoprirono che era una donna..

Lo riconferma anche negli extra del DVD.

almayer
27-06-2005, 17:29
Eppure le scene del bambino che gira per i corridoi col triciclo a mio avviso sono da antologia dell'horror.

..cazzo le gemelline di shining! Altro trauma infantile :D

Kubrick si ispirò ad una foto di Diane Arbus, grandissima fotografa americana che fotografava il "dark side of the USA":

http://www.temple.edu/photo/photographers/arbus/arbus.htm

Ecco le originali, se possibile ancora più terrorizzanti:

http://www.fotorevista.com.ar/Maestros/Arbus/arbus_twins.jpg

SWAT
27-06-2005, 17:33
ma vafanculo almayer.. mi è venuto un colpo con sta foto :x ... :lol:

Venticello
27-06-2005, 17:40
La scena di La Casa dalle Finestre... in cui il prete rivela la sua identità mi terrorizza tuttora.

semplicemente impressionante..Avati sul libro di Bruschini, Operazione paura, disse di essersi ispirato a un fatto realmente accadutogli da ragazzino al suo paese..quando dissotterrarono il parroco, scoprirono che era una donna..

le mie paure cinematografiche sono legate in modo particolare a Belfagor, lo sceneggiato con Juliette Greco..rivisto ora non mi fa nessun effetto, ma allora..

Ma se io mi cagavo addosso quando nella sigla de "La Baronessa di Carini" si vedeva l'impronta della mano insanguinata sul muro...

almayer
27-06-2005, 17:47
ma vafanculo almayer.. mi è venuto un colpo con sta foto :x ... :lol:

Tutte le sue foto sono inquietanti, riesce veramente a tirar fuori il lato oscuro dai suoi soggetti. Apparentemente sono foto normali, ma c'è qualcosa di strano, di storto, di malsano, che mette inquietudine.

Caltiki
27-06-2005, 17:59
Ma se io mi cagavo addosso quando nella sigla de "La Baronessa di Carini" si vedeva l'impronta della mano insanguinata sul muro...

:D :D impressionabile eh? eheheh....insomma, dovresti passare a un altro genere, che so, ai Disney..lì vai tranquillo :)

Venticello
27-06-2005, 18:04
Ma se io mi cagavo addosso quando nella sigla de "La Baronessa di Carini" si vedeva l'impronta della mano insanguinata sul muro...

:D :D impressionabile eh? eheheh....insomma, dovresti passare a un altro genere, che so, ai Disney..lì vai tranquillo :)

Sì bravo....visto che ci siamo dico questa poi verrò allontanato dal forum per ignominia....durante la trasformazione della vecchia di Biancaneve in strega sono scappato fuori dal cinema....sì ma ero piccolo cazzo....

almayer
27-06-2005, 18:10
ma vafanculo almayer.. mi è venuto un colpo con sta foto :x ... :lol:

Tutte le sue foto sono inquietanti, riesce veramente a tirar fuori il lato oscuro dai suoi soggetti. Apparentemente sono foto normali, ma c'è qualcosa di strano, di storto, di malsano, che mette inquietudine.

Per dire:

http://www.uic.edu/depts/ahaa/classes/ah111/arbus1.jpg

Caltiki
27-06-2005, 18:52
Sì bravo....visto che ci siamo dico questa poi verrò allontanato dal forum per ignominia....durante la trasformazione della vecchia di Biancaneve in strega sono scappato fuori dal cinema....sì ma ero piccolo cazzo....

beh, allora sei proprio senza speranze.. ahahah

Tuchulcha
27-06-2005, 18:54
In generale non mi colpiscono più gli horror o i thriller liminanti quei territori. E' anche rara la sensazione nervosa, dovuta più ad uno scatto "fisico", ma è quella che più facilmente capita. Insomma, se compare qualcosa all'improvviso posso anche "scattare", ma tutto finisce lì nei due secondi. Difficile che rimanga una sensazione oltre la visione stessa. Da un certo punto di vista sono quindi un pessimo spettatore per gli horror, perchè riesco a godermi veramente solo quelli che nascondono idee che vanno al di là del semplice spettacolo. E la cosa mi sembra un piccolo tradimento nei confronti di questo genere.
Al contrario:io trovo che il vero horror,quello genuino,sia l'unico capace di trasmettere impressioni e idee che esulano dalla semplice efficacia spettacolare.Film come The Grudge ti fanno spiccare un bel salto sulla sedia,ma finisce lì;Romero e Cronenberg magari non te la faranno far sotto dalla paura,ma quel che vogliono dire i loro copioni ti colpisce,ti lascia addosso un senso di disagio che va molto aldilà della pelle d'oca a buon mercato.Oppure ci sono le vie di mezzo,come Suspiria;è un film dove quel che ti rimane non è tanto la strizza(sebbene sia perfettamente in grado di trasmetterla)quanto l'incredibile talento visionario del regista,capace di riempire lo schermo con trovate che ti aggrediscono e deliziano,da quanto sono originali.

Non so. Suppongo che tu conosca come molti kinghiani e King stesso accolsero Shining di Kubrick, giudicandolo un tradimento dell'horror perchè troppo intelletuale, troppo pensato, ecc. Ecco, io considero eccessivo il loro punto di vista, ma allo stesso tempo quasi veritiero. L'idea per me, nell'horror, è un di più, che arricchisce la visione e da al film uno status superiore (se è una idea, estetica o concettuale, valida), ma appunto è un di più. L'horror dovrebbe riuscire ad essere il più delle volte un genere quasi istintuale, fatto di inconscio e di nervi, di strabuzzamenti e di digrignamenti.
Per me il problema della trasposizione cinematografica di Shining non è l'eccesso d'intellettualismo;semmai è proprio l'opposto.Le trovate migliori del film sono quelle più marcatamente kubrickiane:il labirinto di siepi,Nicholson con lo sguardo perso nel vuoto,la stessa frase ossessiva battuta a macchina da Jack,la donna che si trasforma in vecchia putrida fra le braccia di Nicholson,la foto nell'enigmatico finale...invece ci sono tante altre cose che volgarizzano l'insieme,che sembrano messe lì tanto per ricordarci(come se ce ne fosse bisogno)che stiamo guardando un horror.La spiegazione iniziale sulla genesi dell'Overlook(nel libro non dicono affatto che sia stato costruito su un antico cimitero indiano,fa troppo Amityville Horror),i corridoi inondati di sangue,Jack che fin dalle prime immagini del film ostenta lo sguardo da pazzoide(quanto più complesso è il personaggio del romanzo!),il piccolo Danny che parla col suo dito,gli spettri mutilati che scherniscono Wendy...nel libro giustamente non c'erano,e infatti fa molto più paura della pellicola di Kubrick.L'horror può inquietare e vantarsi di una costruzione intellettuale contemporaneamente,come dimostrano robe tipo la Corta notte delle bambole di vetro,Il Profumo della signora in nero,Night of The Eagle...Il Giro di vite di Henry James ha terrorizzato tanti lettori,ma è più di una semplice storia di fantasmi.Idem con patate per i migliori racconti neri di Poe,Leiber e De Maupassant.

drugo
28-06-2005, 04:09
Semplicemente a me (come a molti) spaventa in un film horror, l'elemento straniante. Quindi bambini, pupazzi, clown, musiche infantili...

agentespeciale
28-06-2005, 11:19
Da appassionato di cinema dell'orrore quale sono,devo dire che non condivido l'opinione secondo cui se un film non ti mette strizza vuol dire che è brutto.L'Esorcista,L'Occhio nel triangolo,Zeder non mi hanno fatto paura(ma dell'Occhio...devo dire che la locandina e le fotobuste esposte al cine quad'ero piccino una certa inquietudine me la trasmettevano),ma non mi stancherei mai di riguardarli.Paradossalmente,m'è capitato di provare fifa guardando pellicole "minori" come Il Ritorno dei morti viventi.Lo so che è una stronzata,ma così è:avevo 14 anni,ero al cinema e arriva 'sta scena coi punk che s'intrufolano nell'obitorio.Memore del cadavere rinchiuso nel bidone del prologo,pensavo:"cazzo!Adesso salta fuori e azzanna uno di 'sti balordi.Uscite finchè siete in tempo,deficienti!SCAPPATE!!".Lo ammetto,m'è preso il panico. :shock:

Questo spiega la diversa mentalità e l' approcio con le paure ancestrali delle singole persone, io con l'esorcista mi cacai sotto, con Zeder pure, ha dei momenti altissimi, vabbeh l' occhio nel triangolo.
Mentre invece col ritorno dei morti viventi mi sono esaltato.
Caro Swat ti confermo che ad oggi il film che più mi ha fatto paura è L'esorcista il quale ha instillato in me la perenne paura della faccia di Linda Blair devastata dal demonio, cazzo anche ieri sera me la sono immaginata!
E pensa che sono solo in casa per un mese mannaggia!

agentespeciale
28-06-2005, 11:22
o che non riesco a dormire con un braccio o un piede fuori dal letto perchè immagino che nottetempo una gelida mano mi tocchi e cose cosi,

A me ogni tanto capita, tengo il piedi e mani sempre sul letto di proposito ;)

Idem, un consiglio di Stephen King.
Ieri notte avevo una mano sul bordo del letto e mi è presa una inquietudine da non dormirci, cazzo mi sono dovuto spostare al centro esatto del letto!
Aiutoooooooooo sono solo per un mese intero!

Green Jelly
10-01-2006, 12:24
nonostante i miei 27 anni devo ammettere che ci sono dei film che mai mi sognerei di visionare da solo, pena riempirmi i pantaloni di materia fecale , nello specifico:

-l'esorcista (non ho più avuto il coraggio di guardarlo)
-suspiria

e voi? avete delle pellicole che nonostante la vostra maggiore età non visionereste mai nella solitudine della vostra stanzetta??? :D

Oppure siete tutti dei John Wayne without any fear? :swat:

Killer Klown
10-01-2006, 12:31
Io li ho sempre guardati da solo...

Val
10-01-2006, 12:48
Si si, anche io non ho problemi a vedere da solo qualsiasi cosa...rigorosamente al buio e in silenzio, con la luce della luna che fa capolino dalla finestrella della mia mansarda.

Tuchulcha
10-01-2006, 13:03
Gli horror van gustati in solitudine,se no a metà visione ti vien voglia di sgozzare il rompipalle di turno che per far vedere che non ha paura funesta la proiezione con battutine stronze.Comunque no,un film che non abbia il coraggio di visionare non c'è mai stato,anzi:più han fama di essere crepaspaventi più ho voglia di recuperarli.Spesso la delusione è dietro l'angolo,ahimè...

Shanghai Joe
10-01-2006, 13:17
io, ciclicamente, con "Profondo Rosso" me la faccio, a tratti, nelle braghe...o meglio è sempre stato l'unico film che mi tormenta anche in sogno dopo la visione...

aflow
10-01-2006, 13:20
Appoggio "Profondo rosso" ed aggiungo "Psycho" e "La casa dalle finestre che ridono".

Caltiki
10-01-2006, 13:49
Diciamo che, in parallelo all'aumento dell'età, è diminuito il tasso di "fifa".
Ovviamente da ragazzini si è più suggestionabili (ad esempio ero terrorizzato dallo sceneggiato Belfagor).
Comunque, tra i film che mi danno ancora qualche brivido:
la casa dalle finestre che ridono (il volto di Walter Eugene nel finale..)
profondo rosso
non aprite quella porta
buio omega per il tono "disturbante", così come alcune situazioni precise: le sequenze dell'obitorio in Macchie solari, la vecchia gestrice dell'albergo nel Seme della follia..
Una cosa che mi riesce difficile guardare da solo (anzi, ultimamente mi riesce difficile guardarle in senso assoluto) sono le varie scene reali (o pseudo-reali) nei mondo movies, sia che riguardino uomini od animali.

SWAT
10-01-2006, 14:23
Visioni a notte fonda con tutte le luci spente, incassato nel divano con spazio alle spalle e la porta alle spalle :D

Se no che gusto c'è?

Con Kairo ogni tanto mi voltavo a guardare dietro, idem la prima volta che vidi The Grudge.

Com'è già stato detto il tasso di fifa diminuisce con l' età, penso di non avere più di questi problemi.

L' ultima volta che ho avuto problemi e fatto ricorso al FFW è stato con "Terroris killers, and middle-east wackos" dove segavano mani e piedi a dei prigionieri,(vivi) ricordo che mi suggestionò un pochino la prima volta... ma poi tutto liscio come l' olio... ma non è propriamente un film e penso di essere OT.

Yulai
10-01-2006, 16:26
...voi siete sadici!....
Comunque, è risaputo che le ragazze sono un pelo più emotive, ma io sono uno scandalo.... non riesco più a vedere nulla da sola di quel genere!
Devo avere sempre qualcuno vicino per prendergli il braccio e coprirmi gli okki finchè le scene critiche nn sono passate.... e nel frattempo chiedo cosa sta accadendo!..... non è divertente, nè per me, nè per l'altro spettatore!
...e pensare che da piccina ero un'appassionata di horror.... me li sono visti tutti!

SWAT
10-01-2006, 16:33
me li sono visti tutti!

MAI fare affermazioni del genere qui dentro :D

Bmw2002
10-01-2006, 16:37
Diciamo che, in parallelo all'aumento dell'età, è diminuito il tasso di "fifa".
Giustissima e saggia Osservazione.

Quando ero bambino ero terribilmente impressionato dal pagliaccio di IT.
Film che poi acquistai a 17 anni in VHS e che guardai da solo ;)

:confused: Non c'è adesso un film che non riesca aguardare da solo,inoltre tendo sempre essere da solo quando guardo i film ... :confused:

Yulai
10-01-2006, 16:41
MAI fare affermazioni del genere qui dentro :D
giusto.... diciamo che ne ho visti abbastanza per me!

drugo
10-01-2006, 19:02
Mah, onestamente non saprei...
Ricordo che da piccolo rimasi terrorizzato alla visione de "Il mulino delle donne di pietra" e dal pupazzo nero con collanina e lancia di cui dimentico sempre il titolo...
Dovessi scegliere ora però...Sarà l'aumento dell'età inversamente proporzionale alla fifa, come giustamente ha fatto presente da Caltiki?

Emiliano Michelini
10-01-2006, 19:33
Penso che il film che non riuscirei a guardare da solo è "Non aprite quella porta"l'orIginale ovviamente, non il remake. Mi ha spaventato moltissimo una volta che lo rividi a casa di un mio amico, poi nel tragitto per tornare a casa mia stavo realmente tremando, anche se era freddo perchè mi ricordo era gennaio. E' molto realistico ed è per questo credo che mi fa un certo effetto. Qualsiasi scena mi fa parecchio "brutto".Da quella volta (5 o 6 anni fa) non l'ho più rivisto da solo, troppa paura, anche se ritengo sia uno dei migliori film che abbia visto in vita mia.

