PDA

View Full Version : Antonio Sant'Elia e l' architettura futurista.



Green Jelly
09-11-2005, 16:04
La fabbrica di cioccolato mi ha ricordato le architetture futuriste (anni 30) del grande architetto (appunto futurista) comasco Antonio Sant'Elia, morto purtroppo in giovane età (i suoi progetti utopici sono rimasti solo dei sogni).


complimenti per la citazione colta, in pochi conoscono il genio di Sant'Elia

Caltiki
09-11-2005, 16:10
complimenti per la citazione colta, in pochi conoscono il genio di Sant'Elia

mi sono ingobbito per anni sui libri di storia dell'architettura :rolleyes: :rolleyes: (c'ho fatto pure la tesi, ma non su Sant'Elia). Grazie comunque ;)

gimsey909
09-11-2005, 17:16
Grazie Caltiki per aver citato Antonio Sant'Elia, mio concittadino, architetto futurista morto prematuramente nella Grande Guerra. Da un suo progetto è stato comunque costruito il Monumento ai Caduti di Como, in riva al lago, di fianco allo stadio e al Tempio Voltiano.

Caltiki
09-11-2005, 17:31
Da un suo progetto è stato comunque costruito il Monumento ai Caduti di Como, in riva al lago, di fianco allo stadio e al Tempio Voltiano.
Si, su idea di Marinetti. Ci lavorò prima Prampolini, poi il progetto fu affidato a Terragni (altro illustre tuo concittadino). Fine OT :)

SWAT
09-11-2005, 19:29
Ho spostato il topic qua... penso ci sia parecchio da dire, argomento al quanto affascinante.

Di architettura avvenieristica non posso fare a meno di citare Clemente Busiri Vici, che ha progettato il complesso "Le Navi" di Cattolica, inizialmente una colonia estiva attualmente ristrutturato ad acquario, IMHO errore gravissimo.

Ho avuto modo da giovane di entrarci dentro ed ammettere di come sia stato degradato dall' attuale ristrutturazione.
Ho trovato online questa bellissima cartolina d' epoca.

http://img80.imageshack.us/img80/2262/busiri7gk.jpg


Non lo so, mi affascinava, mi ha sempre affascinato, dentro era bellissimo, sembrava di tornare indietro di 50 anni, fino a pochi anni fa era rimasto tutto come prima, i dormitori, il complesso principale adibito a mensa ora adibito a squallido bar, il campo sportivo, e c'era persino un bellissimo cinema-teatro che non so cosa sia adesso.
Mi ricordo bellissimo l' interno de "La nave ammiraglia" come si vede nella foto, le scale interne a spirale che portano in cima alla torre.
E sempre approposito di scale, le scale a chiocciola che portavano sopra il tetto terrazzo del teatro.

Che nostalgia :(

Attualmente è ridotto così (notare che manca un edificio)

http://img52.imageshack.us/img52/9855/pic4al9jq.th.jpg (http://img52.imageshack.us/my.php?image=pic4al9jq.jpg)

Che scempio... dovevano "Restaurarlo" non "Ristrutturarlo" era patrimonio artistico della città di Cattolica, ora è uno squallido acquario a paga-mento.

http://img52.imageshack.us/img52/8905/volo0ci.jpg

IERI
http://www.rebel.net/~futurist/navi/navi.htm (http://www.rebel.net/%7Efuturist/navi/navi.htm)

OGGI
http://www.squaloanchio.com/allFrame.htm

Caltiki
09-11-2005, 20:41
Grazie Swat per aver dato autonomia al topic, e grazie soprattutto per il tuo post. Sai che è fantastico questo edificio! !non lo conoscevo, è eccezionale!
mi devo documentare!
Ripropone schemi razionalisti, sia nello sviluppo di pianta che nella sistemazione dei prospetti. Ricorda di primo acchito l'architettura di Walter Gropius.
La pianta segue in effetti lo schema forma-funzione, tipico della scuola appunto razionalista.
Certo che vedere come lo hanno ridotto ora è uno strazio, che schifo Dio mio.
Queste sono le cose che mi fanno gridare allo scandalo.
Mo' vedo se trovo qualcosa su Busiri Vici tra i miei libri!!!! (continua) :)

SWAT
09-11-2005, 20:58
Restando in tema, citiamo anche l' ingeniere fasista! Giuseppe Peverelli e il suo Novarese, una colonia marinara situata a Miramare costruita negli anni 30.

http://img441.imageshack.us/img441/7678/163411mt.jpg

Attualmente in disuso e in gara d'appalto, c'è chi parla di aquisto da parte dal centro Talassoterapico che sorge di fronte, per anni è stato dimora di extracomunitari clandestini, infatti le finestre e gli ingressi dei piani bassi sono murate da diversi anni.

Notare l' imponenza e la scritta sulla torre centrale.

http://img190.imageshack.us/img190/969/163315oz.jpg

Il Novarese oggi:

http://img190.imageshack.us/img190/2599/novarese6jn.jpg

Brix che è della zona ci è mai entrato dentro? Qualche aneddoto?

