PDA

View Full Version : Graffiti o non graffiti?



Killer Klown
02-04-2006, 13:25
Allacciandomi al topic "Squadra anti-writers", siete contro o favorevoli alla sottocultura dei graffiti urbani?

Personalmente sono favorevole MA solo se si tratta di disegni che si possono definire tali e non dei vari "Maria ti amo", "Piapodolichino sindaco". E soprattutto da effettuarsi su muri bianchi che non fanno parte di edifici storici, privati o altro.

Tuchulcha
02-04-2006, 13:29
Sostanzialmente favorevole,con le dovute eccezioni segnalate da Klown.Se proprio vogliono tenere i muri puliti,comincino a togliere quei ripugnanti manifesti elettorali dai contenuti meritevoli di querela.

SWAT
02-04-2006, 13:40
Favorevole se il tutto è fatto con criterio, detesto i bombing in bianco e nero e gli illegali a sproposito.

I treni, se fatti con gusto, hanno un loro perchè, i throw-up fatti da gente che non è capace di dipingere mi stanno sul cazzo.

pappo
02-04-2006, 15:48
vado pazzo per il bombing.
per i trowh up da action veloce argento e nero oro e nero o bianco e nero.
solo il nome che gira. in culo all'arte. l'arte sui musi con calma, sul ferro e per strada solo il nome al volo.
l'unica cosa e che le bombolette inquinano.
quello e l'unico problema.

drugo
07-04-2006, 12:22
Se cerco di lasciare qualcosa a qualcuno, lo scrivo con l'argento sopra un treno...

almayer
10-04-2006, 11:36
Non mi piacciono. Verò è che alcuni sono veramente artisti, e tanto di cappello, ma il problema è l'esercito di amatori che invece imbrattano solo muri. Favorevole a spazi appositi per graffiti, non ovunque.

agentespeciale
10-04-2006, 12:03
Chi parla di graffiti senza mai averne fatti è un po come chi parla di coglioni essendo eunuco.
Senza eufemismi.....

Tuchulcha
10-04-2006, 15:41
Chi parla di graffiti senza mai averne fatti è un po come chi parla di coglioni essendo eunuco.
Senza eufemismi.....
Va beh,che c'entra?Anche un eunuco può sollevare argomentazioni scientificamente valide sui testicoli,se ha studiato.Ci sono criminologi che concionano in maniera autorevole sui serial killers,mica è necessario aver ammazzato qualcuno per questo.

almayer
10-04-2006, 15:46
Chi parla di graffiti senza mai averne fatti è un po come chi parla di coglioni essendo eunuco.
Senza eufemismi.....

Minga tropp. Se mi dipingono l'ingresso del garage senza che l'abbia richiesto non è che devo fare un corso di murales per avere il diritto d'incazzarmi.

Yulai
10-04-2006, 15:49
Favorevole.
Non credo che frasi tipo "Sara ti amo" o "w il duce" si possano definire graffiti.

agentespeciale
10-04-2006, 18:06
Avete ragione sono stato impulsivo.
Ma ribadisco il concetto, che è ben differente dall'essere criminologo e serial killer, chi fa graffiti, e questo per esperienza personale, non verrà mai compreso da chi non li fa.
Verrà etichettato, questo si ma compreso mai, proprio perchè ognuno lo fa per motivi suoi, non è una cosa standardizzabile.

Tuchulcha
10-04-2006, 18:26
Avete ragione sono stato impulsivo.
Ma ribadisco il concetto, che è ben differente dall'essere criminologo e serial killer, chi fa graffiti, e questo per esperienza personale, non verrà mai compreso da chi non li fa.
Verrà etichettato, questo si ma compreso mai, proprio perchè ognuno lo fa per motivi suoi, non è una cosa standardizzabile.
Certamente.Ma perchè dare per scontato che non si possa capire?Io amo disegnare,lo faccio da quand'ero bambino;non sono un graffitaro,quindi ovviamente esprimo le mie pulsioni artistiche con altri mezzi;ma trovo comunque che sia una cosa carina,se fatta con buon gusto.Ovviamente un graffitaro che decida di esprimere la propria arte su un monumento mi dà fastidio,sarebbe come se io andassi a fare un disegnino proprio su una colonna del Partenone o della Villa Adriana;ma se sceglie un muro qualsiasi e lo abbellisce con le sue performances,alla fine mi sembra una cosa apprezzabile.

drugo
11-04-2006, 14:37
Non mi piacciono.
Marco...Ma allora è la fine del nostro idillio? :D

[Neubauten]
11-04-2006, 17:10
Marco...Ma allora è la fine del nostro idillio? :D

Momenti di tensione su GDR.

In topic, mi piacciono, però a patto che

1] siano fatti da gente brava

2] non su monumenti, chiese, statue etc etc. L'ideale sarebbe avere spazi predisposti, anche se si limita un pò lo "spirito" del writer. Poi, non ricordo dove -all'estero, comunque- c'è chi ha deciso di destinare una quota di treni e vagoni della metro ai writer. Iniziativa apprezzabile secondo me.

almayer
11-04-2006, 18:01
Marco...Ma allora è la fine del nostro idillio? :D

Mannò. Non mi piacciono nel senso che non sono un fan, non vado in giro a farli, e nonmenepofregademeno. Capisco che molti siano appasisonati ai graffiti, capisco che possano essere forme di arte metropolitana, a patto che:

-siano fatti bene
-siano in spazi appositi

Non amo i graffiti dove non sono richiesti, tipo sui monumenti. Ma non mi metterei a raccogliere firme contro i graffitari, se a questo hai pensato. :)

geepy
11-04-2006, 18:10
']Momenti di tensione su GDR.

In topic, mi piacciono, però a patto che

1] siano fatti da gente brava

2] non su monumenti, chiese, statue etc etc. L'ideale sarebbe avere spazi predisposti, anche se si limita un pò lo "spirito" del writer. Poi, non ricordo dove -all'estero, comunque- c'è chi ha deciso di destinare una quota di treni e vagoni della metro ai writer. Iniziativa apprezzabile secondo me.

Sono d'accordo con Neubauten. In particolare mi stanno sui cojoni quelli che fanno stupide orrende scritte sui muri nei centri storici.

luciferrising
11-04-2006, 18:15
Favorevole, quotando Neubauten, soprattutto per quanto riguarda i monumenti.
Mi piacciono non c'è che dire, e quando organizzo qualcosa con la mia associazione cerco sempre se possibile di invitarli a fare qualche cosa.

agentespeciale
11-04-2006, 19:08
']Momenti di tensione su GDR.

In topic, mi piacciono, però a patto che

1] siano fatti da gente brava

2] non su monumenti, chiese, statue etc etc. L'ideale sarebbe avere spazi predisposti, anche se si limita un pò lo "spirito" del writer. Poi, non ricordo dove -all'estero, comunque- c'è chi ha deciso di destinare una quota di treni e vagoni della metro ai writer. Iniziativa apprezzabile secondo me.
Qual'è il tuo livello di preparazione artistica per poter affermare che uno è bravo?

[Neubauten]
11-04-2006, 20:56
Qual'è il tuo livello di preparazione artistica per poter affermare che uno è bravo?

Non sarebbero proprio fatti tuoi, ma comunque a livello più che sufficiente per capire se uno è bravo o meno.

drugo
12-04-2006, 02:32
Gli imbecilli sono ovunque, ma in generale i writers non vanno sporcando in giro monumenti con scritte come fanno ragazzini in amore.
Personalmente amo i graffiti perchè a differenza dell'arte ufficiale non può nella maggior parte dei casi essere comperata. Capisco il punto di vista di chi non apprezza tag (le firme) o scritte "illeggibili", ma questo è il writing...Niente di più facile per chi sà farlo e capirlo.

Basik
12-04-2006, 09:41
Capisco il punto di vista di chi non apprezza tag (le firme) o scritte "illeggibili", ma questo è il writing...Niente di più facile per chi sà farlo e capirlo.
Va anche detto che una marea di ragazzi che scrivono non sa nemmeno cosa significhi la parola "calligrafia". Questo è il motivo per cui in giro il 90% delle tags fa schifo, e una tag brutta vale quanto una scritta politico/ultrà/amorosa su un monumento: MONDEZZA.

Lollauser
13-04-2006, 10:48
http://www.repubblica.it/2006/04/sezioni/esteri/sindaco-graffiti/sindaco-graffiti/sindaco-graffiti.html



Il sindaco assume i graffitari
"Liberi di sporcare per abbellire"
L'idea del sindaco Luzhkov. Coinvolti più di un centinaio di adolescenti
Dal nostro corrispondente GIAMPAOLO VISETTI


MOSCA - Per dire addio allo squallore comunista, Mosca si affida alla creatività dell'Occidente post-industriale. Cacciati e condannati a Londra e Berlino, ma pure in Italia, nella capitale ex sovietica i graffitari vengono invece assunti dal Comune.
L'idea è venuta al sindaco Yuri Luzhkov. Scorrendo gli elenchi interminabili dei giovani moscoviti che ogni settimana venivano multati per aver imbrattato palazzi, autobus e treni, l'ex sfidante del presidente Vladimir Putin ha deciso di usare la loro voglia di esprimersi per cancellare il grigiore che ancora domina gli sterminati e indistinguibili quartieri di una metropoli da oltre 15 milioni di abitanti. È nato così "Progetto Fabbrica", il primo accordo tra un municipio e la bande dei ragazzi di strada.

Un centinaio di adolescenti, dopo aver sostenuto un test artistico, ogni mattina raggiunge le circoscrizioni e ritira pennelli e barattoli di colore. Poi si mette diligentemente all'opera, seguendo una mappa comunale con gli elenchi di palazzoni, ex industrie, stazioni, ponti e sottopassi da rendere meno angoscianti. Una sola condizione, posta dai graffitari al sindaco: essere liberi di dipingere ciò che vogliono, compresi soggetti che denunciano le disperanti ingiustizie che ancora devastano la Russia post-sovietica. Per il resto, impiegatizia puntualità, paga da fame e dannata fantasia.

Il primo esperimento, nei famosi "stagni del patriarca" dove Bulgakov ha ambientato Il maestro e Margherita, è stato un successo. Il Comune ha chiesto ai graffitari di reinterpretare decine di panchine in rovina, come tutto ciò che nell'ex Urss è affidato ai servizi pubblici. È nata una inedita opera d'arte a tappe, uno straordinario percorso bulgakoviano che, panchina dopo panchina, denuncia il ritorno della mentalità sovietica nel Paese.


Il caso, scoppiato sui giornali più ossequiosi verso il Cremlino, non ha fermato il progetto-graffiti. Forte di un sondaggio secondo il quale l'80% dei moscoviti considera la città "potenzialmente bellissima ma realmente orribile", Luzhkov ha rilanciato. Altri 200 artisti- murali sono stati assunti nel progetto "Gioco del terzo millennio" e sguinzagliati nelle periferie. Risultato: fine delle scritte scurrili e metamorfosi dell'incubo in sogno. Il muraglione della centrale elettrica è diventato un bosco di betulle, il tunnel autostradale di Syromjatniceskij un cielo che si confonde con l'orizzonte. Sui casermoni del distretto Basmannij sono comparse discoteche hi-tech, scarpe-automobili volanti, giungle tropicali e realtà virtuali vomitate da tivù e computer. Una trentina di sottopassi di cemento sono ormai mostre-stabili di arte contemporanea.

Nei fine settimana la folla di visitatori è tale che già galleristi e pittori delle avanguardie adottano gli spazi affrescati dai graffitari per estemporanee esposizioni. Un'agenzia privata sta per distribuire una guida ai graffiti della capitale, con tanto di percorso e accompagnatori. Pezzo forte, i "khrusciovki" di Cerjomuski. Nel quartiere operaio a sud di Mosca una ventina di palazzoni dell'era Khrusciov, trenta metri quadri per famiglia, sono stati trasformati in altrettanti animali. Chi abitava in luridi cubi di laterizio, è ospite ora della pancia di un ippopotamo, o vive aggrappato al collo di una giraffa, oppure vola sulle ali di una cicogna, o galoppa sul dorso un destriero.
Una visione straordinaria, nell'insieme, e già i taxisti propongono la visita "allo zoo più grande del mondo".

La febbre del graffito è tale, mentre in città stanno sorgendo 32 grattacieli in vetro di oltre 50 piani e sono in progetto 178 torri alte più di 300 metri, che il Comune ha deciso di concedere ai giovani anche i "muri sacri" della splendida metropolitana realizzata da Stalin. Ogni stazione affronterà un problema di oggi, collegato ai temi di mosaici e dipinti di regime dell'epoca sovietica. Dal socialismo reale al post-capitalismo creativo.

(13 aprile 2006)

agentespeciale
13-04-2006, 12:33
Va anche detto che una marea di ragazzi che scrivono non sa nemmeno cosa significhi la parola "calligrafia". Questo è il motivo per cui in giro il 90% delle tags fa schifo, e una tag brutta vale quanto una scritta politico/ultrà/amorosa su un monumento: MONDEZZA.
Non diciamo cagate.
Una tag brutta significa tante cose e te lo posso dire io che di tag brutte me ne intendo.
La sola cosa che mi dispiace è che persone che non hanno un cazzo a che fare con questa cultura si arroghino il diritto di giudicare.
Sono certo, perchè lo sono, che non basta un dottorato in belle arti per poter dispensare giudizi.
L'Hip-Hop è una cultura estremamente mutevole e sopratutto abbracciata per le più disparate ragioni da chiunque, pertanto affermare con arroganza che un rapper è bravo o meno che un writer è bravo o meno( e qui è ancora più difficile) o un breaker ancor peggio credo sia un grosso errore.
Nel breaking poi la cosa è ancora più tragica perchè come ben saprà qualcuno c'è chi distingue lo stile puro dalle evoluzioni.
Ma questa è un'altra storia.