MILANOODIA
10-01-2006, 20:03
Per me il discorso è un tantino diverso: solitamente guardo la maggior parte deglio horror con la mia ragazza, che ne è appassionata (spesso me lo chiede lei!), ma ne è anche totalmente terrorizzata, tanto da saltare spesso sulla sedia facendomi così più paura lei di quanta me ne farebbe il film in se... quindi la domanda è... quali horror non vedrei mai con lei perchè mi impaurirebbe di più?! L esorcista!

Emiliano
06-09-2006, 22:54
Molti i film che mi hanno procurato incubi notturni di tutti i generi (non solo nell'infanzia :D ) e che mi rendevano paranoico da piccolo quando dovevo salire la lunga e ripida scalinata che dalla mia buia cantina portava al piano terra di casa. Scalinata che percorrevo correndo col timore che qualcosa alle mie spalle potesse agguantarmi.
Tuttavia una reazione di vero rifiuto da paura me la procurò solo Zombi di Romero, a 16 anni, che letteralmente smisi di guardare perchè troppo cruento nelle scene di smembramento, abituato com'ero alle rassicuranti visioni degli anni 90, stoppando di netto la cassetta per riprodurla solo qualche settimana dopo, passato lo shock. Da una decina d'anni non ricordo altri effetti collaterali di film horror. Ne ho una qualche nostalgia :(

LaBelvaColMitra
07-09-2006, 00:46
Pur non spaventandomi affatto gli horror(al massimo ho qualche colpo al cuore:D ) , mi ricordo che una domanica pomeriggio quando ero in quarta elementare frugai tra le cassette dei miei genitori e nascosto c'era IT...Mamma mia ho dormito per due mesi con la luce accesa e per anni(almeno fino ai 13) mi sono rifiutato di scendere in cantina...e ancora adesso i pagliacci mi mettono un po' paura...infatti uno dei film d'orrore più brutti della storia ovvero, ovvero the clown at midnight, è per me di un inquietante...poi basta rivisto dopo anni fa quasi ridere IT...ma quando ero bambino...che paura! Mi ricordo che appena vedevo la cassetta in giro mi venivano i brividi solo a guardare la copertina...
L'altro unico film che mi ha davvero spaventato o meglio shockato(ma solo la scena finale) è stato la casa dalle finestre che ridono...l'ho trovata una delle scene più geniali e terrificanti del cinema horror italiano...per una settimana non pensavo ad altro!

Tuchulcha
07-09-2006, 13:16
L'altro unico film che mi ha davvero spaventato o meglio shockato(ma solo la scena finale) è stato la casa dalle finestre che ridono...l'ho trovata una delle scene più geniali e terrificanti del cinema horror italiano...per una settimana non pensavo ad altro!
Resta tuttora il mio preferito, uno dei pochi horror a non essere invecchiati col tempo.

Er_Cinese
07-09-2006, 14:20
A me i film horror classici non fanno paura di solito (o almeno ancora non mi è capitato il film che me ne ha fatta). Ho visto sia Profondo Rosso sia Suspiria da solo in casa senza alcun problema e soprattutto dopo Suspiria mi mettevo vicino alla finestra perchè volevo che qualcuno mi acchiappasse (malato:rolleyes:). Per non parlare dei bei filmoni splatter-gore soprattutto con gli zombi tipo la trilogia (ora quadrilogia) di Romero, quelli di Fulci, come ha gia detto qualcuno prima, mi esaltano.

Ma una cosa di cui mi cago sotto, ma davvero sotto sono i film che parlano del diavolo. La spiegazione ve la do: essendo io credente, anche se non praticante, io in queste cose ci credo, no come uno zombi tritato che so che sono frutto di fantasie, per questo l'argomento mi terrorizza (anche quando fanno special sul satanismo io cambio canale). Di fatti io ancora ho problemi a dormire quando non c'è nessuno in casa da quando ho visto l'Esorcista, mi riviene sempre in mente la faccia di Capitan Gaio che ogni tanto appare nel film, oppure l'ombra che il commissario vede aggirarsi nella stanza di Regan . Pensate voi, mi è capitato di imbattermi anche su un sito di fanataci a livelli estremi che parlava di messaggi subliminali e da allora metà della musica che ascoltavo non la ascolto più perchè se no poi la notte faccio le ore piccole. Pensate 'npo' come sto messo!!

Tuchulcha
07-09-2006, 15:03
Mah, non saprei. Indubbiamente il miglior modo per apprezzare una storia di fantsmi è crederci, e quando credi in qualcosa ti fa più paura. Però un'educazione cattolica l'ho ricevuta anch'io, da piccino al diavolo ci credevo e t'assicuro che L'Esorcista e altre pellicole di egual tenore non m'hanno mai spaventato. M'impressionano di più le storie di spettri, e in fondo si spiegherebbe col fatto che ai fantasmi ci crediamo un po' tutti, anche se non vogliamo ammetterlo; però sempre da piccino mi facevano paura gli horror con gli zombi, e ai morti ambulanti non ci credevo neanche allora. Evidentemente certi argomenti toccano paure inconscie che non sappiamo di avere, sennò non si spiegherebbe il fatto che quel che spaventa te non necessariamente ha lo stesso effetto su di me. Ad esempio i serial killers sono reali, ma in genere film e romanzi sul tema non mi fanno venire la pelle d'oca. Forse quel che nel cinema e nella narrativa dell'orrore ci spaventa non è ciò in cui crediamo, ma ciò che speriamo non esista.

Er_Cinese
07-09-2006, 15:32
Si, sono d'accordo con te, hai detto una cosa giusta: noi abbiamo paura di quello che speriamo non esista. Esempio banale: anche con un educazione cattolica i dubbi sull'esistenza di un paradiso ed un inferno ci sono sempre e ciò porta spesso a situazioni del genere (ma sarà vero o non sarà vero?) che possono incutere timore. E poi hai ragione, le paure cambiano da soggetto a soggetto.

MestrualVampire
04-11-2006, 09:31
a me gli horror piacciono, però non mi hanno mai spaventato al punto di non dormire. per dire, non apreite quella porta lo vidi da solo a 14 anni, facendomi anche delle grasse risate (forse per allentare la tensione? boh!).
l'unica cosa che mi ha fatto avere paura del buio per anni, e tolto ore di sonno, è stato uno spettacolo teatrale di andrea mingardi che vidi coi miei quando avevo 8 anni: lo spettacolo si chiamava "moviola insanguinata" e erano protagonisti dei tipi incappucciati che facevano fuori la gente. giuro, mi cagai veramente addosso (beh, normale, cazzo 8 anni!) ed ebbi incubi ricorrenti per almeno un anno.
il tutto fu "esorcizzato" appunto un anno dopo, quando sentii su un nastro la canzone "ho vist un marzien" di mingardi appunto, che me lo fece apparire meno spaventoso.
comunque davvero, quagli uomini incappucciati li vedevo dappertutto>!>

bobby keller
04-11-2006, 09:35
piu' che gli horror mi spaventano i misteri di blunotte di lucarelli e prodotti simili,forse perchè so' che sono fatti veri,e la maggior parte molto inquietanti e misteriosi da far veramente paura

stubby
16-02-2007, 00:28
Quoto l'esorcista lo vidi la prima volta a 11 anni.......cagaia per 2 giorni,ogni volta che lo rivedo mi mette i brividi.(però lo vedo da solo)
Un paio di anni fà ero in casa e mi apprestavo ad uscire la tv era sintonizzata su mtv e passava the ring 2 jappo,non l'avevo mai visto e quando ci fu una scena in cui una ragazza era inginocchiata e sentiva la presenza della bimba,dissi a voce alta (ma ero da solo) è tardi devo andare......ma in verità mi cagavo addosso.:D

a3bla
19-02-2007, 20:25
L'unica cosa che mi abbia disturbato in vita mia è stato in giovane età x il pagliaccio di IT,era per me altamente disturbante,mi ricordo che per un po'mi venne la fissa di guardare sotto il letto.
Ora come ora non cè nulla che mi impressioni, e in beata solitudine notturna mi posso guardare di tutto.

