Results 1 to 5 of 5

Thread: Le soldatesse (Zurlini 1965)

  1. #1

    Movie Le soldatesse (Zurlini 1965)

    Con Anna Karina, Tomas Milian, Mario Adorf, Marie Laforet, Valeria Moriconi, Lea Massari, Guido Alberti

    le soldatesse.jpg
    http://www.archiviodelcinemaitaliano...?codice=AG1757

    Anche questo uscito da poco in dvd per Minerva. Ne ho una copia televisiva, mi pare, ma non l'ho visto mai. Il cast però incuriosisce (Adorf, Milian ecc.)
    Last edited by Renato; 20-06-2019 at 13:09.

  2. #2

    Thumbs up Re: Le soldatesse (Zurlini 1965)

    un altro capolavoro di Zurlini, incredibile che non ci siano post a commentarlo
    un film dove piangi per la metà del tempo pur non essendoci eccessi di alcun tipo, anzi è tutto molto misurato nella descrizione di questa situazione così triste e cruda
    il cast è straordinario, Milian bravissimo, Adorf è Adorf, Anna Karina incantevole e con una presenza scenica mostruosa, ma anche tutte le altre attrici sono perfette ed ognuna è tratteggiata grandiosamente anche senza avere particolare spazio
    la storia, per chi è ignorante come me e non ne sapeva nulla di queste pratiche, racconta cose letteralmente abominevoli
    sorprende il fatto che in due ore di film (un film di guerra, per quanto sui generis) non ci si accorga del tempo che vola e si arriva in fondo che ci rimani male perchè vorresti continuare e sapere come vanno a finire poi le storie dei protagonisti...

    il dvd 01, benchè letterbox, ha una buona qualità video
    extra zero ma chi se ne frega, dopo un film del genere non hai tempo di pensare ad altro che a quello che hai visto

  3. #3

    Default Re: Le soldatesse (Zurlini 1965)

    Purtroppo il dvd 01 è letterbox come l'edizione che ho io della spagnola Versatil.
    Quindi non esiste un'edizione anamorfica? Boh.
    Una delle scene più disgustose, a parer mio, è quando i soldati truccano la ragazzina e subito dopo arriva l'ufficiale vecchio e zoppo che se la porta in camera.
    Che differenza con la visione da "vacanza" del Mediterraneo di Salvatores...
    Del resto, lo dice lo stesso Zurlini nel libro a lui dedicato a cura di Sergio Toffetti ed edito per Lindau cinema, il suo intento era quello di mostrare come gli italiani, aggressori e invasori, fossero lontani dal mito "italiani brava gente" e che comunque avevano anch'essi, come i tedeschi e altri eserciti, commesso atrocità e atti di violenza, ed in effetti lo mostra nel film in maniera chiara.
    Zurlini afferma poi di essersi pentito di aver aggiunto un po' di toni da commedia ridanciana e popolare, toni che non erano nelle sue corde.
    This glade was a cemetery, this hole a tomb,
    this oblong object the body of the man who had died in the night.


  4. #4

    Default Re: Le soldatesse (Zurlini 1965)

    Quote Originally Posted by Caltiki View Post
    Una delle scene più disgustose, a parer mio, è quando i soldati truccano la ragazzina e subito dopo arriva l'ufficiale vecchio e zoppo che se la porta in camera.
    il disgusto è quasi continuo per tutto il film, a braccetto spesso con l'incredulità
    a me ha fatto ribrezzo ogni "consegna" ma più di tutte quella in cui viene consegnata la ragazza direttamente sul camioncino per risparmiare chilometri Attenzione! Spoiler! Evidenziare la striscia nera per visualizzarlo!

      e lei poverina sale sorridente, perchè erano tutte così assuefatte al loro destino che trovavano normale la situazione, certamente migliore che morire di fame... poi però appena è sul camion attorniata da quelle bestie si vede una lieve smorfia di disagio che ti fa venire i brividi, e la scena finisce lì per pudore, ma quella frazione di secondo basta e avanza  


  5. #5

    Default Re: Le soldatesse (Zurlini 1965)

    Visto finalmente ieri questo splendido film di Zurlini, davvero disturbante come ha scritto robby. Nonostante le parti più leggere, da commedia, resta un fondo amarissimo che permea in qualche modo tutto il film. Nel cast, notevolissimo, ho apprezzato su tutti il grande Mario Adorf, che oltretutto ha la battuta più divertente del film quando ferma il camion e Milian gli chiede perché si sia fermato... "Forza maggiore", risponde. Poi si gira verso il maggiore fascista che sta andando a scopare con Lea Massari, e gli urla "Forza, maggiore!"

    Personaggi splendidamente descritti. Solo Attenzione! Spoiler! Evidenziare la striscia nera per visualizzarlo!

      il finale con il discorso dell'ultima ragazza a letto con Milian mi ha lasciato un po' così: retorico e assolutamente non necessario a quel punto del film. 


Similar Threads

  1. La ragazzola (1965)
    By LaBelvaColMitra in forum VAI AVANTI TU CHE MI VIEN DA RIDERE
    Replies: 10
    Last Post: 21-02-2018, 23:26
  2. La Prima Notte di Quiete - Valerio Zurlini, 1972
    By almayer in forum TUTTO IL RESTO
    Replies: 53
    Last Post: 31-01-2016, 17:56
  3. Made in Italy (N. Loy, 1965)
    By mark920 in forum VAI AVANTI TU CHE MI VIEN DA RIDERE
    Replies: 8
    Last Post: 24-08-2015, 12:35
  4. Le ragazze di Sanfrediano (Zurlini, 1954)
    By Renato in forum VAI AVANTI TU CHE MI VIEN DA RIDERE
    Replies: 2
    Last Post: 12-05-2014, 13:38
  5. Incubus (1965)
    By EDV in forum GENTE DI RISPETTO FORUM
    Replies: 3
    Last Post: 31-03-2007, 15:56

Bookmarks

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •