PDA

View Full Version : La Battaglia Di Algeri - (Gillo Pontecorvo, 1966)



Green Jelly
10-03-2006, 10:44
IMDB
(http://www.imdb.com/title/tt0058946/combined)
http://i1381.photobucket.com/albums/ah228/superswat/145_zpsltziponx.jpg

Ho recentemente acquistato questo DVD (chiaramente a 5€ in edicola se no che Green Jelly sarei?), un film che avevo visionato svariati anni fa, e che mi aveva emozionato ma che solo oggi "probabilmente" riesco a comprendere appieno.


http://www.youtube.com/watch?v=Zgkj8eAVjwQ

Il film del 1965 per la regia di Gillo Pontecorvo, si basa su una sceneggiatura solidissima ad opera dello stesso Gillo con l'apporto di Franco Solinas, che già di per se è garanzia di qualità, girato in un bianco e nero ha la potenza di un pugno nello stomaco complice l'approccio volutamente documentaristico della regia.

La pellicola ha un tasso di coinvolgimento talemnte elevato che a volte è difficile rimanere distaccati, riuscire ad avere una posizione politica definita riguardo alla guerra d'indipendenza Algerina non è facile oggi.
Ingiustificabile l'occupazione francese, romantica, giusta ma esecrabile (alla luce di quello che poi ha prodotto) la controguerriglia dei patrioti algerini, l'Algeria è da anni sotto il tiro del più becero fondamentalismo oscurantista dell'FLN.

Sono passati 40 anni ma questo film rimane una delle opere più oneste e rappresentative dell’oppressione imperialista, anticipando di fatto gli attacchi militari d’Israele sui palestinesi e certi metodi utilizzati dalle forze USA in Iraq e in Afganistan.

Un ultimo appunto sulla scelta del cast eccezionale e delle musiche del maestro Morricone.

Quale film politico può vantare intenti tanto cristallini da riuscire a romanticizzare un movimento (FLN) riuscendo comunque a mettere in luce le contraddizioni, la retorica e il deprecabile moralismo fondamentalista.

Da vedere e rivedere e studiare (come peraltro si dici abbiano fatto al Pentagono, ma sarà vero?):confused:

la scena in cui la kamikaze si fa esplodere mentre i giovani francesi ballano il Cha-cha-cha è qualcosa di insostenibile

Caltiki
10-03-2006, 11:05
Fantastico, è un film splendido da vedere e rivedere che recuperai in vhs anni orsono e poi nel dvd Surf. Rimane il capolavoro insuperato di Pontecorvo, seguito un gradino sotto dall'altrettanto splendido Kapò.
Splendida e terrificante la figura del colonnello Mathieu, interpretato da Jean Martin. Un film attualissimo, seppur narri di fatti accaduti nel 1957.
Descrive assai bene il durissimo regime imposto dai francesi in Algeria.
A me era piaciuta molto la figura della donna algerina che si traveste da francese, varca i confini della zona francese e -con freddezza-ripone una borsetta con esplosivo all'interno di un bar affollato dai colonialisti francesi

Caltiki
10-03-2006, 11:15
Praticamente ho rispoilerato quello che avevi spoilerato tu :oops:.
Allora è indubbio che sia la scena più scioccante del film, che rimane maggiormente impressa

Green Jelly
10-03-2006, 12:43
Cosa che non molti sanno è che il leader del "FN" Jean Marie Le Pen durante l'insurrezione era in forza all'esercito, e da più parti è stato accusato di avere avuto parte attiva nelle torture inflitte ai patrioti dell'FLN.