Brix
09-11-2005, 21:06
Brix che è della zona ci è mai entrato dentro? Qualche aneddoto?

...no,mi son sempre chiesto perchè questo posto fosse in uno stato di completo degrado da anni senza che nessuno,dico nessuno,abbia mai mosso un dito.....sono anni davvero!

l unica cosa della quale sono sicuro,che come già detto da swat,la struttura è stata dimora di molti extracomunitari e prostitute della zona,che incuranti di tutto,la usavano anche come casa d appuntamenti!

..una vergogna ed un vero dispiacere vedere un degrado simile!

..e anche oggi ho imparato qualcosa,grazie!

Caltiki
09-11-2005, 22:06
Restando in tema, citiamo anche l' ingeniere fasista! Giuseppe Peverelli e il suo Novarese, una colonia marinara situata a Miramare costruita negli anni 30.

Che dire, eccezionale anche questo edificio. Anche questo, come l'edificio di Busiri Vici, riproduce una grande nave.
Ricordiamoci che proprio il futurismo con Marinetti antepose la bellezza della MACCHINA alla NIKE di Samotracia! L'architettura fascista ha prodotto notevolissimi esempi di architettura razionalista. Questo ne è un esempio.
Diciamo che il top è la Casa del Fascio di Giuseppe Terragni a Como (giusto per ri-citare l'illustre concittadino di Gimsey).
http://www.0lll.com/lud/pages/architecture/archgallery/terragni_fascio/images/fascio_02.jpg


Torniamo a Sant'Elia e al modello di città futurista.
Marinetti esortava:"Impugnate i picconi, le scuri, i martelli e demolite senza pietà le città venerate" ed esaltava la bellezza delle future città industriali.

Queste invece sono le architetture pensate da Sant'Elia per una "città nuova".
"Noi dobbiamo inventare e rifabbricare la città futurista simile ad un immenso cantiere tumultuante, agile, mobile, dinamico in ogni sua parte, e la casa futurista simile ad una macchina gigantesca" .
Il grassetto ci descrive la filosofia racchiusa nei bellissimi edifici postati da Swat.
Ecco Sant'Elia

http://img250.imageshack.us/img250/2470/19ru.th.gif (http://img250.imageshack.us/my.php?image=19ru.gif)

http://img451.imageshack.us/img451/4319/25te.th.gif (http://img451.imageshack.us/my.php?image=25te.gif)

http://img451.imageshack.us/img451/2466/39ne.th.gif (http://img451.imageshack.us/my.php?image=39ne.gif)

Interessante notare le influenze delle avanguardie anche nel cinema.
Proviamo a dare un'occhiata a Metropolis, di Fritz Lang:
http://www.geocities.com/Area51/5555/metrop3m.jpg

http://www.geocities.com/Area51/5555/metrop4l.jpg

Oppure pensiamo a Blade Runner, Star wars, ecc.ecc..

Green Jelly
10-11-2005, 08:09
Caltiki non hai qualche suggerimento riguardo a libri che trattino l'argomento?;)

Caltiki
10-11-2005, 09:26
Caltiki non hai qualche suggerimento riguardo a libri che trattino l'argomento?;)

Intendi libri sull'architettura futurista o sul rapporto architettura-cinema?
di libri sul primo argomento ce ne sono a camionate.
Sicuramente per aver un'idea complessiva del movimento futurista ti consiglio il catalogo della mostra "Futurismo e futurismi", tenutasi a Palazzo Grassi-Venezia, nel 1986. Una "summa" omnicomprensiva fondamentale.

SWAT
03-03-2006, 15:38
SPETTACOLARE!!!! La prox volta che vengo mi ci devi portare, Svat!

Per la cronaca, hanno appena iniziato i lavori di ristrutturazione.

almayer
03-03-2006, 15:38
Intendi libri sull'architettura futurista o sul rapporto architettura-cinema?
di libri sul primo argomento ce ne sono a camionate.

io mi sono appena accattato questi 2:

http://tinyurl.com/hnjrq
http://tinyurl.com/krlxc

almayer
03-03-2006, 15:50
Ho trovato anche questo, lo conosci Caltiki?

http://ec1.images-amazon.com/images/P/3823855476.01._AA240_SCLZZZZZZZ_.jpg

Pollanet
03-03-2006, 16:19
ivi premesso che mi intendo di architettura come mi intendo di cacciatorpedinieri, ossia lo zero assoluto, devo dire che lo stile anni '30 mi affascina incredibilmente

magari mescolo architetture e concetti molto diversi tra loro, però trovo bellissimo ad esempio l'EUR a roma e anche l'altare della patria, così come anche quì a bologna ci sono delle costruzioni dell'epoca fascista che quando ci passo davanti mi ci fisso, soprattutto nella zona di s.vitale/massarenti/cirenaica.... ci ho anche abitato per un periodo nella zona in una casa la cui disposizione interna sembrava opera di un pazzo, però era molto bella, e in quella che era la mia via ci sono un paio di palazzi veramente quasi tondi, che non so un povero disgraziato dove cazzo lo mette un armadio in una casa con le pareti tonde, però a vederli da fuori veramente belli

mi sono piaciuti da matti anche alcuni convitti/colonie giganteschi mi sembra nella zona di viserba, e la cosa più incredibile è che questi casermoni sulla spiaggia riescono perfino a sembrare belli nella loro inevitabile decadenza quando li si paragona ad alcuni merdai costruiti vicino al mare in epoca recente alla faccia di tutte le commissioni edilizie e piani di impatto ambientale

SWAT
03-03-2006, 16:22
Da segnalare anche la colonia Varese di Milano Marittima, purtroppo non riesco a trovare foto dell' epoca, chi ha visto Zeder sa di che parlo.(se qualcuno può magari postare una still...)

Un po' di storia:
http://www.tesionline.it/default/tesi.asp?idt=4839

http://img207.imageshack.us/img207/2392/s024cx.jpg

Ne consiglio anche la visione da Google Earth, andate a Cervia/Milano marittima e spostatevi a nord sulla costa, prima di un fiume.
Pare n' astronave!

Frank n Furter
03-03-2006, 16:31
Esiste un sito molto carino dedicato a Sant'Elia, in cui incappai anni fa facendo una tesina al liceo:

http://www.sant-elia.net/index.htm

SWAT
03-03-2006, 16:34
Ne consiglio anche la visione da Google Earth, andate a Cervia/Milano marittima e spostatevi a nord sulla costa, prima di un fiume.
Pare n' astronave!

Eccola dall' alto di google, la foto che ho postato prima non rende:

http://img405.imageshack.us/img405/728/zervia2ww.jpg

Bmw2002
03-03-2006, 18:36
Del poco che possa ricordare del programma di Storia Dell'Arte del Liceo, il Futurismo è stato senz'ombra di dubbio il mio movimento artistico preferito.
E Sant'Elia è stato un genio e un precursore, ancora oggi irraggiungibile.
Mi avete fatto venire voglia di riesumare quel libro di storia dell'arte....

Yulai
03-03-2006, 18:55
l unica cosa della quale sono sicuro,che come già detto da swat,la struttura è stata dimora di molti extracomunitari e prostitute della zona,che incuranti di tutto,la usavano anche come casa d appuntamenti!
Quello che so io è che ci facevano pure delle messe nere e dei rituali spiritici; prima che inizissero i lavori di ristrutturazione era assai inquietante....
Ragazzini e teppistelli ci entravano di nascosto per provare il brivido del proibito e vedere i rimasugli di questi riti per poi scappare a gambe levate al primo rumore strano!

Basik
03-03-2006, 20:45
X Pollanet: a Viserba non ci sono colonie (a meno che domani non decida di costruirne una io :basik:... Le zone in cui sono state costruite durante l'epoca facista sono Bellariva-Miramare, ovvero la periferia sud di Rimini (dove tra l'altro si erge la Novarese, tanto amata da Almayer) e Torre Pedrera-Igea Marina, ovvero la triste periferia nord.

A Viserba le uniche cose storiche sono le villette d'inizio secolo, alcune, quelle ristrutturate, sono veramente una chicca.
Ah, e anche la Corderia, una vecchia fabbrica lasciata in abbandono. pare che ancora si trovino delle mine della II guerra mondiale all'interno... sono voci che girano. Se Almayer viene a trovarci gliela faccio vedere.

SWAT
03-03-2006, 21:45
X Pollanet: a Viserba non ci sono colonie (a meno che domani non decida di costruirne una io :basik:... Le zone in cui sono state costruite durante l'epoca facista sono Bellariva-Miramare, ovvero la periferia sud di Rimini (dove tra l'altro si erge la Novarese, tanto amata da Almayer) e Torre Pedrera-Igea Marina, ovvero la triste periferia nord.


E Igea Marina? Al curvone di fronte al 4fun, cos'è quest' edificio?

http://img119.imageshack.us/img119/5194/zervia29fz.jpg

SWAT
05-03-2006, 01:26
Restando in tema, citiamo anche l' ingeniere fasista! Giuseppe Peverelli e il suo Novarese, una colonia marinara situata a Miramare costruita negli anni 30.


Il duce in visita alla colonia Novarese, filmato pelledochevole, lo trovate qui:
http://www.archivioluce.com/personalFolder/myfolder.asp?nickname=swat25

almayer
06-03-2006, 10:52
A Viserba le uniche cose storiche sono le villette d'inizio secolo, alcune, quelle ristrutturate, sono veramente una chicca.
Ah, e anche la Corderia, una vecchia fabbrica lasciata in abbandono. pare che ancora si trovino delle mine della II guerra mondiale all'interno... sono voci che girano. Se Almayer viene a trovarci gliela faccio vedere.

Ok sia per le villette, sia (soprattutto) per la fabbrica! Bellobellobello...

almayer
06-03-2006, 11:25
Il duce in visita alla colonia Novarese, filmato pelledochevole, lo trovate qui:
http://www.archivioluce.com/personalFolder/myfolder.asp?nickname=swat25

Link no buono, non possiamo accedere al tuo personal folder.

SWAT
06-03-2006, 11:33
Link no buono, non possiamo accedere al tuo personal folder.

Devi registrarti al sito.

Se non fosse nemmanco così, cerca "Novarese" e colonia Cattolica

Basik
21-03-2006, 19:41
E per la gioia del vacanziero Almarco...

La Corderia!!!11

http://img390.imageshack.us/img390/8703/corderiapianta7oi.th.jpg (http://img390.imageshack.us/my.php?image=corderiapianta7oi.jpg)

Un po' di storia a riguardo (http://www.chiamamicitta.com/Welcome/ser/n247/corderia.htm)

Un link (http://www.vinassa.it/filmini/filmpartite/corderia.rm) ad un filmato trovato percaso in rete, dove dei tizi giuocano coi softair all'interno della fabbrica dismessa (così vedi qualcosa dell'interno ;) )

almayer
22-03-2006, 16:54
E per la gioia del vacanziero Almarco...

La Corderia!!!11

http://img390.imageshack.us/img390/8703/corderiapianta7oi.th.jpg (http://img390.imageshack.us/my.php?image=corderiapianta7oi.jpg)

Un po' di storia a riguardo (http://www.chiamamicitta.com/Welcome/ser/n247/corderia.htm)

Un link (http://www.vinassa.it/filmini/filmpartite/corderia.rm) ad un filmato trovato percaso in rete, dove dei tizi giuocano coi softair all'interno della fabbrica dismessa (così vedi qualcosa dell'interno ;) )


Grazie caro, ma una domanda mi sovviene, anche questa fabbrica è d'architettura futurista? :confused:

Caltiki
22-03-2006, 16:58
Biosgnerebbe dare un'occhiata ai prospetti dell'edificio, se li puoi postare..

SWAT
22-03-2006, 17:10
Grazie caro, ma una domanda mi sovviene, anche questa fabbrica è d'architettura futurista? :confused:

Secondo me no... ed è pure un po' OT

Basik
22-03-2006, 20:39
Beh, qui in realtà dall'architettura futurista si è finiti per parlare di varie architetture del ventennio... La corderia ha una facciata molto anni 30.
Vedo di fare alcune foto domani, in rete non ho trovato nulla. Se SWAT lo crede può splittare la parte sulla corderia in un nuovo topic.

Green Jelly
23-03-2006, 10:24
PROCLAMO:

1. che l'architettura futurista è l'architettura del calcolo, dell'audacia temeraria e della semplicità; l'architettura del cemento armato, del ferro, del vetro, del cartone, della fibra tessile e di tutti quei surrogati del legno, della pietra e del mattone che permettono di ottenere il massimo della elasticità e della leggerezza;

2. che l'architettura futurista non è per questo un'arida combinazione di praticità e di utilità, ma rimane arte, cioè sintesi, espressione;

3. che le linee oblique e quelle ellittiche sono dinamiche, per la loro stessa natura, hanno una potenza emotiva superiore a quelle delle perpendicolare e delle orizzontali, e che non vi può essere un'architettura dinamicamente integratrice all'infuori di esse;

4. che la decorazione, come qualche cosa di sovrapposto all'architettura, è un assurdo, e che soltanto dall'uso e dalla disposizione originale del materiale greggio o nudo o violentemente colorato, dipende il valore decorativo dell'architettura futurista;

5. che, come gli antichi trassero ispirazione dell'arte dagli elementi della natura, noi - materialmente e spiritualmente artificiali - dobbiamo trovare quell'ispirazione negli elementi del nuovissimo mondo meccanico che abbiamo creato, di cui l'architettura deve essere la più bella espressione, la sintesi più completa, l'integrazione artistica più efficace;

6. l'architettura come arte delle forme degli edifici secondo criteri prestabiliti è finita;

7. per architettura si deve intendere lo sforzo di armonizzare con libertà e con grande audacia, l'ambiente con l'uomo, cioè rendere il mondo delle cose una proiezione diretta del mondo dello spirito;

8. da un'architettura così concepita non può nascere nessuna abitudine plastica e lineare, perché i caratteri fondamentali dell'architettura futurista saranno la caducità e la transitorietà. Le case dureranno meno di noi. Ogni generazione dovrà fabbricarsi la sua città. Questo costante rinnovamento dell'ambiente architettonico contribuirà alla vittoria del Futurismo, che già si afferma con le Parole in libertà, il Dinamismo plastico, la Musica senza quadratura e l'Arte dei rumori, e pel quale lottiamo senza tregua contro la vigliaccheria passatista.

"Gli otto punti dell'architettura futurista"
da "Il Manifesto dell'architettura futurista" di Antonio Sant'Elia

Caltiki
23-03-2006, 10:29
Beh, qui in realtà dall'architettura futurista si è finiti per parlare di varie architetture del ventennio... La corderia ha una facciata molto anni 30.

Beh, il Ventennio e il futurismo sono in simbiosi, quindi non è sbagliato.
Certo, poi c'era pure Piacentini, che futurista non era, ma vabbé, possiamo essere di manica larga :)

Basik
23-03-2006, 22:10
Il Futurismo abbracciò il Fascismo all'inizio, per via della sua carica ditruttiva nei confronti del passato. Nel momento in cui il Fascismo giunse al potere il conservatorismo e l'ordine creatisi col regime andarono contro alla ragion d'essere del Futurismo stesso, tant'è che se non vado errato diverse opere e autori futuristi non furono molto benvoluti.

Caltiki
23-03-2006, 23:00
Il Futurismo abbracciò il Fascismo all'inizio, per via della sua carica ditruttiva nei confronti del passato. Nel momento in cui il Fascismo giunse al potere il conservatorismo e l'ordine creatisi col regime andarono contro alla ragion d'essere del Futurismo stesso, tant'è che se non vado errato diverse opere e autori futuristi non furono molto benvoluti.

Si, è così. Nel post precedente avevo generalizzato ;)

Lollauser
24-03-2006, 10:39
"Gli otto punti dell'architettura futurista"
da "Il Manifesto dell'architettura futurista" di Antonio Sant'Elia


Certo che letti oggi fanno un certa tenerezza...

Caltiki
24-03-2006, 11:01
Certo che letti oggi fanno un certa tenerezza...

Magari avessimo movimenti culturali simili, oggi purtroppo nessuno è più capace di sognare, di inventare mondi nuovi (tranne Frank' :) ).
Il Futurismo non era solo un movimento artistico, era un vero e proprio stile di vita, che abbracciava tutte le arti e influenzava il resto..
Oggi è tutto così "spezzettato", i movimenti culturali unitari, capaci di far sistema, non esistono più: tu sei postmoderno, io decostruttivista ad esempio..

Basik
29-03-2006, 21:12
Ed eccoVi la Corderia (o meglio, ciò che ne rimane)

http://img140.imageshack.us/img140/598/corderia14lk.jpg

Basik
29-03-2006, 21:14
http://img140.imageshack.us/img140/7251/corderia28lk.jpg

Val
18-08-2006, 19:19
Scovato questo topic grazie a quello su Zeder, non posso che affiancarmi a voi picciotti per quanto riguarda il fascino che il movimento futurista continua ad avere su di me. In materia sono ignorante come una capra, più volte ho interrogato mio fratello (che ha fatto l'Accademia di Belle Arti e studiò pure questi personaggi) e qualche volta ho cercato qua e là su internet. Di Sant'Elia è anche la copertina della ristampa de "Il Condominio" di Ballard (romanzo peraltro splendido):
http://img205.imageshack.us/img205/1458/copljcwv2.jpg

Più che altro, un paio di mesi fa ero in giro per Londra e ho passato una giornata interna a gironzolare all'interno della Tate Modern - che già da fuori fa la sua porca figura, trattasi di ex-fabbrica ristrutturata:
http://img124.imageshack.us/img124/7403/millenium20bridge20and20tate20modern20img005374707 1oz3.th.jpg (http://img124.imageshack.us/my.php?image=millenium20bridge20and20tate20modern2 0img0053747071oz3.jpg)
...dove finalmente ho potuto ammirare dal vivo una delle immagini simbolo del futurismo, ovvero la celebre Forme uniche della continuità nello spazio (1913) di Umberto Boccioni, che mi ha lasciato letteralmente basito:
http://img219.imageshack.us/img219/5478/t015899of5.jpg
...assieme a tante altre prelibatezze Cubiste Futuriste Vorticiste e much more. Se passate per Londra, dedicate almeno una mezza giornata al museo (che peraltro è gratuito!).

Caltiki
18-08-2006, 21:54
Grande Val, questo tuo amore per il futurismo mi rende davvero felice.
Forme uniche nella continuità... è proprietà del Civico Museo di arte contemporanea di Milano, probabilmente era in esposizione temporanea

Val
18-08-2006, 23:53
Grande Val, questo tuo amore per il futurismo mi rende davvero felice.
Forme uniche nella continuità... è proprietà del Civico Museo di arte contemporanea di Milano, probabilmente era in esposizione temporanea
Sai che invece mi sa che 'sti inglesi l'hanno comprata? L'esposizione è permanente, e anche sul sito della Tate si parla di acquisto nel 1972:
http://www.tate.org.uk/servlet/ViewWork?workid=1208&roomid=3650
qui gatta ci cova.

almayer
17-07-2007, 15:59
Ho spostato il topic qua... penso ci sia parecchio da dire, argomento al quanto affascinante.

Di architettura avvenieristica non posso fare a meno di citare Clemente Busiri Vici, che ha progettato il complesso "Le Navi" di Cattolica, inizialmente una colonia estiva attualmente ristrutturato ad acquario, IMHO errore gravissimo.