scerbanenco1986
19-02-2007, 20:28
L'unica cosa che mi abbia disturbato in vita mia è stato in giovane età x il pagliaccio di IT,era per me altamente disturbante,mi ricordo che per un po'mi venne la fissa di guardare sotto il letto.
Ora come ora non cè nulla che mi impressioni, e in beata solitudine notturna mi posso guardare di tutto.

il promo televisivo mi ha devastato per anni

Per Elisa in sottofondo...la barchetta di carta bianca...il telefono che squilla...e IT.
Un Trauma per dirla alla Argento

tepepa77
19-02-2007, 22:28
il promo televisivo mi ha devastato per anni

Per Elisa in sottofondo...la barchetta di carta bianca...il telefono che squilla...e IT.
Un Trauma per dirla alla Argento

Anche io ho subito lo stesso trauma ma sono riuscito a vincerlo e a vedere il film;)
Di solito li vedo da solo.
Un film che non sono riuscito a vedere da solo è the ring e conservato li in un angolo che aspetta di essere visto, magari dopo dirò che non era nulla di cosi terrificante ma per adesso non sono riuscito a vederlo

Tuchulcha
20-02-2007, 00:34
il promo televisivo mi ha devastato per anni

Per Elisa in sottofondo...la barchetta di carta bianca...il telefono che squilla...e IT.
Un Trauma per dirla alla Argento

Il trauma l'ho provato durante la visione, di fronte allo scempio che han tirato fuori dal bellissimo romanzo di King. :mad:

OpossuM
20-02-2007, 01:39
Da bambino mi turbò parecchio 'Mignon è partita', tanto è vero che l'avrei rivisto solo una decina d'anni più tardi... Feci brutti sogni anche con 'Laguna Blu'... Cmq tutti film legati alla scoperta della sessualità o roba del genere... 'Shining' poi, dopo un certo punto non riuscivo proprio a vederlo. Quelle cazzo di gemelle...

Quanto discorso da soli o accompagnati...

A casa preferisco vederli da solo... Al cinema non sia mai... E' deprimente, in più ti guardano come un disadattato.

matte
20-02-2007, 12:56
L'unica volta in vita mia che ho fatto un salto sulla sedia dalla paura/sorpresa/emozione fu a vent'anni circa quando vidi tenebre di argento da solo, per la precisione quando alla fine del film il commissario "giuliano gemma" rientra nella casa e, chinandosi per prendere il finto rasoio per terra, ha alle spalle l'assassino che col cavolo che era morto. Poi sono diventato "grande" e non mi sono più spaventato :D

Burian
20-02-2007, 13:17
io rimasi folgorato dalla visione di 2001....la scena in cui si rivede da vecchio.....che paura...il suo respiro.....dato che ero appassionato di Kubrick non può mancare Jack Nicholson...allucinante...
Profondo Rosso rigorasamente con la luce accesa e continui voltamenti improvvisi per vedere se c'è qualcuno!!!!
Non dimenticherò mai più Carla Gravina nell'Anticristo e la scena dentro il santuario.....
E poi vabè scontato L'esorcista......

Johnny Global
20-02-2007, 13:31
non ho mai avuto problemi a guardare film da solo, fondamentalmente non mi sono mai cagato sotto per un film, al massimo provo “schifo” per certe scene realistiche che fanno davvero senso (ma allo stesso modo di quando guardo i numeri di steve-o), oppure salto sulla sedia se c’è una cosa improvvisa...
detto questo posso dire che in compagnia femminile mi piace fare scherzetti durante gli horror sfruttando la loro tensione! (ovviamente rischio di venire ucciso). mi ricordo che mi piacque e mi coinvolse l’atmosfera malata del film “the others” con la kidman.
voglio però ricominciare a guardare qualche bel film de paura.

luciferrising
20-02-2007, 14:07
Orami non ho più tabù, però Profondo Rosso è stato in assoluto il film che mi ha traumatizzato di più. Per anni ho evitato di guardarlo, recentemente ho un pò sfatato la mia paura, anche se c'è da dire che guardato con l'atmosfera giusta fa decisamente cagare sotto. Suspiria anche fa la sua parte. Così come la Casa dalle finestre che ridono. In linea di massima i film che mi fanno più paura sono gli Horro Thriller italiani anni 70 per la loro atmosfera malsana. Altri titoli: Chi l'ha vista morire, Operazione Paura, Quella villa accanto al cimitero, ecc.

Johnny Global
20-02-2007, 14:27
da piccolo mi cagai davvero sotto con phenomena, mi pare (non è quello dove c'è il tipo deforme alla fine?)

Cuchillo
20-02-2007, 14:46
Fino ad ora non ho visto molti film di paura, però da piccolo mi rimase impresso il film Blob, quando il fluido esce da una grata e assale il tizio nel laboratorio. Altri esempi:IT nella scena in cui la faccia del pagliaccio da bonaria si trasforma in malefica con i denti aguzzi..., il lupo nero di "Quattro cuccioli da salvare", l'orso indiavolato di "grizzly l'orso che uccide", l'esorcista,un film di zombi di cui non ricordo il nome (mi sembra "la notte dei morti viventi"), la bambola assassina.

federicop
20-02-2007, 15:19
Io rimasi terrorizzato quando a 14 anni vidi "L'esorcista".
A seguire "Non aprite quella porta" (del '74, ovviamente).

Jonah Hex
20-02-2007, 15:34
...Ricordo che da piccolo rimasi terrorizzato...dal pupazzo nero con collanina e lancia di cui dimentico sempre il titolo...

Hummm...è possibile che si tratti di uno degli episodi (il primo, se non ricordo male) di un TV-movie intitolato "Trilogia del terrore" che ricordo di aver visto da ragazzino e mi terrorizzò a un punto tale che per un mesetto persi il buon umore...

Da giovanissimo rimasi ovviamente turbato da "Alien", "La casa di Mary", ovviamente "L'esorcista", "Amityville possession" (ricordo che a metà film il televisore si spense improvvisamente con un botto clamoroso: roba da incanutire a 12 anni!), ma anche e soprattutto dalla visione di "Zeder" (visione che, in realtà, non riuscii a completare proprio a causa dello stato d'animo): ora lo rivedo in DVD e confermo la sensazione di disagio che mi trasmette quel film; stesso discorso anche per "Nosferatu" di Herzog (tetro e malinconico seppur affascinante).

In tempi recenti, posso dire di aver trovato inquietante "The ring", quello originale giapponese, soprattutto il video di Sadako che trovo tutt'ora di un certo effetto...Poi, la prima parte di "The eye".......poca roba, ma anche io amo vedere i film in totale solitudine, lo facevo persino da ragazzino quando andavo al cinema e non volevo gente fra i piedi...:D

xmarcox
21-02-2007, 10:38
io non guarderei mai da solo Mulholland Drive.

Le scene "del barbone" e "dei vecchi" mi fanno accaponare la pelle.

Ci rimasi traumatizzato la prima volta.

agentespeciale
25-02-2007, 00:35
L'E vaffanculo mi cago sotto solo adirlo sorcista.
Porca puttana troia quanto mi fa cagare addosso quel film di merda.
Il resto guardo tutto, ma i film con i diavoli mi spaventano per un motivo molto ma molto semplice, come cazzo li batti?
Un serial killer, un pazzo di merda un coglione cannibale, alla fine sei tu uomo contro me uomo, ma un demone, uno spirito immateriale, come cazzo lo affronti?
Brrr per carità

Johnny Global
25-02-2007, 16:06
un mio amico anni fa mi disse che aveva paura dei film con i fantasmi.
Non andò a vedere nemmeno Casper per questo motivo.

Tuchulcha
25-02-2007, 17:28
un mio amico anni fa mi disse che aveva paura dei film con i fantasmi.
Non andò a vedere nemmeno Casper per questo motivo.

Anch'io trovo le storie di fantasmi particolarmente inquietanti, ma il gusto sta proprio nel guardarseli da solo 'sti film. Il Sesto senso al cinema mi terrorizzò (la sala era quasi deserta, a parte una coppietta piuttosto nervosa), e devo dire che anche godermi il DVD de Gli invasati quando in casa non c'era nessuno è stata un'esperienza degna.

Sartana
25-02-2007, 22:17
Personalmente non ho problemi a guardare i film horror/thriller in solitudine....nessun film di quei generi che io sappia, quando li vidi, mi fecero stare in inquietudine....per esempio: i vari thriller italiani tipo PROFONDO ROSSO, LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO, NON SI SEVIZIA UN PAPERINO,TENEBRE, OPERA .......ma c'è invece qualche horror che mi ha fatto riflettere sul tema della paura: ad esempio cito alcune scene di qualche film: i macabri primi piani degli zombi in Zombi 2 (LUCIO FULCI), il cimitero sinistro e isolato de LA NOTTE DEI MORTI VIVENTI (GEORGE ANDREW ROMERO), le atmosfere sinistre di LA CASA (SAM RAIMI), le strade buie ed inquietanti de IL SEME DELLA FOLLIA (JOHN CARPENTER) , le creature zombies de DIMENSIONE TERRORE (FRED DEKKER), i vampiri e la cittadina oscura de LE NOTTI DI SALEM (TOB HOOPER)

Carlito
14-03-2008, 12:56
Ho preso spunto per questo thread dalla discussione su REC di Balaguerò.
Ci sono dei film che vi hanno realmente spaventato?
Io, onestamente, faccio fatica a ricordarmene qualcuno (la mia soglia di resistenza alla paura è piuttosto alta).
Forse quando ho visto Profondo Rosso da piccolo...
mi ricordo che dopo il film avevo paura perfino di percorrere il corridoio per andare a letto :lol:
Poi qualche momento di paura l'ho provato con The Blayr witch project ( e, lo sò, che devo fà, so sincero...).
Voi?

ninomartino
14-03-2008, 13:01
beh io mi ricordo che da piccolo ho visto la casa di sam raimi e a me non ha spaventato mentre a tutti gli e venuta una stritzza , pero forse mi ha spaventato opera di dario argento , per il fatto con le lame nei occhi , ancora oggi mi viene qualche brivido se lo rivedo

Johnny Global
14-03-2008, 15:34
se si parla di adrenalina e senso di tensione allora qualcuno ce n'è, mi vengono in mente un paio di film con la kidman, uno è the others, l'altro è il recente remake dell'invasione degli ultracorpi Invasion.
se si parla di paura vera e propria invece ne sono piuttosto immune. sarà per questo che non amo gli horror (soprattutto quelli post anni 80), non spaventandomi ne rimane ben poco, e poi al cinema preferisco ridere.

senso di schifo (schifìo, repulsione, ecc...) lo provo quando vedo ragni (anche in planet terror non ho potuto guardare quella cazzo di tarantola) ma questo è un problema mio e non considero un film con dei ragni riuscito perchè mi ha spaventato con un bel primo piano dell'aracnide.

poi non considero validi i trucchetti che ti fanno saltare sulla sedia perchè a mio parere sono espedienti che usano i registi a corto di idee. silenzio, buio e BUM! ecco che compare un cazzo di mostro, zombie, o cose simili... troppo facile.

ho visto recentemente per la prima volta (potete crocifiggermi) Suspiria e La casa dalle finestre che ridono: 2 bellissimi film, ne ho apprezzato i vari aspetti, ecc... ma se devo dire che mi hanno spaventato, inquietato o altre cose simili non posso farlo.
nemmeno Shining...

dovrei riprovare a vedere l'esorcista, è una vita che non lo vedo e non ricordo nemmeno se l'ho mai visto interamente. se anche quello non funziona sono senza speranza...

Frank Costello
14-03-2008, 16:42
L'Esorcista. La prima volta che lo vidi, sentii un freddo alla testa e mi manco' la terra sotto i piedi. Terrore allo stato puro.
Mi ha fatto paura anche Zeder di Pupi Avati.

Johnny Global
14-03-2008, 16:58
però i film visti da piccoli secondo me non contano, sono tutti spaventosi. io mi ricordo che la scena del cuore strappato di Indiana Jones e il tempio maledetto mi terrorizzò. ma quanto mi piacque però qul film. anche il finale di Phenomena non scherzava.

bluevelvet
14-03-2008, 18:23
L'esorcista nn mi ha fatto né caldo né freddo, Shining l'ho trovato terrificante, proprio per le scene inquietanti tipo labirinto o sguardo di Jack Nicholson.
Il bacio della pantera mi ha fatto un certo effetto, soprattutto perchè il giorno dopo con il gatto della mia amica mi è capitata

la stessa cosa che succedeva in una scena del film con la pantera: ero seduta sul letto e lui nascosto sotto a mia insaputa, all'improvviso mi ha arpionato una caviglia con una zampata, credo di aver perso un paio di ani di vita

Trauma infantile con La scala a chiocciola, per anni ho avuto paura di scendere scale a chiocciola e ho continuato a sognarmi l'occhio. gigante


Di recente ho avuto qualche problema con l'Enigmista, rimasta in casa da sola dopo la visione.

Patrick
14-03-2008, 19:05
Niente mi ha spaventato come shining

The Fly
14-03-2008, 20:42
Shining o Profondo Rosso (per non parlare di Psycho) mi hanno spaventato ma nessun film mi ha angosciato come l'Esorcista.

Da ragazzino mi ricordo Belfagor (la serie TV), chi è appena oltre la quarantina come me non può scordarla :D

uomomorto
15-03-2008, 00:53
L'E vaffanculo mi cago sotto solo adirlo sorcista.
Porca puttana troia quanto mi fa cagare addosso quel film di merda.
Il resto guardo tutto, ma i film con i diavoli mi spaventano per un motivo molto ma molto semplice, come cazzo li batti?
Un serial killer, un pazzo di merda un coglione cannibale, alla fine sei tu uomo contro me uomo, ma un demone, uno spirito immateriale, come cazzo lo affronti?
Brrr per carità

Tu hai lo stesso cervello che ho io. iper quoto tutto quello che hai detto, è quello che penso da sempre e dico tuttora. Sei un grande.

Appunto, da piccolo traumatizzato da "L'Anticristo" (L'esorcista mooolto meno cmq!)
In seguito "Profondo Rosso" assolutamente
Ultimamente "The Grandmother" e "Strade Perdute" (in una sequenza ho cominciato a sudare freddo, ve lo giuro)
Il modo in cui Lynch ti mette sullo schermo le sue visioni è terrificante, trasmette tutto e di più, massima emozione, un Maestro.

EDV
15-03-2008, 01:56
Per quanto mi riguarda, dall'adolescenza in poi non ho provato alcuna paura vedendo un film. Al massimo, emozioni più o meno forti.

Però, ricordo che da bambino la visione di Poltergeist non mi fece dormire per un paio di notti.

