PDA

View Full Version : Quella villa accanto al cimitero



Marcello
06-10-2006, 20:39
http://i241.photobucket.com/albums/ff151/Scandal83/quellavilla.jpg

Anno: 1981
Regia: Lucio Fulci
Con: Katherine MacColl, Giovanni De Nava, Silvia Collatina, Daniele Doria, Carlo De Meyo, Giovanni Frezza, Paolo Malco, John Olson, Anja Pieroni, Dagmar Lassander, Giampaolo Saccarola.
Musiche: Walter Rizzati


http://www.cinematografo.it/bancadati/consultazione/schedafilm_2009.jsp?codice=16496&completa=si

Solo per segnalare questo Fulci schedulato per le 23 su Rai Cinema World.

Saluti.

Faustone
08-10-2006, 02:33
poco tempo fa non era in edicola questo film ?
comunque, ahimè, non ho il satellite,grazie comunque

Tuchulcha
08-10-2006, 11:34
poco tempo fa non era in edicola questo film ?


Sì, era il DVD No Shame. Che trovi in videoteca e consiglio vivamente, sia per la qualità del master che per i locupletatissimi extra.

Shanghai Joe
08-10-2006, 12:10
Ottimo master, comunque, quello passato su RAISAT...l'audio forse un pò ovattato, ma per il resto nulla da invidiare all'edizione DVD...

Giorgio Brass
08-10-2006, 12:11
Sì, era il DVD Shendene. Che trovi in videoteca e consiglio vivamente, sia per la qualità del master che per i locupletatissimi extra.

Era il dvd NoShame! ;)
Comunque la versione da edicola dovrebbe essere senza gli extra.

Shanghai Joe
08-10-2006, 12:18
ecco alcuni esempi:

http://img214.imageshack.us/img214/6464/1nh6.jpg

http://img224.imageshack.us/img224/7131/2bk5.jpg

http://img214.imageshack.us/img214/9534/3nc3.jpg

maledetto automerge!

scerbanenco1986
08-10-2006, 12:21
Assolutamente no extra in edicola.scusa per il ritardo Giorgio Brass

Faustone
09-10-2006, 02:36
Comunque la versione da edicola dovrebbe essere senza gli extra.

tanto per cambiare...

mark920
30-12-2006, 18:21
Raisat Cinema world, 20 gennaio a mezzanotte e riproposto il 21 alle 03:00.

gu61
01-12-2007, 12:18
Sul retro del dvd no shame l'intervista (a Sacchetti) è portata su 30 minuti circa ma, in realtà, sul disco è di circa 17 minuti...
...confermo che, comunque, non c'è paragone tra la versione edicola e negozio giacché la prima è completamente priva di extra (compreso, quindi, l'audio-commentary di Salvati e del nostro ottimo Paolo)...;):wave:

liberAnomalia
01-12-2007, 14:36
confermo che, comunque, non c'è paragone tra la versione edicola e negozio giacché la prima è completamente priva di extra (compreso, quindi, l'audio-commentary di Salvati e del nostro ottimo Paolo)...;):wave:

la versione da edicola di cui parlate è quella uscita per "Le Case Maledette"?
io ho il dvd NoShame classico, però di questa serie da edicola ho preso un altro dvd (La Morte dietro la porta) e gli extra erano presenti.:confused:

gu61
01-12-2007, 14:38
la versione da edicola di cui parlate è quella uscita per "Le Case Maledette"?
io ho il dvd NoShame classico, però di questa serie da edicola ho preso un altro dvd (La Morte dietro la porta) e gli extra erano presenti.:confused:

Si, proprio quella...;)

Rocco Musco
04-12-2007, 10:09
il miglior horror di fulci a mio avviso,
grandissime atmosfere, e poi il dottor freudstein mi ha sempre dato sensazioni strane

gu61
10-12-2007, 20:26
il miglior horror di fulci a mio avviso,
grandissime atmosfere, e poi il dottor freudstein mi ha sempre dato sensazioni strane

Buono certamente, non il migliore...
...troppe cose lanciate e non sviluppate quali, ad esempio: la circostanza che in molti (il bibliotecario, l'agente immobiliare, il docente) dicono a Paolo Malco di averlo visto in Città, tempo prima, a trovare il collega; l'intesa strana di sguardi, è solo attrazione con la baby sitter; l'agente immobiliare che, passando in auto, finge di non vederli...
...troppe cose abbandonate e non sviluppate, forse per esiguità di mezzi e tempo in un periodo in cui si giravano molti film in un solo anno...
...d'incompiutezze, per ragioni non sempre dipendenti dalla sua volontà, purtroppo è pieno il Cinema di Fulci da un certo periodo in poi...
...film validissimo ma, anche nell'ambito della Trilogia con la Catriona, c'è sicuro di meglio...
...le incompiutezze (paradossalmente) s'intonavano con il primo dei tre film, non con il secondo...:oops:

ninomartino
17-11-2008, 10:02
visto ieri notte per la prima volta , boh io della trama non c´ho capito quasi niente , per l´effetto horror mi e piaciuto. una cosa che mi piaceva erano i primi piani degli occhi , sopratutto quelli della pieroni che ha due occchi che ti abbaliano.