Segnalo questa pagina, con belle foto d'epoca, e una descrizione del restauro "conservativo":

http://www.acquariodicattolica.it/sezione.php?idcat=3


Grande Val, questo tuo amore per il futurismo mi rende davvero felice.
Forme uniche nella continuità... è proprietà del Civico Museo di arte contemporanea di Milano, probabilmente era in esposizione temporanea

Ciao Caltiki, secondo me è una riproduzione. 2 settimane fa ero in visita al Kroller Muller museum:

http://www.kmm.nl/?lang=en

E anche lì c'era l'opera di Boccioni. Ma ho poi notato, e ho anche fatto una foto del dettaglio, che era una riproduzione fatta successivamente (1973). Come d'altronde anche quella del MoMA:

http://www.moma.org/collection/browse_results.php?object_id=81179

SWAT
13-11-2007, 17:40
Da segnalare anche la colonia Varese di Milano Marittima, purtroppo non riesco a trovare foto dell' epoca, chi ha visto Zeder sa di che parlo.(se qualcuno può magari postare una still...)

Un po' di storia:
http://www.tesionline.it/default/tesi.asp?idt=4839



Ne consiglio anche la visione da Google Earth, andate a Cervia/Milano marittima e spostatevi a nord sulla costa, prima di un fiume.
Pare n' astronave!

http://digilander.libero.it/maurizio01/Colonia%20Varese/index.htm

SWAT
12-01-2008, 14:45
E' un anno che mi impongo e mi dimentico costantemente di postare questo link, della colonia "Fara" a Chiavari:

http://www.marconidelpino.it/artigullio/3_beni%20architettonici/architetture%20civili/Chiavari%20Colonia%20Fara.htm

almayer
13-01-2008, 17:08
E' un anno che mi impongo e mi dimentico costantemente di postare questo link, della colonia "Fara" a Chiavari:

http://www.marconidelpino.it/artigullio/3_beni%20architettonici/architetture%20civili/Chiavari%20Colonia%20Fara.htm

E pensare che ci ho passato, sulla spiaggia di fianco, un piacevole fine serata a Giugno dell'anno scorso. L'avevo notata, ma essendo in altre faccende affaccendato non mi ero troppo soffermato sulla cosa. :mad:

mister.steed
25-08-2008, 19:04
A proposito di architettura futurista... a Livorno si sta compiendo un vero e proprio scempio! :mad:
Leggete qui: http://www.corriere.it/cronache/08_agosto_25/cinema_futurista_parcheggio_livorno_polemica_gaspe retti_e4aec0f6-72a9-11dd-b748-00144f02aabc.shtml

SCOPPIA LA POLEMICA A LIVORNO. anche sgarbi scende in campo
Giù il cinema futurista, si fa il parcheggio
«E le macchine passeranno davanti alla tomba di Smollett, uno dei più grandi scrittori britannici»

