Page 85 of 85 FirstFirst ... 3575838485
Results 841 to 845 of 845

Thread: Dylan Dog

  1. #841

    Default Re: Dylan Dog

    Letto il primo albo del nuovo corso DD Old Boy, che sarà bimestrale e con due storie invece di tre. Così così... la storia della Contu francamente noiosetta ma lei è recidiva, già una sua precedente sceneggiatura per la serie regolare m'aveva lasciato freddino (sarà un limite mio). Quella della Baraldi dignitosa, truculenta il giusto anche se un po' di maniera. Ormai è evidente che su questa collana hanno dirottato quelli che erano gli standard della serie regolare, mentre il DD mensile continuerà a essere laboratorio per gli esperimenti narrativi recchioneschi. Disegni del malefico duo M & G, per la gioia di .
    Last edited by Tuchulcha; 22-06-2020 at 11:58.

  2. #842

    Default Re: Dylan Dog

    Per quanto mi riguarda primo numero di questa nuova collana promosso
    Direi un 6,5
    Prima storia mi ha emozionato e commosso. L'inizio da futuro distopico mi faceva sperare poco, poi prende una piega attualissima, direi necessaria. Come dice Groucho alla fine "toccante"

    La seconda storia torna davvero ad ispirarsi un po' al Dylan delle origini, a quelle storie dell'impossibile il cui mistero alla fine aveva sempre dell'incredibile, del paradossale. Marchio di tanti albi passati
    In questa storie citazioni a non finire, da quelle palesissime tipo Twin Peaks e Shining buttate forse un po' lì a casaccio, ad altre inserite in modo più raffinato (Profondo Rosso) fino ad alcune più nascoste (tipo quella de i Griffin). Anche in questo caso ci può stare con lo storico della serie che ha sempre inserito molte tavole prese da film, quando non intere sceneggiature
    Se questa la diramazione del nuovo corso, non la trovo assolutamente un'uscita superflua

    Piuttosto mi chiedo se tra
    Serie regolare mensile
    Questo nuovo old boy bimestrale
    L'almanacco
    Lo speciale
    I vari color fest (ogni 3/4 mesi)
    E gli immancabili incontri (con morgan lost, con batman e un domani lo faranno anche con topolino)

    Non siano un po' troppe uscite annuali per quanto riguarda gli inediti. Sia per il portafoglio degli appassionati, ma anche per mantenere tutte le uscite su standard qualitativi accettabili
    Credo che a lungo andare farebbero meglio a rivedere e in caso sopprimere qualche uscita, come hanno fatto col Dylandogone. Ad esempio lo speciale io credo non abbia più tanto senso e si potrebbero anche diradare le uscite di color fest e old boy

  3. #843

    Default Re: Dylan Dog

    L'Old Boy sarebbe per loro un suicidio dimezzarlo, vende più della serie regolare ora come ora (non è una supposizione, ho le mie fonti) in quanto oltre ai lettori che comprano tutto a prescindere attira i nostalgici che hanno mollato la serie regolare perché insofferenti delle innovazioni recchionesche. Non so se farlo diventare bimestrale sia una buona idea sul piano della creatività e dei tempi per scrivere le storie ma posso capire il discorso economico. I collezionisti ora come ora acquistano tutto, perfino le ristampe in formato book andavano nonostante le avessero già... la stessa cosa che è accaduta con Tex per anni. Forse rischia di inflazionare il mercato, onestamente non sono in grado di fare previsioni ma credo sia anche dovuto al fatto che a parte Tex, le collane storiche bonelliane ormai vendono pochino. Si buttano a pesce su tutte le iniziative che potrebbero spingere i bonelliani più fedeli a comprare, poi buh. Per me, l'unica collana dylaniata ancora validissima è Il Pianeta dei morti, ma esce 'na volta all'anno quindi...

  4. #844

    Default Re: Dylan Dog

    Bisognerebbe un po' capire il lettore dei fumetti di oggi. So bene che in fatto di vendite tra Tex e tutte le altre collane Bonelli c'è un abisso e Dyaln se la passa male. I lettori o meglio, gli acquirenti di Tex, sono ancora quelli delle origini, una forbice molto ampia che va dagli ultra settantenni (che magari li comprano per nostalgia/rito e non li leggono nemmeno più) a generazioni successive, ma non saprei dire fino a che età (trentenni?)

    Il pubblico di Dylan Dog credo non si discosti molto da quello delle sue origini e magari qualche appassionato di horror che lo compra assieme ad altre collane, dubito sia un fumetto che fa presa sugli adolescenti (anche solo perchè magari lo leggevano/leggono i loro genitori) e credo che i giovani abbiano altri riferimenti ben più smaliziati e moderni

    Io credo che difficilmente il lettore e acquirente di Dylan sia uno (come me) che si è imposto di seguire solo quella serie,ma che 9 su 10 sono appassionati di fumetti che seguono più collane. Ergo non so se sia una mossa azzeccata inflazionare il mercato con così tante uscite (peraltro stando solo agli albi inediti). E bisogna considerare che anche le altre testate storiche Bonelli hanno più o meno pari uscite, più eventuali collane o raccolte che un appassionato può fare al di fuori del mondo Bonelli.
    Alla fine il fumetto resta una forma d'arte estremamente dispendiosa
    Se cinema e musica ,tra abbonamenti vari a piattaforme, volendo il tubo ecc e anche i libri con il kindle sono ormai considerabili beni usa e getta...il fumetto è ancora un bene quasi di lusso perchè implica per forza il possesso dell'oggetto fisico. E la faccenda resta terribilmente dispendiosa

  5. #845

    Default Re: Dylan Dog

    Hai sottolineato quello che secondo me è un aspetto importante nella vita di un fumetto, il ricambio generazionale. Tex ora come ora lo leggono i nostri coetanei, molti li leggevano da bambini come i genitori prima di loro; adesso che le nuove generazioni i fumetti un po' li snobbano perché si divertono con altro, mi domando quale bacino di lettori futuri avranno DD come altre testate bonelliane. Anche qua dentro alcuni utenti hanno ammesso di continuare a comprarlo per ragioni sentimentali e collezionistiche, manco lo leggono più.

Bookmarks

Posting Permissions

  • You may not post new threads
  • You may not post replies
  • You may not post attachments
  • You may not edit your posts
  •