Tuchulcha
17-11-2008, 15:04
I dettagli sugli occhi erano un po' il marchio di fabbrica del cinema fulciano. Quanto alla trama, se non l'hai capita non preoccuparti: coi copioni horror sacchettiani del periodo era normale. :D


Buono certamente, non il migliore...
...troppe cose lanciate e non sviluppate quali, ad esempio: la circostanza che in molti (il bibliotecario, l'agente immobiliare, il docente) dicono a Paolo Malco di averlo visto in Città, tempo prima, a trovare il collega; l'intesa strana di sguardi, è solo attrazione con la baby sitter; l'agente immobiliare che, passando in auto, finge di non vederli...
...troppe cose abbandonate e non sviluppate, forse per esiguità di mezzi e tempo in un periodo in cui si giravano molti film in un solo anno...
...d'incompiutezze, per ragioni non sempre dipendenti dalla sua volontà, purtroppo è pieno il Cinema di Fulci da un certo periodo in poi...
...film validissimo ma, anche nell'ambito della Trilogia con la Catriona, c'è sicuro di meglio...


Ma anche di peggio. Io lo preferisco a Paura..., per esempio. Le incoerenze son dovute al fatto che Sacchetti preparava i copioni in pochi giorni, causa scadenze imposte dalla produzione. In un horror "totale" come L'Aldilà non lo notavi, in quanto la trama non era importante; essendo questo un film più d'atmosfera, un filino di cura in più per la coerenza narrativa non avrebbe guastato. Comunque, resta uno dei migliori Fulci di sempre secondo me (e non solo in ambito fantastico/orrorifico).

gu61
17-11-2008, 16:04
...Comunque, resta uno dei migliori Fulci di sempre secondo me (e non solo in ambito fantastico/orrorifico).
...ripetto ad altri Horror Minori dello stesso Fulci il Giudizio non può non essere che lusinghiero ma, tra quelli della Trilogia, lo reputo Ampiamente Minore...:oops:


...Io lo preferisco a Paura...
...Paura è Incantevole, Unico e Avanti anni luce...
...all'Estero, infatti, è il più apprezzato dei tre (vedi Topic)...:)

Tuchulcha
17-11-2008, 16:23
...ripetto ad altri Horror Minori dello stesso Fulci il Giudizio non può non essere che lusinghiero ma, tra quelli della Trilogia, lo reputo Ampiamente Minore...:oops:


...Paura è Incantevole, Unico e Avanti anni luce...
...all'Estero, infatti, è il più apprezzato dei tre (vedi Topic)...:)

Apprezzino quello che vogliono, è talmente infarcito di ingenuità (quel pretonzolo impiccato nun se po' vede) da risultare irrimediabilmente datato. Quella villa... per me lo supera di parecchio, altro che meno riuscito. C'è tutto lo spiritaccio del cinema fulciano: l'infanzia vista in bilico fra innocenza e crudeltà, l'orrore "artaudiano", le spericolate invenzioni visive (per me tutto il finale nun se batte, con Frezza che rischia di finire accoppato a colpi d'ascia e la MacColl che si scapicolla giù per le scale), il tema del peccato, le atmosfere a metà strada fra Lovecraft e la fiaba... avercene.

Grazie,Marì
17-11-2008, 22:47
Molto bello questo film, dall'atmosfera giusta e tipica da film horror-fantasy...solo che mi ha deluso un pò, specie in certa organizzazione (su Freustein e non aggiungo altro)

Tuchulcha
18-11-2008, 16:01
Molto bello questo film, dall'atmosfera giusta e tipica da film horror-fantasy...solo che mi ha deluso un pò, specie in certa organizzazione (su Freustein e non aggiungo altro)

In effetti, il make-up di Freudstein lascia a desiderare. L'avevo fatto notare a Sacchetti, che m'ha replicato con un flemmatico "nun ce stavano li sordi".

liberAnomalia
18-11-2008, 16:27
In effetti, il make-up di Freudstein lascia a desiderare. L'avevo fatto notare a Sacchetti, che m'ha replicato con un flemmatico "nun ce stavano li sordi".