Johnny Global
15-03-2008, 03:05
a mio parere la fotografia, il doppiaggio e l'atmosfera dei film anni 70 influiscono tantissimo sul creare tensione e paura. vedi l'esorcista, vedi i primi di argento, vedi omen, ecc... hanno tutti quel denominatore comune. magari è solo un'impressione però mi pare che gli horror degli anni 80 siano più divertenti e siano videoclipponi (tant'è che freddy krueger era un idolo più che uno di cui aver paura, venerdì 13, halloween idem.... tranne i capitoli 1 forse).
negli anni 90 gli horror sono diventati quasi dei teen movie e adesso sono patinati anche quando vogliono non esserlo.

qualche anno fa un mio amico mi fa: hai visto the ring? io l'ho visto in camera mia di notte da solo e mi sono cagato addosso! ma di brutto!
incuriosito lo noleggio, e finito il film quasi lo volevo chiamare per infamarlo tanto mi aveva fatto cagare (ma non addosso.... cagare e basta)

secondo voi influiva lo stile dei 70 oppure è solo dovuto al fatto che quei film li passavano in tv quando eravamo piccoli e ci terrificavano e quindi ne abbiamo mantenuto questo ricordo?

luciferrising
15-03-2008, 04:34
a mio parere la fotografia, il doppiaggio e l'atmosfera dei film anni 70 influiscono tantissimo sul creare tensione e paura. vedi l'esorcista, vedi i primi di argento, vedi omen, ecc... hanno tutti quel denominatore comune. magari è solo un'impressione però mi pare che gli horror degli anni 80 siano più divertenti e siano videoclipponi (tant'è che freddy krueger era un idolo più che uno di cui aver paura, venerdì 13, halloween idem.... tranne i capitoli 1 forse).
negli anni 90 gli horror sono diventati quasi dei teen movie e adesso sono patinati anche quando vogliono non esserlo.

qualche anno fa un mio amico mi fa: hai visto the ring? io l'ho visto in camera mia di notte da solo e mi sono cagato addosso! ma di brutto!
incuriosito lo noleggio, e finito il film quasi lo volevo chiamare per infamarlo tanto mi aveva fatto cagare (ma non addosso.... cagare e basta)

secondo voi influiva lo stile dei 70 oppure è solo dovuto al fatto che quei film li passavano in tv quando eravamo piccoli e ci terrificavano e quindi ne abbiamo mantenuto questo ricordo?

concordo sullo stile/atmosfera che i film anni '70 avevano. Quel tocco di malsanità artigianale, quel non sò che faceva la differenza. Poi il fatto che li abbiamo visti da piccini influisce di certo. Però ancora oggi certe pellicole c'epoca mi trasmettono una certa tensione.

GabrieleCalabro'79
15-03-2008, 10:18
Assolutamente
PROFODO ROSSO
LA CASA DALLE FINESTRE CHE RIDONO
OMEN IL PRESAGIO(l'originale ovviamente)

bobby keller
15-03-2008, 11:33
Nel'ultimo anno

1408
Dead End

Tuchulcha
15-03-2008, 11:46
secondo voi influiva lo stile dei 70 oppure è solo dovuto al fatto che quei film li passavano in tv quando eravamo piccoli e ci terrificavano e quindi ne abbiamo mantenuto questo ricordo?

Entrambe le cose. Riguardandoli oggi, mi rendo conto che determinati film erano in realtà abbastanza ingenui e la tenera età di chi li ha visionati alla tele ne ha influenzato non poco il giudizio. Però è altrettanto vero il discorso sugli attuali horror patinati e sull'efficacia di determinate pellicole del passato, anche realizzate prima dei 70. Qualche anno fa ho recuperato in DVD Gli invasati e l'ho giudicato genuinamente terrorizzante; però qualche pellicola contemporanea da pelle d'oca volendo la si trova. Night Shyamalan ad esempio una certa capacità di spaventare ce l'ha, come dimostrano Il sesto senso e Signs; e devo dire che quando sono andato a vedere 30 giorni di buio spettatori che sobbalzavano sulla poltrona nei momenti giusti ce n'erano.

uomomorto
15-03-2008, 13:54
Nel'ultimo anno

1408
Dead End

E' vero, in particolare Dead End è parecchio angosciante

SWAT
16-03-2008, 16:13
serjo e tuchulcha... state andando OT, c'è un topic per profondo rosso, per voi la discussione prosegue qui:
http://www.gentedirispetto.com/forum/showthread.php?goto=newpost&t=526

qui limitiamoci a citare i titoli.

Tuchulcha
16-03-2008, 16:22
serjo e tuchulcha... state andando OT, c'è un topic per profondo rosso, per voi la discussione prosegue qui:
http://www.gentedirispetto.com/forum/showthread.php?goto=newpost&t=526

qui limitiamoci a citare i titoli.

Ok, chiedo scusa. Mi sembrava interessante per sottolineare il divario fra paure in celluloide passate e presenti (cosa funzionava allora e cosa adesso, quanto la verosimiglianza influisca sulla capacità di spaventare ecc.) ma ovviamente m'adeguo. Piuttosto, potremmo rimpolpare la lista aggiungendo anche i prodotti per il piccolo schermo? Di tv-movies e telefilm seriali capaci di mettere strizza ce n'erano a vagoni, secondo me...

SWAT
16-03-2008, 16:23
Ve lo ricordate "la notte dei cartoni" io non dormii ed ebbi gli incubi per delle notti con l' episodio dell' arpia!

Drugo me ne ha passato una copia ma ancora non ho avuto il coraggio di visionare :oops:

Rileggendo sto topic son costretto a quotarmi:
http://www.gentedirispetto.com/forum/showthread.php?t=12739

MAURO CIAVAZZARO
16-03-2008, 16:25
Ultimamente riesco a vedere film horror di tutti i tipi senza spaventarmi
ma fino a un paio di anni fa non riuscivo a vedere la notte i film di lupi-mannari
e di fantasmi,l'ultimo brivido che ho avuto e' stato scendendo le scale e aprendo la porta (il piano in cui ero arrivato era tutto al buio) ho sentito un pezzetto dell'ESORCISMO DI EMILY ROSE,e mi sono cagato letteralmente addosso,oppure vedere la sera il trailer di L'ESORCISTA.

Tuchulcha
16-03-2008, 16:26
A proposito di arpie e cartoon, qual era il titolo italiano di quel lungometraggio animato con Mazinga Z e Devilman alleati contro il Dottor Inferno? Vi compariva appunto l'Arpia della serie con Devilman, e da piccino ne rimasi genuinamente terrorizzato.

SWAT
16-03-2008, 16:28
A proposito di arpie e cartoon, qual era il titolo italiano di quel lungometraggio animato con Mazinga Z e Devilman alleati contro il Dottor Inferno? Vi compariva appunto l'Arpia della serie con Devilman, e da piccino ne rimasi genuinamente terrorizzato.

Mazinga Z contro Devilman se non erro, l' arpia chiamasi "Silene".

Ricollegandoci, certe puntate di devilmen erano piuttosto toste per un bambino medio.

Tuchulcha
16-03-2008, 16:38
Mmm, visto che ci stanno i cartoon direi che la lista dei telefilm che m'hanno messo strizza è d'obbligo. vado coi titoli:

Serie TV Spazio 1999:

- Forza vitale
- Un altro tempo, un altro luogo (non dichiaratamente orrorifico, ma l'idea che la tipa con due cervelli vedesse riflessa la propria immagine post-mortem mi spaventò abbastanza)
- Il dominio del drago

Doctor Who (la serie con Tom Baker, trasmessa anche in Italia):

- Ark in Space
- Pyramids on Mars

Zaffiro e Acciaio:

- la casa degli orologi (mi pare s'intitolasse così, non ci metterei la mano sul fuoco. Ma quanta strizza metteva la filastrocca "su per le scale/giù per le scale"?)


