PDA

View Full Version : Alan Ford



MestrualVampire
08-05-2006, 14:04
qualcuno di voi lo legge/leggeva?
io sono un amante della saga del grupo TNT...anche se, da quando non lo ha piu disegnato il compianto Magnus, me lo sono cagato un po di meno (a parte l'acquisto degli speciali come "le storie del numero uno").
credo che nel gruppo TNT siano raffigurate tutte le tipologie di persone "incontrabili" in giro...provate a fare come ho fatto io, ed associare i vari personaggi dello sgnangherato gruppo ad amici e/o conoscenti...cosa inutile magari, ma molto spassosa!
sono graditi commenti sul fumetto, naturalmente.

pappo
08-05-2006, 14:11
______

MestrualVampire
08-05-2006, 14:22
Luciano Secchi (aka Max Bunker) grandissimo autore, sono d'accordo. però a me manca un sacco la matita di Roberto Raviola (aka Magnus)...era tutta un'altra cosa quando il gruppo TNT lo disegnava lui!

Slogun
08-05-2006, 14:49
Non si può non concordare. Fumetto fondamentale, con protagonisti e comprimari al limite del delirante: da Superciuk a Mr. Tromb, Gommaflex, Wurdalak, Ipnos... troppi ce ne sono... e l'Ispettore Brock, Dan Spillone, il Grande Cesare, il Generale War e Bert che lavorano sotto copertura presso l'Ufficio Ricerche Minerarie Associate & Perdite di Tempo, i fratelli Rock (Tim, Tom e Tumb)... De Suicidiis... ed il grandissimo Bing ("il prezzo? un affarone") con il suo fratellino sfigato...

Quanti ricordi, quanto lo adoravo!!!

MestrualVampire
08-05-2006, 15:07
Non si può non concordare. Fumetto fondamentale, con protagonisti e comprimari al limite del delirante: da Superciuk a Mr. Tromb, Gommaflex, Wurdalak, Ipnos... troppi ce ne sono... e l'Ispettore Brock, Dan Spillone, il Grande Cesare, il Generale War e Bert che lavorano sotto copertura presso l'Ufficio Ricerche Minerarie Associate & Perdite di Tempo, i fratelli Rock (Tim, Tom e Tumb)... De Suicidiis... ed il grandissimo Bing ("il prezzo? un affarone") con il suo fratellino sfigato...

Quanti ricordi, quanto lo adoravo!!!


superciuk vero idolo indiscusso, colui che ruba ai poveri per donare ai ricchi! che dire poi di tobia quantrill?
personaggi fondamentali nella saga comunque cariatide e geremia (meglio noti come il duo dormicchia) secondo il mio parere. anche grunf comunque non scherza!

Venticello
08-05-2006, 15:13
Il mio fumetto preferito di sempre, indiscutibilmente.

Shanghai Joe
08-05-2006, 15:14
ALAN FORD è IL fumetto fondamentale della storia Italiana e non solo...un'ironia nera, scalcinata e ai limiti del nonsense assolutamente ineguagliabile...personaggi cope Ipnos, Superciuk o Beppa Joseph sono il parto di una mente geniale come, all'interno del gruppo, è assolutamente un idolo il conte Oliver...

MestrualVampire
08-05-2006, 15:18
altra cosa fondamentale sono le tavole disegnate da Magnus: invece di riciclare lo stesso "fondale" per una situazione ambientat anello stesso luogo, era solito ridisegnarla aggiungendo o togliendo particolare...fateci caso!
e, rimandendo su Magnus, grandissimo il suo lavoro nel Texone "la valle del terrore" (se non sbaglio impiegò 7 anni per ultimare quel capolavoro).

Shanghai Joe
08-05-2006, 15:21
Magnus è stato,a mio avviso insieme a Corteggi, Ferri e Galeppini, l'orgoglio dell'Italia intera durante gli anni d'oro del grande fumetto nero e d'avventura...semplicemente unico nel suo genere...

Tuchulcha
08-05-2006, 15:35
Gran fumetto,Alan Ford.Effettivamente l'abbandono di Magnus è stato un duro colpo,i disegnatori che l'hanno sostituito al timone ne ricalcavano lo stile ma non lo eguagliavano.Purtroppo col tempo è scaduto parecchio qualitativamente;qualche anno fa ho provato a leggere l'episodio che tanto scandalo fece perchè veniva citata Erika,la matricida di Novi Ligure.Molto rumore per nulla;a parte che se non ricordo male le cambiavano il nome,la sceneggiatura in sè era poca cosa.Peccato,è stato anche per me uno dei comics italiani più rappresentativi.

MestrualVampire
08-05-2006, 15:41
in tempi post-magnus era presente an che una critica alla nostra società contemporanea (vedi saga di Anten-Man, dove il Velasca (caricatura del Berlusca) si trasformava in questo supereroe dell'etere...o riferimenti a personaggi come Agnelli (chiamato avv. Pecora) e Craxi (Xavier), con toco di fioretto anche al calcio nostrano).
ah...quel pappagallaccio di Clodoveo non l'ho mai sfangato!

Tuchulcha
08-05-2006, 15:44
in tempi post-magnus era presente an che una critica alla nostra società contemporanea (vedi saga di Anten-Man, dove il Velasca (caricatura del Berlusca) si trasformava in questo supereroe dell'etere...o riferimenti a personaggi come Agnelli (chiamato avv. Pecora) e Craxi (Xavier), con toco di fioretto anche al calcio nostrano).
ah...quel pappagallaccio di Clodoveo non l'ho mai sfangato!
Ecco,l'eccesso di riferimenti a personaggi mediatici reali ha contribuito al declino ispirativo,imho.Secchi era un grande sceneggiatore di fumetti umoristici,ma la satira politica non è roba per lui.

MestrualVampire
08-05-2006, 15:47
Ecco,l'eccesso di riferimenti a personaggi mediatici reali ha contribuito al declino ispirativo,imho.Secchi era un grande sceneggiatore di fumetti umoristici,ma la satira politica non è roba per lui.


beh magari non solo sceneggiatore umorista, anche col noir se la cavava alla grandi...vedi fumetti come Kriminal e Satanik...

Tuchulcha
08-05-2006, 15:49
beh magari non solo sceneggiatore umorista, anche col noir se la cavava alla grandi...vedi fumetti come Kriminal e Satanik...
Sì certo,nell'ambito del fumetto nero ha lasciato il segno.Ma la satira,ribadisco,non la sa fare.

Venticello
08-05-2006, 15:59
Beh direi che l'episodio che al momento andrebbe riletto è senz'altro "Un Illecito Sportivo"

Tuchulcha
08-05-2006, 16:01
Il mio Alan Ford preferito è il dittico Vuoi venire in crociera con me?/Salvateci per piacere,grazie.

MestrualVampire
08-05-2006, 16:02
Beh direi che l'episodio che al momento andrebbe riletto è senz'altro "Un Illecito Sportivo"


eheheheheh....ci starebbe a pennello viste le ultime vicende!

Ignatius
03-12-2008, 19:15
Sono passati venti e più anni da quando lo leggevo...

Ricordo ancora, però, che il Numero 1 estraeva dal suo inesauribile taccuino episodi che gli consentivano di ricattare ogni interlocutore, svelandone le malefatte.

In questo, lo associo a Geronzi: se non potesse ricattare mezza Italia, non sarebbe dov'è: quindi anche lui deve avere un taccuino potentissimo.