Basik
13-04-2006, 14:08
La sola cosa che mi dispiace è che persone che non hanno un cazzo a che fare con questa cultura si arroghino il diritto di giudicare.
Sono certo, perchè lo sono, che non basta un dottorato in belle arti per poter dispensare giudizi.
D'accordissimo.


L'Hip-Hop è una cultura estremamente mutevole e sopratutto abbracciata per le più disparate ragioni da chiunque, pertanto affermare con arroganza che un rapper è bravo o meno che un writer è bravo o meno( e qui è ancora più difficile) o un breaker ancor peggio credo sia un grosso errore.

Sì, questa era la filosofia di Aelle, poi s'è finito che una marea di incapaci risultavano d'improvviso delle cime. Altri già nascevano con l'umiltà sotto le scarpe e oltre a darsi dei meriti loro gliene venivano pure riconosciuti altri. Io non ho mai sopportato tutto questo e se ben ricordo pure a te dava un certo nervosetto... :D Ma questo è un discorso che mi sento di poter fare solo a chi è stato nel movimento, non sarebbe valido per gli esterni, dato che non avrebbero obiettivamente il know-how per poter dare giudizi in merito.

Per me una tag brutta tale rimane, non discuto i significati che può avere o la passione che ci può essere dietro, ma in molti casi la sostanza è che la gente non ha l'umiltà di stare a casa a studiare prima di agire. E sono convinto che questo lo capisci molto bene pure tu, visto che come me ci sei stato dentro.

mister.steed
29-10-2008, 16:07
29/10/2008
Graffiti, linea dura del governo:
diventa reato imbrattare i muri
Giro di vite nel Cdm di venerdì

reclusione fino a 6 mesi e una multa da 500 a 1.500 euro per gli imbrattatori ’semplicì. Se poi la bomboletta spray si abbatte su edifici di interesse storico o artistico, allora il graffitaro rischia due anni di galera, una multa che può arrivare a 5mila euro e l’obbligo, anche in questo caso, di ripulire a proprie spese quanto deturpatohttp://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200810articoli/37764girata.asp

Il regim... pardon, il governo ha deciso: non graffiti... e adesso possiamo anche lucchettare il topic

Basik
29-10-2008, 16:17
Beh ma per far dimenticare al signor Rossi della porcheria chiamata lodo Alfano toccherà pure inventare qualche diversivo...

Renato
29-10-2008, 18:59
Contrario ai graffiti in linea di principio. Non dubito che possano anche essere arte (per carità) ma a me fanno cagare...poi se li fanno su dei capannoni industriali in periferia non è come vederli in via Arcivescovado a Milano, ovvio

mark920
29-10-2008, 19:11
La proposta di legge mi sembra largamente condivisibile.

mister.steed
08-02-2009, 13:21
E' accusato di danneggiamenti per aver realizzato graffiti in diversi punti della città
Boston, arrestato il ritrattista di Obama
Shepard Fairey era diventato famoso per l'immagine tricolore del presidente. Ora rischia tre anni

http://www.corriere.it/esteri/09_febbraio_08/arrestato_creatore_ritratto_obama_7bfea9d4-f5cd-11dd-9877-00144f02aabc.shtml

============
Qui siamo alla follia... negli Usa questo artista, che peraltro ha in qualche modo contribuito al successo di Obama, rischia tre anni per imbrattamento: ma una multa non bastava?
Se invece fosse stato in Italia e avesse stuprato qualcuno probabilmente sarebbe al massimo agli arresti domiciliari con la prospettiva di non fare neppure un giorno di carcere. Il mondo è davvero malato... :(

Bmw2002
08-02-2009, 14:20
29/10/2008
Graffiti, linea dura del governo:
diventa reato imbrattare i muri
Giro di vite nel Cdm di venerdì
http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200810articoli/37764girata.asp

Il regim... pardon, il governo ha deciso: non graffiti... e adesso possiamo anche lucchettare il topic

Dov'è il problema, scusa? Scommetto che se ti imbrattano casa nemmeno tu sei contento, no?