a me invece piace molto il make-up del dottor Freudstein, anche se povero.
non so.. mi ha sempre affascinato.

il film lo amo. mi piace e gli sono affezionato (ricordo ancora le ricerche per trovarne una copia uncut avo ai tempi delle vhs, prima del benemerito dvd NoShame)... tuttavia condivido il parere di Gu.
preferisco Paura nella città... -che d'altronde considero molto più "artaudiano". almeno per quanto riguarda la deflagrante distruzione narrativa che in Paura è già, prima ancora de L'Aldilà, un visionario e ottimo esempio di non-scrittura.
Quella Villa è un film molto più tradizionale, bellissimo eh... ma Paura mi ha sempre sorpreso maggiormente.
cmq... punti di vista... per me il trittico è sublime e tutti i suoi componenti, per un motivo o per un altro, sono grande cinema horror;)

Tuchulcha
18-11-2008, 16:43
Quella villa... imho non è affatto tradizionale, anzi; è proprio Paura..., come lo stesso Sacchetti ammette, ad avere una struttura narrativa troppo "classica" (la città maledetta, la medium, gli zombi, ecc). Qui invece ci troviamo di fronte ad uno spunto sfruttatissimo come quello della "hell house", ma rivisitato in chiave di favola nera: Freudstein è l'uomo nero, e il finale fornisce un'ennesima prova di quanto Fulci amasse/temesse i bambini (con tanto di citazione apocrifa ad Henry James). E fa anche più paura, laddove il film omonimo sinceramente si perde in trovate affascinanti senz'altro, ma quanto a strizza...

liberAnomalia
18-11-2008, 17:31
è proprio Paura..., come lo stesso Sacchetti ammette, ad avere una struttura narrativa troppo "classica" (la città maledetta, la medium, gli zombi, ecc)....

a livello tematico sicurante è come dite. a livello linguistico, secondo me ovviamente, non è per nulla tradizionale.

non aggiungo altro per evitare di proseguire l'OT.
d'altronde avevamo già affrontato una discussione simile nel topic dedicato a Paura.
su questo film abbiamo, legittimamente, due punti di vista diversi;) ma un forum è bello soprattutto per questo.


Qui invece ci troviamo di fronte ad uno spunto sfruttatissimo come quello della "hell house", ma rivisitato in chiave di favola nera: Freudstein è l'uomo nero, e il finale fornisce un'ennesima prova di quanto Fulci amasse/temesse i bambini (con tanto di citazione apocrifa ad Henry James).

su quanto dici, invece, in merito a Quella villa concordo pienamente.
però secondo me, sempre a livello linguistico, il film si muove in maniera più tradizionale, meno astratta e visionaria, rispetto all'altro film.

cmq stiamo parlando di due filmoni ;)

Tuchulcha
18-11-2008, 18:56
su quanto dici, invece, in merito a Quella villa concordo pienamente.
però secondo me, sempre a livello linguistico, il film si muove in maniera più tradizionale, meno astratta e visionaria, rispetto all'altro film.

cmq stiamo parlando di due filmoni ;)

Ah, senza dubbio. Va anche detto che originariamente Sacchetti aveva in mente un'altra cosa, alcune idee scartate in sede di sceneggiatura le riutilizzò ne La casa con la scala nel buio (guardacaso, anche lì faceva una comparsata Frezza); quindi ci sta pure che il risultato sia meno "sperimentale" del previsto. Però è un film che secondo me esce ugualmente dagli schemi, con quel finale incredibile fra grand guignol e fiaba; allo stesso modo in cui Lo squartatore di NY sembra un thriller tradizionale, e invece si rivela un prodotto "anomalo" sotto molti punti di vista. Diciamo che Quella villa... conferma la definizione di "terrorista dei generi" che Fulci aveva coniato riferendosi alla propria filmografia anarchica e insofferente dele regole.

Deepred89
18-11-2008, 23:18
il film lo amo. mi piace e gli sono affezionato (ricordo ancora le ricerche per trovarne una copia uncut avo ai tempi delle vhs, prima del benemerito dvd NoShame)
Caspita...sembra di leggere la mia storia. Anch'io prima del dvd faticai terribilmente per trovare la vhs Avo: una volta resomi conto che la vhs Number One era tagliatissima, cercai la vhs uncut in tutte le videoteche della provincia (che il rischio che non me lo dessero, dato che non avevo ancora 18 anni) ed impiegai mesi prima di trovarlo. Che nostalgia!
Comunque il film è (anche per i motivi scritti sopra) un mio cult: riconosco i suoi difetti ma mi piace lo stesso moltissimo. Nemmeno io amo molto il make-up di Freudstein, ma l'atmosfera che si respira nel film è unica, e anche attori, regia, fotografia, musiche ed effetti splatter sono di ottimo livello.
Mi piace più di Paura e un po' meno de L'aldilà, ma dei tre è quello a cui sono più affezionato.