LIVORNO - L’ultima ruspa ha fatto arrabbiare anche Vittorio Sgarbi. «Stanno distruggendo una delle testimonianze più importanti dell’architettura cinematografica del Novecento», ha detto il professore. E subito dopo sono arrivate raffiche di proteste, appelli per bloccare il progetto Odeon, ovvero lo smantellamento di uno dei cinema più belli di Livorno, in pieno centro città, progettato dall’architetto futurista Virgilio Marchi.
DAL CINEMA AL POSTEGGIO - L’Odeon, con un finanziamento di 6 milioni di euro, sta per essere trasformato in un posteggio da 600 auto. Un progetto indispensabile per cambiare la viabilità del centro diviso in due dalla chiusura di Piazza Cavour. Eppure i lavori “salva traffico” per molti sono un oltraggio estetico. E anche in insulto al Futurismo alla vigilia dei festeggiamenti (nel 2009) della nascita del movimento con il famoso manifesto di Marinetti.
COLORE POLITICO - C’è chi poi dà alla “furia demolitrice” una connotazione politica: «Se Marchi avesse avuto la tessera del Pci forse l’Odeon sarebbe stato salvato – sostiene Marcella Amadio, consigliere regionale e comunale di An-Pdl -. Livorno ha salvato il teatro San Marco semidistrutto dai bombardamenti (anche se lo sta conservando nel modo peggiore), ma è riuscito ad abbattere la casa di Mascagni (anche lui con la tessera del Pnf) e a lasciare in assoluto stato di abbandono il mausoleo della famiglia Ciano. C’è quasi una mania iconoclastica, Livorno non riesce a conservare e a mantenere le memorie del proprio passato. Faremo un libro bianco sugli scempi architettonici di questa città».
L'AUTO DAVANTI ALLA TOMBA DI SMOLLETT - Il progetto parcheggio non interessa soltanto cinema futurista. «Le auto passeranno davanti al cimitero monumentale degli inglesi – spiega Dario Matteoni, ex assessore (Pd) alla Cultura del Comune, storico dell’arte della Sovrintendenza per i beni cultura di Pisa e di Livorno - una testimonianza del Seicento e del Settecento, qui è sepolto Tobias Smollett, uno dei più grandi scrittori e poeti britannici. Nel cimitero arrivarono in visita Dickens e Cooper». Le ruspe hanno già sventrato la parte posteriore dell’edificio dalla forma rotonda e oggi è rimasto in piedi solo la bellissima facciata. «Che non sarà abbattuta ma valorizzata – spiega Riccardo Vitti, presidente della Spil, la società a maggioranza del Comune che segue il progetto -. Qui nasceranno centri di estetica, uffici, insomma servizi. E’ stata invece abbattuta la parte anonima, senza alcun valore artistico».
LA POLEMICA - L’ex assessore Matteoni non è d’accordo. «Ciò che è stato già abbattuto non era affatto anonimo. Marchi era riuscito a coniugare la funzionalità dell’impianto, l’ottimo assetto acustico, con la raffinatezza delle soluzioni architettoniche, particolarmente apprezzabili nel foyer ellittico e nella struttura parabolica di copertura. Recentemente si è voluto ritrovare nel cinema livornese memoria del progetto presentato da Marchi nel 1934 al concorso per il Palazzo Littorio, una combinazione di verticalismo e di forme sferiche, tutto segnato da evidente matrice classica». Vittorio Sgarbi è contrario ad abbattimento e ristrutturazione: «Qualunque intervento cancelli la memoria storica di un edificio architettonico va bloccato. E’ un atto di barbarie, di inciviltà. Un cinema è il riferimento di una comunità e oltretutto l’Odeon ha una valenza architettonica di prestigio. Trasformarlo in un parcheggio è un atto di barbarie. A Milano hanno abbattuto lo stabilimento Alfa Romeo: aveva 100 anni, ci hanno fatto una rotatoria. Uno scempio».
Quella dell’Odeon sembra un po’ la storia di Nuovo Cinema Paradiso. Con due differenze, sostanziali. La prima è che nel film di Tornatore si abbatte un piccolo e insignificante (ricordi a parte) cinema di paese, a Livorno si cancella uno dei pochi monumenti sopravvissuti a bombardamenti e piani regolatori. La seconda differenza è che l’abbattimento dell’Odeon è reale e non virtuale come nella pellicola premio Oscar.
SCEMPIO ARCHITETTONICO - L’assalto all’Odeon è solo l’ultimo scempio architettonico nella storia recente di Livorno. Una città martoriata dai bombardamenti e ricostruita in modo pessimo. Le demolizioni eccellenti sono sconcertanti. Negli anni Settanta si decide di abbattere la casa natale di Mascagni, nella Piazza Cavallotti cuore della città. Al suo posto si costruisce un orribile palazzo rosso. Non si salva neppure il Politeama, cinema-teatro dove aveva debuttato Beniamino Gigli, raso al suolo per un altro palazzone senza gusto estetico. E ancora le ruspe abbattono la villa Attias, mirabile esempio di architettura neoclassica, per costruire un parcheggio sotterraneo e un palazzo dove c’è un grande magazzino.
Poi ci sono le dimenticanze architettoniche. Clamorose. Il teatro San Marco, dove nel 1921 nacque il Pci di Gramsci e Bordiga, non è stato ricostruito e la facciata, l’unica ad essere rimasta in piedi, oggi ospita un asilo. La casa natale di Amedeo Modigliani è stata cancellata dalla toponomastica della città, sino a quando un lodevolissimo privato amante dell’arte, Giorgio Guastalla, l’ha acquistata di tasca propria per salvarla dall’incuria. La casa dove nacque Giorgio Caproni, uno dei più grandi poeti del Novecento, che a Livorno ha dedicato poesie e scritti, è stata dimenticata sino a un anno fa. Oggi è chiusa (appartiene a un privato) ma è stata posta una targa di memoria sulla facciata. E’ poco, ma sempre meglio di una ruspa. Marco Gasperetti mgasperetti@corriere.it (mgasperetti@corriere.it)
25 agosto 2008

http://img53.imageshack.us/img53/5184/fotodu6.jpg (http://imageshack.us)
http://img53.imageshack.us/img53/5184/fotodu6.5a40f35f06.jpg (http://g.imageshack.us/g.php?h=53&i=fotodu6.jpg)

http://it.wikipedia.org/wiki/Cinema_Odeon

almayer
10-02-2009, 13:18
Nelle mie peregrinazioni su Wiki ho scoperto questa colonia nazista simile a Le Navi, si chiama Prora:

http://en.wikipedia.org/wiki/Prora
http://www.aska.nu/prora_kdf.asp
http://www.proradok.de/index.html
http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/7777866.stm

Consiglio di darci un occhio da Google Earth, dire che sia imponente è dir poco, è impressionante, 5 km di costruzione. Baste inserire Prora e la si trova subito.


Restando in tema, citiamo anche l' ingeniere fasista! Giuseppe Peverelli e il suo Novarese, una colonia marinara situata a Miramare costruita negli anni 30.