Comunque io sono favorevolissimo ai graffiti, fino al momento in cui siano realizzati in aree appositamente adibite.

Yulai
10-02-2009, 15:02
Dov'è il problema, scusa? Scommetto che se ti imbrattano casa nemmeno tu sei contento, no?

Comunque io sono favorevolissimo ai graffiti, fino al momento in cui siano realizzati in aree appositamente adibite.

Il problema è molto semplice, strano che tu non l'abbia intuito, ossia che lo Stato Italiano dà ad alcune situazioni più peso che ad altre.
Se avessi letto l'articolo ti sarebbe saltato agli occhi questo trafiletto:

"All’esame delle commissioni parlamentari di Camera e Senato ci sono infatti sette proposte di legge per modificare l’articolo 639 del codice penale, prevedendo, come nel caso del testo depositato da Siegfried Brugger, presidente del gruppo Misto a Montecitorio, insieme ai colleghi delle minoranze linguistiche Rolando Nicco e Karl Zeller, fino a due anni di carcere, una multa fino a 5mila euro e l’obbligo di ripulire a proprie spese i beni deturpati. Il Parlamento, dunque, si mobilita contro vandali e imbrattatori con iniziative legislative avanzate tanto dalla maggioranza quanto dall’opposizione: tre le proposte presentate al Senato, due dal Pdl (Giuseppe Valditara e Antonino Caruso) e una dalla senatrice Helga Thaler Ausserhofer del gruppo Udc-Svp."

Non ti sembra un pò eccessivo dare due anni di carcere + multa a chi colora un muro?
Percarità punibile, ma così è davvero un pò troppo, soprattutto quando in Italia, come ha detto Steed, un depravato che stupra una ragazza, si fa i domiciliari e viene creata una legge che depenalizza il falso in bilancio.
Diciamo che sull'ago della bilancia io avrei accentuato altri problemi, non certo quello dei writers.

Bmw2002
10-02-2009, 16:28
Il problema è molto semplice, strano che tu non l'abbia intuito, ossia che lo Stato Italiano dà ad alcune situazioni più peso che ad altre.
Se avessi letto l'articolo ti sarebbe saltato agli occhi questo trafiletto:

"All’esame delle commissioni parlamentari di Camera e Senato ci sono infatti sette proposte di legge per modificare l’articolo 639 del codice penale, prevedendo, come nel caso del testo depositato da Siegfried Brugger, presidente del gruppo Misto a Montecitorio, insieme ai colleghi delle minoranze linguistiche Rolando Nicco e Karl Zeller, fino a due anni di carcere, una multa fino a 5mila euro e l’obbligo di ripulire a proprie spese i beni deturpati. Il Parlamento, dunque, si mobilita contro vandali e imbrattatori con iniziative legislative avanzate tanto dalla maggioranza quanto dall’opposizione: tre le proposte presentate al Senato, due dal Pdl (Giuseppe Valditara e Antonino Caruso) e una dalla senatrice Helga Thaler Ausserhofer del gruppo Udc-Svp."

Non ti sembra un pò eccessivo dare due anni di carcere + multa a chi colora un muro?
Percarità punibile, ma così è davvero un pò troppo, soprattutto quando in Italia, come ha detto Steed, un depravato che stupra una ragazza, si fa i domiciliari e viene creata una legge che depenalizza il falso in bilancio.
Diciamo che sull'ago della bilancia io avrei accentuato altri problemi, non certo quello dei writers.

In linea di principio a me non sembra eccessivo.
Imbrattare con dei quanto vuoi bellissimi graffiti uno spazio, non essendone autorizzati equivale a danneggiamento della proprietà.
E poi, Lara, dai, siamo obiettivi, questa proposta è come tu stessa hai scritto "All'esame della commissione"...nella realtà finirà tutto con uno scappellotto sulla nuca, un non farlo più, tutt'alpiù una multa e tarallucci e vino per tutti.


PS, Yulai...
Ma il problema è che in questo paese di merda non si dovrebbe parlare nemmeno di queste cose. Più di un battito di ciglia. E si dovrebbe fare rispettare la legge.
Modificarla si, certo, in modo che sia giusta ed equa, giustissimo, ma smetterla di parlare a vita del singolo caso e tralasciare invece, cazzo, una realtà globale nazionale che va a rotoli. Vedi ciò che sta succedendo in questi giorni sul caso di Eluana Englaro. Patetico.
Forse io e te parliamo diversamente delle stesse cose. Non lo so....