Tuchulcha
19-11-2008, 11:54
Mi piace più di Paura e un po' meno de L'aldilà, ma dei tre è quello a cui sono più affezionato.

Eh, la pensiamo allo stesso modo. La mente mi dice che L'Aldilà è il migliore della trilogia, ma il cuore va a Quella villa... La VHS AVO la beccai a noleggio, all'inizio degli anni 90. Il trailer è in assoluto uno dei più paurosi che ho visionato da piccino, quando passava alla tele il pomeriggio. Montato in maniera magistrale, fra l'altro.

almayer
08-10-2009, 13:27
Visto per la prima volta ieri sera, uno dei migliori horror di Fulci, anche se io pure preferisco L'Aldilà. Girato magistralmente, con splendidi effetti speciali di De Rossi (anche Freudstein mi piace) e scene sempre innovative ed estreme (l'accetta sulla porta, le scale). In effetti ci sono dei buchi di sceneggiatura, ma ce ne si accorge solo a mente fredda, nel film riescono ad aumentare la sensazione di straniamento rendendo il tutto ancora più inquietante. Ottimo il master del dvd NoShame, e belli gli extra, anche se avrei preferito anche un contraltare all'intervista a senso unico di Sacchetti. Fortuna che a casa ho la bibbia di Paolo Albiero, Il Terrorista Dei Generi, e mi sono andato a leggere poi il succoso capitolo dedicatogli.

Tuchulcha
08-10-2009, 13:47
Visto per la prima volta ieri sera, uno dei migliori horror di Fulci, anche se io pure preferisco L'Aldilà. Girato magistralmente, con splendidi effetti speciali di De Rossi (anche Freudstein mi piace) e scene sempre innovative ed estreme (l'accetta sulla porta, le scale). In effetti ci sono dei buchi di sceneggiatura, ma ce ne si accorge solo a mente fredda, nel film riescono ad aumentare la sensazione di straniamento rendendo il tutto ancora più inquietante. Ottimo il master del dvd NoShame, e belli gli extra, anche se avrei preferito anche un contraltare all'intervista a senso unico di Sacchetti. Fortuna che a casa ho la bibbia di Paolo Albiero, Il Terrorista Dei Generi, e mi sono andato a leggere poi il succoso capitolo dedicatogli.

Rileggilo, allora: i trucchi non sono di Giannetto hihihi

E comunque sono trucchi splendidi. Il sangue sembra nero, come nella realtà.

almayer
08-10-2009, 14:20
Rileggilo, allora: i trucchi non sono di Giannetto hihihi

Come no? È riportato anche sul retro del dvd, che dovrebbe aver curato Cine70. :confused:
E ho appena controllato, è anche nei titoli di coda.

Tuchulcha
08-10-2009, 18:23
Come no? È riportato anche sul retro del dvd, che dovrebbe aver curato Cine70. :confused:
E ho appena controllato, è anche nei titoli di coda.

Se leggi l'intervista a De Rossi riportata verso la fine del libro, è lui stesso ad ammettere di non avervi preso parte. I credits lo riportano, ma gli effettacci erano opera del validissimo Maurizio Trani (accreditato anche lui).

john trent
09-10-2009, 20:19
Ha ragione il Tulucca, gli effettacci sono di Maurizio Trani.
Sento e leggo da più parti che comunque "Quella villa..." sarebbe inferiore a "L'aldilà"..... io invece lo ritengo il miglior horror di Fulci di sempre.

Tuchulcha
09-10-2009, 22:50
Beh, è certamente uno dei migliori. Sarebbe come dire che Profondo rosso è inferiore a Suspiria; grazie al piffero, Suspiria è il miglior Argento di sempre, ovvio che superi le altre pellicole! Idem per L'Aldilà, capolavoro assoluto del cinema horror di Lucio. Quella villa... resta un gran film nel suo genere, malgrado lo senta ancora disprezzare da alcuni è un capolavoro anche quello; i paragoni lasciano il tempo che trovano. Poi è quello che ha incassato di più all'epoca, quantomeno possiede qualcosa che ha fatto presa sul pubblico in misura maggiore. Io lo adoro; trama sgangherata quanto vuoi, ma le sopracitate scene dell'accetta e della scala hanno segnato il mio immaginario orrorifico in maniera indelebile. Ancora adesso mi piace riguardare il trailer italiano d'epoca, figurati. Effettivamente a distanza di anni devo riconoscere che il make-up di Freudstein non è così brutto; forse all'epoca mi ha deluso un po' perchè il mostro che fa più paura è quello che non si vede, anche l'alieno nel finale di The Thing From Another World mi fece una brutta impressione, dopo la strizza accumulata per tutto il film.