Un po' di siti che ho trovato sull'argomento:

http://www.romagna.net/blog/rimini/ex-colonia-novarese/
http://digilander.libero.it/maurizio01/Colonia%20Novarese/index.htm
http://www.zanzini.it/new_arcivideo.php
http://www.andreafrank.net/statementCS.html

Lollauser
10-02-2009, 13:43
Nelle mie peregrinazioni su Wiki ho scoperto questa colonia nazista simile a Le Navi, si chiama Prora:

Io lo trovo agghiacciante a dir poco..

Grazie della segnalazione cmq, non lo conoscevo!

almayer
10-02-2009, 14:06
Io lo trovo agghiacciante a dir poco..

Grazie della segnalazione cmq, non lo conoscevo!

Beh, siamo in Germania, dimentichiamoci la grazia di una Novarese. Comunque impressionante, 5km di resort sulla spiaggia, immenso.

SWAT
11-05-2010, 09:35
Dopo anni e anni di ricerche ho trovato questo rarissimo libro del 1986, "Colonie a mare" edizioni Grafis arrivato stamattina :)
Riguarda le colonie del litorale adriatico Cattolica - Comacchio ricchissimo di informazioni e soprattutto di foto, colori e bianco e nero, un vero tesoro.

Grazie,Marì
23-05-2010, 23:32
ciao,ragazzi, siccome nella discussione sulla colonia di Spina non posso entrare,perchè privata, volevo dirvi che ho visto quella colonia in un libro acquistato durante una mostra che ho visto col mio ragazzo...se non ci sono problemi vi metto il link della mostra, che ci sarà fino al 29 maggio 2010 a Roma, presso l'Accademia Britannica.

http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=91357

Trattasi di una vera ex colonia, mai usata per farci un albergo, come si diceva nel film



E' stata bombardata dai tedeschi nel 1945. Ora è rifugio di immigrati e senza tetto, mentre nelle parti superiori fioriscono orchidee.


Si trova tra Cervia e Milano Marittina. Lo so, magari mi sono ripetuta, però è giusto farlo sapere a chi è curioso, se mi è permesso.

Basik
09-09-2010, 12:14
http://lebbeuswoods.wordpress.com/2009/11/02/santelias-words/

almayer
16-08-2015, 14:14
Si, su idea di Marinetti. Ci lavorò prima Prampolini, poi il progetto fu affidato a Terragni (altro illustre tuo concittadino). Fine OT :)

Da Wiki:

https://it.wikipedia.org/wiki/Monumento_ai_caduti_%28Como%29


Il monumento eseguito è ispirato da uno schizzo a matite colorate ed acquarello dipinto nel 1914 dal futurista Antonio Sant'Elia, uno dei più illustri caduti comaschi della Grande Guerra appunto ricordati dal monumento. Il progetto ipotetico del Sant'Elia intendeva una centrale idroelettrica. All'inizio vi fu un primo progetto vincitore dell'apposito concorso (I grado 1925, II grado 1926) disegnato dall'architetto Federico Frigerio, ma fu però respinto dalle autorità. Nel frattempo si fa strada l'ipotesi di costruire il monumento in una localizzazione del lungolago e viene chiesto a Terragni di redigere una proposta. Il progetto presentato da Terragni prevedeva un'impostazione di due lastre verticali traforate e parallele che racchiudevano nell'intercapedine lo spazio celebrativo.

In visita a Como irrompe nel dibattito sul monumento anche il fondatore del movimento futurista Marinetti che propone di realizzare (invece del progetto di Terragni) una trasposizione fattibile del disegno di centrale elettrica (ovvero una Torre faro) del Sant'Elia, ribadito come martire della guerra, comasco e architetto caposcuola del movimento futurista. Nonostante la critica di Persico circa lo storcimento a monumento del progetto di una centrale elettrica, il noto pittore futurista Enrico Prampolini nel 1930 si prende l'incarico di tramutare il disegno di Sant'Elia in un'opera architettonica e di seguito si cominciano le costruzioni sotto la direzione dell'ingegnere Attilio Terragni, fratello di Giuseppe.

Presto si rivela però l'insufficienza del progetto a causa della mancanza di elaborati tecnici. Quindi a cantiere aperto è chiamato Terragni a intervenire. Costretto dagli eventi ad abbandonare la propria proposta, porta a compimento il disegno redatto da Prampolini eliminando le decorazioni retoriche, rifinendo la sagoma dei grandi blocchi, inserendo alla sommità due lanterne (non realizzate) e progettando la cripta e il sacello. Quindi di Giuseppe Terragni sono le decisioni architettoniche, la scelta dei materiali e lo studio degli interni.

Il monumento, completamente ultimato, viene inaugurato il 4 novembre 1933 e dedicato a tutti i caduti in particolare al Sant'Elia, autore dei disegni da cui il Terragni prese spunto per costruire il futuristico monumento. Le grandi dimensioni del monumento lo rendono visibile anche a distanza trasformandolo in una grande attrazione turistica della città.