The Suffering of Ninko
di Norihiro Niwatsukino
2016 colore JP 70'

Giappone, periodo Edo: Ninko e' un novizio presso il tempio Emmei-ji;
tra tutti coloro che aspirano a diventare monaci Ninko e' riconosciuto
come il piu' impegnato e devoto. Tuttavia un ostacolo si frappone tra
lui e la agognata vita monastica, il giovane attrae le donne come il
miele con li orsi! Ovviamente i rapporti sessuali sono vietati per i
sacerdoti o aspiranti tali e alla fine, per evitare di cadere in
tentazione e dopo un inquietante episodio - forse solo sognato -
Ninko fugge dal tempio sperando di riuscire, anche con l'aiuto della
lontananza, a scacciare i propri pensieri impuri. Attenzione! Spoiler! Evidenziare la striscia nera per visualizzarlo!

  Nel suo viaggio
tormentato conoscera' un compagno di viaggio che forse ha colpe piu'
gravi da espiare e alla fine riuscira' a capire le parole del monaco
superiore del tempio che gli suggeriva che la via per non soffrire
degli aspetti che della nostra natura che non ci piacciono sta
nell'accettazione di questi e non nella loro negazione... 




Breve lavoro (circa settanta minuti) di questo regista, che ha
all'attivo solo un corto prima di questa opera, ma lavorato molto
nella produzione video come libero professionista. Il film punta (a
mio parere efficacemente) sul fascino esercitato dal film di costume
del periodo Edo e dalla sua estetica; addirittura qua e la le immagini
dal vivo lasciano spazio a tavole animate che citano le stampe
Ukiyo-e.

Una commedia divertente, spolverata di cultura buddhista e con Attenzione! Spoiler! Evidenziare la striscia nera per visualizzarlo!

  un
finale a sorpresa spiazzante 


; girata con eleganza e perizia nonostante
i mezzi economici evidentemente modesti (credo di aver capito che sia
stata prodotta tramite finanziamento collettivo).

Il DVD inglese contiene anche il corto "Marmellata di Fragole" che, a
mio avviso, non affronta temi troppo dissimili.

Ciao!
C.

PS: non c'entra niente ma quando sono partite le animazioni col
sottofondo del bolero per puro riflesso pavloviano mi e' venuto in
mente Bozzetto