almayer
11-10-2009, 09:40
Se leggi l'intervista a De Rossi riportata verso la fine del libro, è lui stesso ad ammettere di non avervi preso parte. I credits lo riportano, ma gli effettacci erano opera del validissimo Maurizio Trani (accreditato anche lui).

Sì, ho finito di leggere il capitolo, in effetti è proprio così. Strano comunque, nei titoli di coda riportano sia Giannetto che Gino:

http://img32.imageshack.us/img32/4652/vlcsnap2009100816h41m11.th.png (http://img32.imageshack.us/i/vlcsnap2009100816h41m11.png/)
http://img41.imageshack.us/img41/3060/vlcsnap2009100816h41m35.th.png (http://img41.imageshack.us/i/vlcsnap2009100816h41m35.png/)

Tuchulcha
11-10-2009, 11:33
Vabbè, Gino de Rossi come ben ricorderai non si occupava di effettacci ma di effetti speciali di altro genere (di qui il soprannome "bombardone"). Talvolta li confondevano, vedi errata identificazione in Zombi Horror.

Zardoz
17-10-2011, 17:30
Uscito in blu-ray per la Blue Underground.Audio italiano,zona free,nuove interviste (c'è pure l'ex pupo biondo Giovanni Frezza,praticamente irriconoscibile!),gran master.Per dettagli,il solito www.dvdbeaver.com

liberAnomalia
17-01-2012, 12:54
Uscito in blu-ray per la Blue Underground.Audio italiano,zona free,nuove interviste (c'è pure l'ex pupo biondo Giovanni Frezza,praticamente irriconoscibile!),gran master.Per dettagli,il solito www.dvdbeaver.com

visto ieri sera nel bd Blue Underground.
master decisamente ottimo -una vera libidine- per quanto riguarda il video e l'audio inglese.
la traccia ita, invece, dts e dual mono (invece che mono come recita il menù) è ascoltabilissima ma non certo degna di un'edizione blu ray.
troppo chiusa, probabilmente la traccia del dvd italico è migliore (ma dovrei confrontarle concretamente, per adesso mi sto basando sul ricordo che ho del dvd).
cmq un prodotto che merita di esser preso senza alcun dubbio: numerosi extra (che però propongono la solita formula: intervista / pezzi del film in questione).
alcune interviste sono in italiano, altre in inglese... ieri però ho avuto il tempo solo per guardare quella fatta a Sacchetti / Briganti.

son d'accordo con Trent: anche per me questo è uno dei migliori horror di Fulci.
sublime.

dr. freudstein
21-01-2012, 12:39
Ho visto il film nel bd Blue Underground e concordo pienamente col giudizio di liberAnomalia sulla qualità tecnica del prodotto.Il film è sicuramente l'horror Fulciano che più mi piace e più mi affascina (non l'avreste mai detto visto il mio nick vero? :D).
Stamani mi sono visto gli extra del bd e guardando la deleted scene presente appunto negli extra mi è sorto un dubbio.Quando vidi il film alla proiezione in 35mm in occasione del JDAHF 2004 mi pare che la suddetta scena fosse presente nel normale svolgimento del film,ma probabilmente la mia è un'impressione sbagliata,visto che questa scena non è presente neanche nel dvd NoShame e (come dichiarato nel bd) in nessuna edizione video del film.

Tuchulcha
21-01-2012, 22:44
Ho visto il film nel bd Blue Underground e concordo pienamente col giudizio di liberAnomalia sulla qualità tecnica del prodotto.Il film è sicuramente l'horror Fulciano che più mi piace e più mi affascina (non l'avreste mai detto visto il mio nick vero? :D).
Stamani mi sono visto gli extra del bd e guardando la deleted scene presente appunto negli extra mi è sorto un dubbio.Quando vidi il film alla proiezione in 35mm in occasione del JDAHF 2004 mi pare che la suddetta scena fosse presente nel normale svolgimento del film,ma probabilmente la mia è un'impressione sbagliata,visto che questa scena non è presente neanche nel dvd NoShame e (come dichiarato nel bd) in nessuna edizione video del film.