Thriller:

- Baciami e muori (terrificante il dettaglio dei cadaveri chiusi in sacchi di plastica e trascinati giù in cantina)


Poi ovviamente c'è il TV-movie Lo Spaventapasseri, ma forse era già stato citato nel thread.

Aggiungo anche un episodio della serie TV L'ora del mistero, andata in onda sulla RAI nella seconda metà degli anni 80. Il titolo non lo ricordo: c'era l'idea di una casa infestata da fantasmi provenienti dal futuro che mi aveva fatto venire la pelle d'oca, purtroppo non l'hanno più replicato.


Mazinga Z contro Devilman se non erro, l' arpia chiamasi "Silene".

Ricollegandoci, certe puntate di devilmen erano piuttosto toste per un bambino medio.

Eh, be'! C'era una bella dose di splatter, anche se rispetto al fumetto la serie TV era assai più castigata.

ErPomata
17-03-2008, 21:36
Ragazzi: in assoluto "Trilogia del terrore", in particolare l'episodio in cui c'è il pupazzo africano coi denti aguzzi...
A seguire: "La mummia", quella con Boris Karloff...

Roba da non andare dalla camera al bagno con le luci spente...

esserino
17-03-2008, 23:32
avevo circa 12-13 anni quando vidi Psycho da sola un pomeriggio... vi assicuro che per un lunghissimo tempo ebbi paura a farmi la doccia con le spalle alla porta.. che pischella

bastardnasum
26-03-2008, 14:20
L'inquilino del terzo piano, visto per la prima volta 3-4 anni fa, da solo in casa....ho dovuto accendere tutte le luci e dare le mandate alla porta. Non ci ho dormito per giorni.


Il triangolo delle Bermude di Renè Cardona jr....la scena della bambolina che si gira sporca di sangue e l'aviatore (stile "Paranoid" dei Black Sabbath :D) che salta fuori dall'acqua...

Tuchulcha
26-03-2008, 20:01
.


Il triangolo delle Bermude di Renè Cardona jr....la scena della bambolina che si gira sporca di sangue e l'aviatore (stile "Paranoid" dei Black Sabbath :D) che salta fuori dall'acqua...

Ancora più inquietante la suddetta bambola nel finale, quando la vediamo galleggiare nell'oceano.

bastardnasum
27-03-2008, 00:16
si, insomma, 'sta bambolina rompe i coglioni per tutto il film, maledetta :D

drugo
28-03-2008, 04:23
Effettivamente la suddetta bambola è angosciante magariddio...Ma è pur sempre l'unica cosa degna di nota (in fatto orrorifico) del film.

ninomartino
28-03-2008, 11:22
e la bambola assasina chucky che vi ha fatto allora.

a me fece poco spavento da piccolo

Yulai
28-03-2008, 20:58
L'esorcista in assoluto è quello che mi ha spaventata di più. Sarà stata l'età, circa 12 anni, ma poi non sono più riuscita a vederlo. T_T

Calibro 9/21
29-03-2008, 13:41
Quando ero piccino rimasi impressionato dalla figura di Belfagor (quello in bn).
Sapevo che mi avrebbe spaventato ma non vedevo l'ora di vedere l'episodio successivo. Poi, peccherò di originalità, è arrivato "Profondo rosso". Quello fu uno shock visivo, acustico e mentale. Successivamente è arrivato Fulci che ho amato (cinematograficamente parlando), visto e rivisto. Ma la paura vera (quella del fare le scale al buio, scendere per andare in cantina, svegliarsi all'improvviso con l'immagine di una marionetta animata con un bel coltellaccio), me l'ha data solo il buon Darione.

ispettore monnezza
29-03-2008, 22:46
da parte mia, il film(ma in questo caso sarebbe meglio parlare di un cult)che mi ha impressionato di più è stato di sicuro CREEPSHOW: ricordo che la prima volta che lo vidi (ero ancora al liceo) gli episodi più traumatizzanti furono "la festa del papà" e "non aprite quella cassa"; un altro film che mi èrimasto impresso è il terzo della trilogia zombesca romeriana, per il suo altissimo (ma è dir poco) contenuto di splatter...

ivanrassimov
31-03-2008, 20:16
nel passato sicuramente SHINING e Texas Chainsaw Massacre, ai giorni nostri solo REC.

federicop
23-04-2008, 20:55
Io rimasi terrorizzato quando a 14 anni vidi "L'esorcista".


Mi autoquoto per raccontare cosa mi successe dopo la mia prima visione de "L'esorcista". Era il 2000 e avevo, appunto, 14 anni (quasi 15), ed ero andato a vederlo al cinema con amici, dato che era appena uscita la Versione Integrale.
Finito il film, che mi aveva letteralmete scosso e terrorizzato, vidi mio padre fuori che, mentre mi aspettava, dialogava con un prete sulla 60ina. Entrai quindi in auto con mio padre e ci dirigeremmo verso casa. Durante il tragitto gli chiesi chi fosse quel prete e lui mi disse che era un esorcista che aveva conosciuto da giovane e che lì, fuori dal cinema, gli stava raccontando alcuni esorcismi che aveva fatto.
Ecco: tra la visione del film e questi racconti ebbi 10 minuti di panico totale. Rimasi seduto immobile sul seduto del passeggero, con la testa che guardava fuori, CONVINTO che il quel frangente mio padre avesse le sembianze di Reagan con la faccia disfatta, ma straconvinto! Arrivati a casa scesi dall'auto e corsi in camera senza neanche guardare mio padre in faccia, e pure i giorni successivi lo vedevo con una certa riluttanza, convinto che fosse il demonio che era venuto a prendermi... :-p
Tuttora il film mi terrorizza e il solo pensiero di quel volto deturpato è capace di non farmi dormire. Poi, dato che sono masochista, mi son pure letto il libro ed è stato quasi più terrorizzante del film.

Ah, come molti di voi, anche io son stato assalito da una paura folle durante il finale de "La casa dalle finestre che ridono".

Vorrei inoltre ricordare come particolarmente inquietante e spaventoso il massacro finale di "The night flyer", m'è rimasto impresso per moltissimo tempo...Tale scena non la rivedo da parecchio tempo, e non so che effetto mi farebbe ora, ma anni fa, quando la vidi, mi scosse parecchio.

Per quanto riguarda "Lo squalo", invece, ricordo che mio fratello, dopo la visione, aveva paura di uscire in giardino per il terrore di poter essere attaccato da un grande squalo bianco :D

Ultima aggiunta, poi basta per il momento :o : ricordo come abbastanza inquietante (e per certi versi terrorizzante) anche il finale di "Picnic a Hanging Rock". M'ha lasciato un senso di paura e angoscia addosso che ha fatto fatica ad andare via...se ci ripenso mi fa ancora una certa impressione...

agentespeciale
23-04-2009, 00:28
Uppo il thread denunciando i realizzatori di sette storie per non dormire, nello specifico l'episodio del pupazzo africano indemoniato.
Mannaggia a me per averlo visto, ancora me lo ricordo.
Oltre ovviamente a vedere perpetuamente nel buio la faccia di Linda L'esorcista Hamilton.

Tuchulcha
23-04-2009, 12:45
Uppo il thread denunciando i realizzatori di sette storie per non dormire, nello specifico l'episodio del pupazzo africano indemoniato.