Altra nota riguardo al film, questa della SURF è l'edizione definitiva?
Lo chiedo perchè leggiucchiando qua è la mi è parso di capire che esisteva anche una versione allegerita, ma come al solito chiedo conferma a qualche forumista locupletato che possa chiarire l'arcano (almeno per me) :cool: :D

Caltiki
10-03-2006, 12:51
Altra nota riguardo al film, questa della SURF è l'edizione definitiva?
Lo chiedo perchè leggiucchiando qua è la mi è parso di capire che esisteva anche una versione allegerita, ma come al solito chiedo conferma a qualche forumista locupletato che possa chiarire l'arcano (almeno per me) :cool: :D

Non avendo il marchio di "forumista locupletato", non sono in grado di rispondere. Posso solo dire che il dvd ha una durata di 121 minuti, che corrisponde a quella indicata su Cinematografo.it.

Green Jelly
10-03-2006, 14:58
Non avendo il marchio di "forumista locupletato"

ma cosa mi dici mai!
il marchio ce l'hai eccome
:D :D :D :D :D :D

Caltiki
10-03-2006, 15:34
ma cosa mi dici mai!
il marchio ce l'hai eccome
:D :D :D :D :D :D

Lo spropositato numero di faccine mi induce a pensare ad un altro tipo di marchio, non così gratificante..vabbuò, ognuno ha il marchio che si merita, basta che non sia impresso a fuoco.

johnnyb
14-03-2006, 04:13
Questo film ebbe problemi con le censura a causa del...manifesto, che fu sequestrato e censurato

Firestone
14-03-2006, 10:38
Cosa che non molti sanno è che il leader del "FN" Jean Marie Le Pen durante l'insurrezione era in forza all'esercito, e da più parti è stato accusato di avere avuto parte attiva nelle torture inflitte ai patrioti dell'FLN.

Anche Mitterrand pare che durante la guerra d'Algeria era sottosegretario e fu lui a firmare le circolari che autorizzavano l'esercito francese all'uso della tortura.

Patrioti dell'FLN è una parola grossa visto che nel film c'è una scena dove c'è una ragazza algerina che porta una bomba in un locale frequentato da civili e nell'esplosione muore anche un bambino

Green Jelly
14-03-2006, 18:35
Patrioti dell'FLN è una parola grossa visto che nel film c'è una scena dove c'è una ragazza algerina che porta una bomba in un locale frequentato da civili e nell'esplosione muore anche un bambino

Sempre di patrioti si tratta visto che il "movente" è l'autodeterminazione dell'Algeria Stato indipendente e sovrano.

Doverosa precisazione: non voglio entrare in discussioni a carattere politico, su quello che può essere definito "patriottico" o "terroristico" preferisco parlare di cinema, quindi la mia affermazione sopra è relativa al film.
:)

nandocicero
15-03-2006, 02:28
Altra nota riguardo al film, questa della SURF è l'edizione definitiva?
Lo chiedo perchè leggiucchiando qua è la mi è parso di capire che esisteva anche una versione allegerita, ma come al solito chiedo conferma a qualche forumista locupletato che possa chiarire l'arcano (almeno per me) :cool: :D

Il film è integrale. Del manifesto già s'è detto. E' interessante sapere, però, che non venne passato in Francia x anni e che fu anche motivo di gelo nei rapporti tra l'Italia e l'altro paese.
C'è anche una edizione su due dvd, sempre della Surf.

Green Jelly
15-03-2006, 11:19
Il film è integrale. Del manifesto già s'è detto. E' interessante sapere, però, che non venne passato in Francia x anni e che fu anche motivo di gelo nei rapporti tra l'Italia e l'altro paese.
C'è anche una edizione su due dvd, sempre della Surf.

il film venne effettivamente bandito in Francia e in Inghilterra fino al 1971 per motivi chiaramente intuibili, ma che fosse stato motivo addirittura di gelo diplomatico tra Italia e Francia mi pare poco verosimile.
In Algeria chiaramente fu un successone (al punto che un deputato algerino ex dell'FLN chiese un sequel a Pontecorvo che rifiutò).
Negli Stati Uniti fu nominato per 3 Oscar.