Qual è la scena? (ovviamente usa il tasto spoiler)

beat79
21-01-2012, 22:55
Qual è la scena? (ovviamente usa il tasto spoiler)

Niente di che francamente, una manciata di secondi
dopo che Malco uccide il pipistrello, si vede che si avvicina alla Catriona per tranquillizzarla forse,
scena peraltro senza audio.

Zardoz
28-06-2012, 17:55
C'è pure un'edizione br della Arrow UK, meno valida come qualità video ma notevole per quantità di extra. Vedi su www.dvdbeaver.com/film3/blu-ray_reviews55/the_house_by_the_cemetery_blu-ray.htm

Zardoz
29-06-2012, 18:17
Oibò, approfitto per dire la mia sul film, dato che in mezzo a tutti 'sti post non c'era: è il mio Fulci preferito, nel senso che a livello cinematografico il regista ha fatto cose ancora più belle ("L'aldilà" su tutte), ma come "godibilità" e capacità di reggere visioni ripetute, bè, "Quella villa.." non si batte. Fra la vecchia vhs Avo (che tengo stretta), il dvd NoShame e quello olandese EC (in inglese, con subs english), almeno una dozzina di volte l'ho senz'altro visto. Ragioni precise? Bè, diverse, procedo in ordine sparso: le musiche, azzeccatissime, di Rizzati, le facce degli attori (Malco, la MacColl, il bimbetto Frezza, la ragazzina Collatina, la Pieroni, la Lassander), scene di morte e sangue super (l'inizio, e tutte quelle a danno delle attrici..brr!), la qualità del make-up (grande Trani!!), eppoi LUI, "THE monster", il Dottor Freudstein, che in mani NON capaci (Mattei, se ci sei ecc) sarebbe stato una puttanata disumana. Invece, nelle CAPACISSIME mani del DOTTOR Fulci Lucio, è un'indimenticabile formidabile icona horror. Insomma, un film che non mi stanco di riguardare, e che confema un solo pensiero: grazie di essere esistito, Lucio!!

TheBeyond
09-07-2012, 15:04
Si, concordo decisamente, anche se di Fulci preferisco altro, per me questo è un grande film. lo vidi per la prima volta a 14 anni, fu abbastanza intenso.Le musiche sono clamorose.

Zardoz
18-07-2012, 16:51
Ordinato un paio di giorni fa il br Arrow. Non dovrei rimanere deluso, specie per quanto riguarda gli extra..

Caltiki
19-07-2012, 15:31
Ordinato un paio di giorni fa il br Arrow. Non dovrei rimanere deluso, specie per quanto riguarda gli extra..

Sai che l'ho preso ma è ancora incellophanato, e ti parlo di un paio di mesi..
Se riesco stasera ci butto un'occhiata..

Zardoz
25-07-2012, 11:11
Arrivato ieri, già controllato, e molto soddisfatto. Dvd col film e br sono uguali come caratteristiche tecniche (preferibile in entrambi i casi l'audio inglese, quello italiano è lievemente "chiuso") e contenuti extra. Il dvd presenta un nuovo master, rispetto all'edizione nostrana NoShame, e ha i colori più tenui ma anche più naturali, rispetto a quest'ultima (specie per quanto riguarda la carnagione degli attori, lo si nota soprattutto nei primi piani), ineccepibile come nitidezza e pulizia. Ancora meglio il br, che forse non sarà a livello dell'edizione Blue Underground ma si fa apprezzare sempre, anche nelle scene più scure. Molti extra, ma privi di sottotitoli (ma Stivaletti parla di "M.D.C." in italiano, l'inglese di Frezza è molto comprensibile, idem quello delle signore e signorine- Stefania Casini, Silvia Collatina, Barbara Magnolfi). Il terzo disco, dvd, presenta la riunione di 5 attori del film (i succitati Frezza e Collatina, più la MacColl, Di Mejo, Dagmar Lassander) a una convention a Indianapolis l'anno scorso, e oltre un'ora (!!) di trailer di thriller e horror nostrani (di Fulci, Bava, ecc)
P.S. Frezza è cambiato moltissimo, lo puoi riconoscere giusto dagli occhi. La Collatina, dopo trent'anni, è invece ancora inconfondibilmente "la bambina di quel film!".. Dimenticavo: il prezzo di codesto tris di dischi ammonta a 19 euro!