L'episodio in questione era estrapolato dal classico di Dan Curtis Trilogia del terrore, magistralmente interpretato da Karen Black. Era la trasposizione del terrorizzante racconto Preda, di Richard Matheson; trasposizione fedelissima, e sì che rendere le atmosfere macabre dei racconti mathesoniani non è facile.

Frank Costello
23-04-2009, 13:35
Oltre ovviamente a vedere perpetuamente nel buio la faccia di Linda L'esorcista Hamilton.

Linda Blair.
Linda Hamilton è quella di Terminator.

Grazie,Marì
23-04-2009, 13:39
film che mi abbiano davvero spaventato non ce ne sono...certo,Zombi di Romero o la parte finale di Suspiria sono una bella botta.
Ma ciò che spaventa davvero sono i cinepanettoni, dall'idiozia...spaventosa!

dr. freudstein
23-04-2009, 14:22
Beh di film che mi hanno genuinamente terrorizzato ce ne sono,terrore che poi generalmente scompare alle seconde visioni.Gli unici che continuano a terrorizzarmi ogni volta che li rivedo sono L'Esorcista e i The Grudge jappo (JU-ON 1 e 2).Ricordo anche che la prima volta che vidi Demoni di L.Bava alla scena della prima trasformazione dovetti stoppare la vhs,quelle immagini mixate con quei versi mi disturbarono parecchio. Per il resto nel corso degli anni mi hanno spaventato i vari IT,Nightmare 1 e anche IL NUOVO INCUBO,REC,ZOMBI,ZOMBI 2. Sul fatto di guardare gli horror da solo o no,beh in casa è preferibile (se non obbligatorio) essere soli o perlomeno isolati nella stanza più buia dell'abitazione ;)

Frank Costello
20-09-2009, 00:22
Rivedendoli ora, molti film che da piccolo mi avevano tolto il sonno sono veramente cambiati. Il Presagio -con tutto il rispetto- pare quasi una commedia demenziale, Poltergeist mi pare proprio buonista...

All'appello delle revisioni manca solo L'Esorcista... ma non vorrei che mi crollasse un mito...

Mai avuto paura con Profondo Rosso, che mi gasa a mille. Shining è divertente.

Ugondo Vianazzi
20-09-2009, 04:11
Uppo il thread denunciando i realizzatori di sette storie per non dormire, nello specifico l'episodio del pupazzo africano indemoniato...

INCREDIBILE!!!
Allora non fui il solo ad esser rimasto sconvolto dalla visione di quell'episodio! Ma...era Karen Black l'attrice protagonista?! :shock:

Ero proprio un ragazzino quando lo vidi su un'emittente TV privata: rimasi shockato soprattutto dal finale e non riuscii a dormire. Gli altri episodi, invece (la Trilogia del terrore, come ben ricorda Tuchulcha) erano abbastanza trascurabili.

Altro film che mi ha rovinato parecchie notti, ovviamente, The exorcist forse il più terrificante in assoluto, ma aggiungerei anche la "saga di Amityville", Suspiria, The Omen - contrariamente a quanto sostiene Costello - il video di Sadako in Ringu (un vero incubo, ne sognai una versione personalizzata di notte, da farsela addosso!!!), senza dimenticare il raggelante (almeno per me) Entity,la storia della tipa americana ripetutamente stuprata da uno spirito malvagio
Film non-horror che mi ha turbato profondamente: Once were warriors (soprattutto la prima volta che lo vidi)

Jacopetto & Prospero
20-09-2009, 15:50
l'unico film che è riuscitoveramente a spaventarmi è stato IT

Frank Costello
21-09-2009, 01:48
INCREDIBILE!!!
The Omen - contrariamente a quanto sostiene Costello - il video di Sadako in Ringu (un vero incubo, ne sognai una versione personalizzata di notte, da farsela addosso!!!)

Dai, io non sostengo niente;). E' che a rivederlo certe scene quella della governante impiccata o dell'uomo trapassato dall'asta mi hanno fatto ridere. E poi mi piace perchè Demian mi è troppo simpatico.

Vale lo stesso con la serie Amityville (o almeno con i buoni capitoli).

Ma di notte non vale. Di notte mi sono spaventato pure con Byleth e addirittura con La Polizia Brancola Nel Buio!!!:D:D:D

Ugondo Vianazzi
21-09-2009, 03:10
Per carità Frank, nessuna polemica! Non era mia intenzione dare una simile impressione. ;)

Più che sulle singole scene (comunque, a mio avviso, efficaci quelle che citi, soprattutto quella della governante brutalmente impiccata secondo me è una bella botta da assorbire), mi baso sull'atmosfera generale di tutto il film, un'atmosfera di maledizione, di angoscia...sarò impressionabile, non so, ma ritengo veramente debole e troppo "forzato", troppo giocato sull'effetto pseudo-terrorizzante (ma prevedibile) fine a sé stesso, solo il secondo capitolo della trilogìa mentre il terzo si riprende e diventa gia più interessante.

Circa Amityville, sottolineo: mi riferisco ai primi due film. Anche quello di Damiani, infatti, ha i suoi punti forti, peccato che ecceda troppo nella seconda parte cercando di tramortire gli spettatori con effettacci in stile The thing di Carpenter. Rovinando un po' tutto. Ma è avviluppato in un'atmosfera morbosa, sporca, veramente luciferina...poi la famiglia rappresenta sempre qualcosa di sacro, intoccabile. In questi film viene profanata e insozzata dalle presenze demoniache....scusatemi, io trovo sia davvero terrificante! :feiertag-

DartBadio
21-09-2009, 13:56
Che ci crediate o meno: JFK.

Si, avete capito bene, il film di Oliver Stone su Kennedy, con Kevin Costner.

A me il "complotto" invisibile, come lo ritrae Stone, terrorizza ed angoscia nella stessa manera irrazionale di un horror: è una presenza impalpabile che arriva a tutto e tutti senza avere un volto, un nome, un "corpo". E che viene suggerita magistralmente da regia e montaggio, soprattutto durante le ricostruzioni.

Ve lo giuro, ci sono parti che fatico a vedere da solo ;)

drugo
18-10-2009, 02:07
Per tutti gli amanti dei pupazzi maledetti. Il nostro caro feticcio fanciullesco...
P.s. il filmato svela il finale.
http://www.youtube.com/watch?v=byt3XZEU_VI

lindberg
24-01-2016, 18:57
Peronalmente il più spaventoso è sempre stato "L'esorcista".
L'ho visto alla tele e ne comprato una copia in dvd... che è ancora sigillata!

schramm
26-01-2016, 22:42
ricordavo di aver già risposto anni fa in un topic molto simile.

da allora il primato è rimasto insuperato, per cui vado di repetita:

http://www.gentedirispetto.com/forum/showthread.php?12728-Il-film-che-fa-pi%F9-paura-%E8-davvero-quot-L-esorcista-quot/page4&highlight=threads

COSMO
26-01-2016, 23:51
I film che mi hanno realmente terrorizzato, nell'ordine sono:

Psyco, in tv, ero bambino;
Il gatto e il canarino, a circa 10 anni, al cinema per sbaglio, di pomeriggio: terrore puro;
Profondo rosso, a 15 anni, visto in tv di sera nella villa di un amico fuori città;
La casa dalle finestre che ridono, già ventenne, di notte su telecity, senza sapere nulla di cosa mi stava aspettando

Per contro, L'esorcista non mi ha mai spaventato.

Blu petrolio
27-01-2016, 00:15
Il gettonatissimo La casa dalle finestre che ridono. Più che spaventato direi turbato, però.

Se vale, la presentazione di Demoni in prima serata a Fantastico. ​Ma avevo sette anni.