Altri aneddoti sparsi legati al film:

Ad agosto dell’anno scorso il Pentagono decise di proiettare La Battaglia di Algeri, in occasione dell’intensificarsi della guerriglia irachena contro gli USA, e si vocifera su input di Donald Rumsfeld con la motivazione di “migliorare l’intelligence”.
Sulla stampa la cosa venne presentata in maniera assurdamente ottimista, come segnale di distensione verso l'Iraq visto l'approccio anticonvenzionale del tutto.
La verità sta nei fatti (Vedi Abu-Ghraib).

Il film costo qualcosa come 800.000 dollari, con un limitato coinvolgimento di professionisti: Jean Martin (che interpreta il Colonnello Mathieu) negli anni 50 fu perseguitato in Francia visto le sue simpatie per l'FLN, era l’unico attore professionista del cast mentre gli altri attori vennero reclutati ad Algeri tra la gente comune: Haggiag (La Pointe) era un poveraccio semi-analfabeta,

il vecchio che lo tradisce addirittura pare fosse un galeotto

Yacef Sadi che nel film è Jafar era un vero leader dell'FLN e si può tranquillamente affermare che molti spunti per il film li abbia forniti la sua personale vicenda.

Caltiki
15-03-2006, 11:24
E' interessante sapere, però, che non venne passato in Francia x anni e che fu anche motivo di gelo nei rapporti tra l'Italia e l'altro paese.

E' quello che sta avvenendo qui da noi con il bel film, finanziato da Gheddafi, The Lion of the desert.. certe verità sono scomode.
La battaglia di Algeri racconta i crimini di cui si sono macchiati durante il colonialismo i francesi, il film con Anthony Quinn (e molti caratteristi e attori noti italiani: Moschin, Vallone, Patrizi..ecc.) invece spiattella tutti gli ignobili atti che l'Italia ha compiuto durante il suo periodo colonialista.

almayer
09-04-2006, 21:19
The battle of Algiers S.E. - criterion collection

Migliore dell'edizione italica? :confused:

SWAT
10-04-2006, 02:21
Migliore dell'edizione italica? :confused:
Penso sia impossible trovare di meglio:
http://www.criterionco.com/asp/release.asp?id=249

Cofanetto di 3 DVD con libercolo in allegato.

Cmq è ancora sigggggillato, non l' ho visto.

Cuchillo
25-06-2007, 14:59
In onda venerdì 6/7 alle 14.00 su Raisat cinema world.
Non perdetelo ;)

Green Jelly
27-06-2007, 23:01
Segnalo inoltre che per la DNC è uscita in questi giorni l'edizione definitiva del film in oggetto con un disco zeppo di extra.

almayer
03-07-2007, 17:56
Segnalo inoltre che per la DNC è uscita in questi giorni l'edizione definitiva del film in oggetto con un disco zeppo di extra.

Ma non è la stessa edizione di prima? :confused:

mister.steed
03-07-2007, 18:08
Ma non è la stessa edizione di prima? :confused:

Si almayer... lo hanno confermato anche su FilmTV: si tratta della medesima edizione a due dischi con la copertina modificata

LaBelvaColMitra
15-11-2007, 12:18
Lunedì 19 novembre
Su La7
Alle 14.00

Bmw2002
03-05-2009, 21:10
Vista la VHS cartonata "L'Unità - Ricordi"
Il film mi è piaciuto, è parecchio crudo, teso, avvincente, non è mai noioso e ha delle musiche morriconiane davvero ben orchestrate.
Notevole come un film di praticamente sole comparse o quasi possa avere una resa così alta. Jean Martin (Morto per altro di recente, il 2/2/09), che in alcuni frangenti mi ha ricordato Michael Caine, interpreta un personaggio che riesce a catturare su di se una certa stima e ammirazione per il suo atteggiamento forse più "umano" e rispettoso nei confronti del "nemico".
Ottima rappresentazione storica.

dan880
07-05-2009, 18:01
le ricordo benissimo le cassette de l'Unità-Ricordi, era il ciclo Capolavori italiani, distribuiti in edicola tra l'inverno e l'estate del '95.