Frank Costello
23-09-2013, 23:28
Visto il film dopo anni nel Blu Ray e concordo con la qualità del prodotto, le scene buie (praticamente l'80% del film) si apprezzano pienamente così come i dettagli di tutta l'opera. Personalmente lo ritengo IL capolavoro horror di Fulci, angosciante, teso, malsano e disturbante. Come suo (celebre) topos, Fulci si sofferma sui primissimi piani degli occhi quasi per segnalare la cecità degli adulti nei confronti dell'orrore (e infatti i ''grandi'' sono vittime inerti, quasi complici, dell'orrore che li circonda e lo sguardo dei bambini che percepiscono l'orrore ma non sanno come combatterlo (May, Bob). Il gore è al servizio della storia (invero molto angosciante) e mai gratuito e la regia del Maestro è ad altissimi livelli, mai così estremamente raffinata. Il fatto poi del finale dove l'Orrore non viene sconfitto ma al massimo evitato dai bambini rende il tutto ancora più nero, il clima mortifero che attanaglia lo spettatore durante la visione non se ne va via. Sulla figura di Freudstein, già per il nome, si potrebbe discutere per ore.
Pienamente jamesiano (vedi Giro di Vite e la citazione apocrifa finale) e simile a certi lavori di Friedkin per l'aria claustrofobica e di assedio che si respira, è un gioiello del nostro cinema non solo del terrore. I trombonazzi che lo hanno bollato all'epoca come prodotto di ''bassa macelleria'' (da bambino era la parola che leggevo più spesso quando sui giornali si parlava di Fulci, ma a me questo aspetto attraeva molto) o come rip-off di Shining dimostrano di non aver capito un beneamato cazzo e di aver criminalmente ignorato un vero Maestro del nostro cinema, un cinema di carne e sangue e non di plastica inoffensiva come oggi. Fulci lives!

Zardoz
24-09-2013, 18:34
I critici dell'epoca mi sa che non conoscevano, o forse non RICORDAVANO di averlo letto, H.P. Lovecraft. L'avessero fatto, avrebbero visto con altro occhio questo, "L'aldilà" e pure "Manhattan baby". Ma forse allora pure Lovecraft era "bassa macelleria", su pagina scritta anzichè su celluloide..

Tuchulcha
25-09-2013, 11:44
E' anche vero che i riferimenti a Lovecraft erano pretestuosi, in genere. Vedi Paura... e L'Aldilà. Qui paradossalmente il Solitario di Providence è più presente, nonostante la mancanza di citazioni esplicite: una certa atmosfera putrida che rimanda a racconti come La casa evitata, Herbert West rianimatore e I ratti nel muro la trovi, sicuramente il più lovecraftiano dei suoi horror.

johnnyb
19-02-2017, 01:10
a dimostrazione di come Fulci a differenza di altri colleghi non tirasse via anche se non c'erano soldi, di grande effetto la scelta di girare le soggettive del mostro con una qualità d'immagine differente aumentando così lo smarrimento e la sensazione di appartenenza ad una dimensione estranea alla nostra

Tuchulcha
19-02-2017, 09:30
Ah, sì, era molto attento ai dettagli. Lo si vede anche nei suoi horror peggiori, e qua era decisamente al top... probabilmente l'ultimo dei suoi film dell'orrore realmente incisivi (non conto Lo Squartatore... che già torna a virare sul thriller, anche se gli elementi orrorifici ci sono). Riguardandolo a distanza di anni, trovo che il finale resti la parte migliore anche se Freudstein faceva più paura quando non si vedeva. Forse il più bel finale di tutta la cinematografia horror anni 80, con quella cornice da fiaba horror e l'incredibile dose di crudeltà.

- - - - - - - - - -

Dei suoi horror, comunque, è quello con la fotografia più bella. Almeno secondo me.

MentalTrotter
19-02-2017, 14:35
Buono certamente, non il migliore...
...troppe cose lanciate e non sviluppate quali, ad esempio: la circostanza che in molti (il bibliotecario, l'agente immobiliare, il docente) dicono a Paolo Malco di averlo visto in Città, tempo prima, a trovare il collega; l'intesa strana di sguardi, è solo attrazione con la baby sitter; l'agente immobiliare che, passando in auto, finge di non vederli...
...troppe cose abbandonate e non sviluppate, forse per esiguità di mezzi e tempo in un periodo in cui si giravano molti film in un solo anno...
...d'incompiutezze, per ragioni non sempre dipendenti dalla sua volontà, purtroppo è pieno il Cinema di Fulci da un certo periodo in poi...
...film validissimo ma, anche nell'ambito della Trilogia con la Catriona, c'è sicuro di meglio...
...le incompiutezze (paradossalmente) s'intonavano con il primo dei tre film, non con il secondo...:oops:

Io personalmente mi sono innamorato proprio di queste cosiddette "imperfezioni" del suo cinema. Fulci le ha sfruttate al meglio e ne ha partorito un gioiello gotico.
Ho il dvd da edicola e confermo quanto scritto sopra riguardo alle sue caratteristiche tecniche.
Assieme a Le Porte Del Silenzio il mio film preferito.

