PDA

View Full Version : W Zappatore (2010)



L'Infame
18-08-2011, 19:02
Nuovo film per Sandra Milo (dopo le recenti prove con la grande regista ragusana Annarita Campo (http://www.gentedirispetto.com/forum/showthread.php?22389-Nel-cuore-di-una-Diva-%282007%29-Annarita-Campo))

http://www.youtube.com/watch?v=CGIT6PYx0ao


SINOSSI
Marcello Zappatore è un ragazzo di trentatré anni che, per guadagnarsi da vivere, suona la chitarra elettrica in una band metal satanista famosa nella provincia di Lecce. La vita di Marcello è presto sconvolta da uno straordinario evento: un fastidioso prurito al costato si rivela, in seguito, essere una stigmate.

Dono divino o necessità di cambiamento? Questo Marcello non lo sa, ma la stigmate gli procura non pochi problemi. In breve tempo, a causa della sua involontaria vicinanza a Dio, Marcello perde la ragazza e la casa in cui convivevano. Inoltre, cacciato dalla sua band che rifiuta un chitarrista stigmatizzato, perde anche il lavoro.

Marcello si ritrova così a dover affrontare un viaggio tutto personale attraverso due mondi apparentemente incompatibili: quello di Dio e quello del Rock’n’Roll. In questo percorso, Marcello è accompagnato da una madre bigotta che lo instrada verso l’espiazione in un convento e da una nonna un po’ strampalata che lo incoraggia a non mollare la via del Rock. Anche nuovi e vecchi amici, a modo loro, cercano di indirizzarlo sulla retta strada.

Ma qual è la cosa giusta per Marcello?

Abbandonare la musica di Satana per seguire il dono Divino della Stigmate oppure infischiarsene del Segno e seguire i suoi sogni di gloria musicale?

Esiste forse un punto d’incontro anche tra universi opposti?

Renato
26-07-2017, 19:54
1026

Pensavo che il film parlasse del forumista ZAPPATORE, meglio noto per essere il regista di capolavori quali Il soldato di Napoli e PARANOYD, il film italiano più amato da Quentino Tarantino! E invece leggo che parla di tutt'altro! :(

johnnyb
27-07-2017, 01:12
sembra una via di mezzo tra i trailer fake di Maccio Capatonda e i videoclip di Richard Benson, quindi imperdibile