Bmw2002
07-05-2009, 18:09
le ricordo benissimo le cassette de l'Unità-Ricordi, era il ciclo Capolavori italiani, distribuiti in edicola tra l'inverno e l'estate del '95.

Cassetta ancora in ottimo stato, dalla resa audio/video ancora più che dignitosa , che custodisco gelosamente nella mia libreria in soggiorno. :gelato:

dan880
07-05-2009, 21:59
si, anche io le ho conservate in buono stato per più di 6 anni. poi ho sostituito le copie vhs con le edizioni dvd.

mister.steed
27-11-2013, 11:11
Se ne va all'età di 89 anni uno dei più importanti direttori (o autori) della fotografia italiana

È morto Marcello Gatti (http://it.wikipedia.org/wiki/Marcello_Gatti): fotografò Brando e la Battaglia d'Algeri

Nel corso della sua lunga carriera il direttore della fotografia vinse 5 Nastri d'argento, fotografò 2 film nominati agli Oscar (oltre al capolavoro di Pontecorvo, anche Le Quattro giornate di Napoli di Nanny Loy) e un altro Palma d'oro a Cannes (Chroniques des années de braise); lavorò tra gli altri con Polanski, Lizzani e Cosmatos. In tv fecè il Mosè con Burt Lancaster, varie serie della Piovra, i primi sceneggiati di Morandi e poi, dietro lo 'Specchio segreto' (prima candid camera italiana), c'era lui a filmare.

http://www.rainews24.it/it/news.php?newsid=185043

Posto qui la triste notizia essendo uno dei film più importanti che ha "fotografato"

Giorgio Brass
27-11-2013, 11:31
Mi dispiace tantissimo, Marcello era un mio amico (e mi obbligava a dargli del tu, cosa che mi onorava molto).
Lo intervistai per due film (anzi, tre) ed era una persona incredibile, dalla carriera stratosferica e dalle capacità indiscutibili.

Voglio ricordare due cose di lui, una è proprio relativa a questo a film.
Lui amava tantissimo questo film era tra i suoi preferiti e lo ricordava con gioia. Così tanta che mi raccontava che spesso la notte sognava di essere sul set con Pontecorvo mentre giravano le scene più belle del film. E mi diceva: "Vedi Federico, la notte è bella per questo. Perché di notte io torno sul set assieme a Gillo e giriamo dei film bellissimi, con una luce magica. Ogni notte facciamo un nuovo film oppure rigiriamo qualche vecchia scena già fatta in altri film. E la notte mi piace perché mi viene a trovare anche mia moglie e mi guarda, mi sorride...."
Questi suoi racconti mi colpivano tantissimo ma è un altro il racconto che mi ha davvero emozionato e che è quello con cui voglio ricordarlo.
Quando era ragazzo e iniziava a lavorare nel cinema come operatore fu chiamato alle armi e lui si rifiutò.
Disse: "No, signori, io non voglio fare il soldato, queste mani - e me lo raccontava alzando e mostrandomi le sue mani enormi - possono stringere solo una macchina da presa, non un'arma"
Credo che sia una delle più belle dichiarazioni d'amore per il cinema che io abbia mai sentito e rende bene la grandezza, anche umana, di questo gigante della cinematografia che mi ha onorato con la sua amicizia.

SWAT
11-05-2015, 01:12
Mi è giusto venuto in mente sto pezzo, riascoltiamocelo:


https://www.youtube.com/watch?v=Irt8XSRwZo0

Zardoz
18-12-2015, 19:29
Uscito anche in br, in Gran Bretagna per la Argent Films e negli States per la Criterion. Quest'ultima edizione su www.dvdbeaver.com/film/DVDReviews5/battleofalgiers.htm
P.S. Il disco UK ha anche l'audio italiano.

Venticello
21-03-2017, 11:54
Cominciata la Start Up Cecchi Gori per un edizione BR nostrana

www.cgentertainment.it/startup/labattagliadialgeriedizionespecialeelimitata/