Tuchulcha
20-02-2017, 00:08
Ma poi, citatemi un horror fulciano della Fulvia Film che non presentasse buchi di sceneggiatura o che so io. I soggetti erano robette puerili, quello che affascina è la capacità del regista di girare col suo stile inconfondibile e di creare comunque una certa atmosfera. Molto artigianale, nella tradizione dei gotici anni 60. Uno dei suoi migliori, Quella villa...

- - - - - - - - - -

Anzi, secondo me è proprio il suo migliore, a pari merito con L'Aldilà.

King Ghidorah
13-10-2018, 22:46
Consapevole di essere l'unico qui dentro, a me è quello della trilogia che è piaciuto di meno. L'ho rivisto dopo diversi anni per vedere se avrei potuto cambiare il mio giudizio rispetto alla prima visione ma non è accaduto. Concordo con quello che è stato detto finora e cioè che non si può cercare nel cinema di Fulci e, più precisamente in questo caso, nei soggetti di Dardano Sacchetti una perfezione ed una coerenza inattaccabili. Sottoscrivo poi che comunque il tocco del maestro Lucio normalmente fa passare sopra questi difetti. Io però con Quella villa non sono comunque riuscito a passare sopra alcuni strafalcioni. Uno è quello che avete citato di Paolo Malco che non si capisce perchè venga riconosciuto dagli abitanti del luogo ma potrei aggiungere Ania Pieroni che lava ettolitri di sangue dal pavimento senza che si faccia una domanda oppure gli occhi demoniaci che brillano nel buio della cantina mentre Freudstein ha le orbite chiuse oppure un ragazzino traumatizzato dall'aver visto la tata decapitata decide di tornare in cantina a vedere come sia stato possibile e così via.
Certo, la mano di Fulci si vede tutta ed anche qui ci regala invenzioni visive che restano nella memoria come la mano di Freudstein che schiaccia la testa del bambino contro la porta presa ad accettate dal padre. Per me però il limite sostanziale di questo film è che non fa paura. Se ricordo le atmosfere cupe e nebbiose di Paura o la malsanità de L'aldilà, mi prende qualche brivido. Con la Villa assolutamente no.
Bello comunque il finale a sorpresa.

Green Jelly
16-02-2019, 17:32
Visionato ieri nell’ottimo BR Arrow, peccato che la traccia audio italiana faccia abbastanza pena tanto è intubata. Peccato.

Giorgio Brass
16-02-2019, 17:35
Anche di questo film potrebbero esserci nuovi scan 4K per qualche label straniera e di conseguenza nuove edizioni.

Blu petrolio
16-02-2019, 17:36
peccato che la traccia audio italiana faccia abbastanza pena tanto è intubata

Hai verificato le impostazioni audio del lettore? :gu:

Nembokid
18-02-2019, 20:01
Confermo che la traccia audio non è proprio il massimo... intubata è un aggettivo che calza a pennello. Purtroppo all'epoca è una delle prime cose che notai del BR Arrow.

Zardoz
13-01-2020, 15:25
Uscita la nuova edizione br Blue Underground, 3 dischi. Master scan 4k. Fulciofili, gioite tutti...

Zardoz
15-01-2020, 19:34
Su Dvdbeaver, recensione del nuovo br. Impietoso il confronto: i vecchi dischi BU e Arrow sembrano immondizia...

barrett
18-01-2020, 11:26
verissimo, ma stavolta anche BU ha cappellato: clippatissimi i bianchi soprattutto nelle scene in esterna per non parlare del grading teal che lo fa sembrare l'ultimo transformer... peccato, la scansione a livello di grana e dettaglio era eccellente... ad ogni modo al momento è l'unica versione da accattarsi...

gu61
01-04-2020, 20:01
...Impietoso il confronto...
Per niente d'accordo, deluso da un primo sguardo dal nuovo bd bu che non trovo (nel video) per nulla meglio del precedente bu (che pure posseggo): grande toppa di trasferimento, imho, con resa inficiata da problemi elettronici del transfer...:(

verissimo, ma stavolta anche BU ha cappellato...
...e non di poco, nulla a che vedere con il video di altre riedizioni bu (tipo, a mero titolo esemplificativo, quella dello squartatore di New York) tornando clamorosamente indietro ad altri pessimi trasferimenti bu...
...rimpiango, amaramente, i soldi spesi...:(